Jazzitalia - Gabriele Coen Atlante Sonoro: Alhambra
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Compagnia nuove Indye – Raitrade 2006
Gabriele Coen Atlante Sonoro
Alhambra


1. Alhambra (G. Coen) 5'41"
2. Belz (J. Jacobs) 6'38"
3. Lake Song (P. Lussu) 6'47"
4. Maldafrica (G. Coen) 7'25"
5. Ana Maria (W. Shorter) 7'22"
6. Los Bilbilicos (Sephardic Traditional) 7'45"
7. Auteyrac (M. Loddo) 6'25"
8. Roma ad agosto (G. Coen) 7'24"
9. Serenata a Maria (M. Ruccione) 8'17"
10. Piccolo tango (G. Coen) 7'55"

Gabriele Coen - sax soprano, tenore, clarinetto
Pietro Lussu - pianoforte
Marco Loddo - contrabbasso
Luca Caponi - batteria
Lutte Berg - chitarra (4, 10)



Un cestello colmo di idee felici, di suoni, di colori, di forme e di profumi diversi.

Una "fortezza rossa" (mutuando il significato arabo del complesso palaziale di Granada) che il sassofonista e clarinettista romano ha costruito con pazienza e dovizia di particolari. Il suo vasto vocabolario armonico e le sue molteplici esperienze sono tutte racchiuse in questo eloquente lavoro. A condividere l'elegante forziere, vi sono Pietro Lussu al pianoforte che conferma il suo gusto per un lirismo mai circoscritto ed una tecnica sopraffina, Marco Loddo al contrabbasso, dotato di una notevole cavata e di ampio spettro sonoro, Luca Caponi alla batteria, sempre garbatamente incalzante e la presenza del raffinato chitarrista svedese Lutte Berg in Maldafrica e Piccolo Tango.



Un crogiolo di alchimie musicali ben fuse da arrangiamenti vivificanti che esaltano le differenti radici etniche dei dieci brani che compongono il lavoro.

E così i suoni si dipanano nella musica ebraica esteuropea con Belz ed in quella mediterranea con Los Bibillicos, quest'ultima resa ancor più calda dai fraseggi del tenore del leader.

Il viaggio intrapreso non poteva non toccare le terre d'oltre oceano. E l'approdo in America è nelle note di Ana Maria, tributo a Wayne Shorter, caratterizzato da un trascinante ed emozionante solo al soprano di Coen.

Le coordinate del viaggio sono prive di vincoli e così i preziosi arredi arabi dell'Alhambra Andalusa si sostanziano nella ricercatezza degli appunti acustici della title track.

Roma ad Agosto, Auteyrac, Lake Song e Piccolo Tango si muovono all'interno della tradizione jazzistica europea ben sostenute dalla pienezza del suono che Lussu, brillantemente, riesce a conferire.

Coen è un regista autorevole, però mai coercitivo nei confronti dei partner a cui lascia sempre ampia libertà espressiva. Così come in Maldafrica, lì dove Caponi può rivolgere il suo personale tributo alla Terra Madre suscitando suggestioni acustiche.

Atlante Sonoro è un progetto iniziato nel 2001, successivo al percorso che Coen ha intrapreso con il gruppo Klezroym - che risale al 1995 - una delle formazioni più importanti di nuova musica ebraica.

Dopo Duende, quindi Alhambra. Linguaggi che si intrecciano appassionatamente ma con una freschezza espositiva del tutto nuova. E senza mai cadere in soluzioni aberranti, come fin troppo spesso – purtroppo – accade.

Atlante Sonoro è un percorso, è uno studio, è libertà espressiva del tutto personale, ma senza stuprare il passato.
Alceste Ayroldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
11/10/2015

Optics (Alice Ricciardi)- Alceste Ayroldi

05/07/2015

Young Jazz Festival 15: "L'undicesima edizione del festival fulginate patrocinato da Umbria Jazz e diretto da Giovanni Guidi ha confermato l'ormai consueto taglio innovativo e la festosa partecipazione di numerosissimi giovani nel nuovo spazio dell'ex cinema Vittoria, oggi denominato Zut!" (Vincenzo Fugaldi)

08/12/2013

Yiddish Melodies In Jazz (Gabriele Coen Jewish Experience)- Gianni Montano

13/10/2013

Roccella Jazz Festival 2013: Trentatreesima edizione per il festival calabrese che, con una nuova direzione artistica, e' stato dedicato quest'anno alla tema della pace. (Vincenzo Fugaldi)

14/04/2013

Piani Diversi (Susanna Stivali)- Marco Losavio

03/03/2013

Joyful (Flavio Boltro 5tet)- Alceste Ayroldi

18/10/2011

Oriental Night Fever (Hector Zazou)- Giovanni Greto

18/08/2011

Challange (Eugenia Munari)- Alessandro Carabelli

10/04/2011

Basentini/Hoffman Quintet alla Casa del Jazz: "Gli arrangiamenti sono ridotti al minimo così come introduzioni e code ma il senso di tutto ciò sta nella prevalenza della pura facoltà improvvisativa, nella ricerca di continui gesti estemporanei. Ogni chorus è diverso dall'altro e la sensazione - a volte - è che Basentini potrebbe continuare a soleggiare all'infinito per la grande varietà di soluzioni lessicali di cui è capace." (Paolo Incani)

07/02/2011

Intervista a Gabriele Coen: "La mia formazione jazz mi ha impedito di diventare un filologo, un esegeta della musica giudaica. Il folk mi ha tenuto lontano dalle secche pericolose del mainstream, dello swing a tutti i costi. Secche nella quale paiono essersi incagliati tanti giovani musicisti, anche talentuosi, della scena jazzistica." (Marco Buttafuoco)

05/12/2010

Charles & Joe (Gianluca Renzi All Stars Orchestra)- Elide Di Duca

05/12/2010

Awakening (Gabriele Coen Jewish Experience)- Vincenzo Fugaldi

01/11/2010

Camera Ensemble (Camera Ensemble)- Paolo Incani

31/07/2010

Stand up...one more time (Ares Tavolazzi - Daniele Pozzovio Quintet) - Marco Buttafuoco

18/05/2010

Bye Bye Lazybird (Gerardo Bartoccini) - Alceste Ayroldi

22/04/2010

Too High (Marco Acquarelli)- Franco Bergoglio

02/12/2009

Elisabetta Antonini presenta il suo album "Un minuto dopo" all'Alexander Platz di Roma insieme a Gabriele Coen, Alessandro Gwis e Paul McCandless. (Laura Mancini)

25/10/2009

Un minuto dopo (Elisabetta Antonini)- Andrea Gaggero

04/10/2009

Reincarnation Of a Lovebird (Pietro Ciancaglini) - Alceste Ayroldi

19/07/2009

Golem (Gabriele Coen Jewishexperience)- Gianni B. Montano

24/12/2007

Bindi in Jazz (Cristiana Polegri)

07/07/2007

Tjololo (Enrico Bracco)

01/10/2006

Gianluca Renzi Sextet a Diagonal Jazz 2006: "Le melodie nascono spesso da un riff di contrabbasso, su cui si sviluppano gli assoli...Il leader del sestetto è in gran forma, accompagna e improvvisa con fervore e gusto del ritmo..." (Andrea Caliò)

13/04/2005

Duende (Gabriele Coen - Atlante Sonoro)

10/03/2005

Solo Trio (L. Cesari - R. Fassi - G. Coen)





Video:
HOT CLUB ROMA - SUR LA ROUTE DE DJANGO ROMA 18 -01-2010
HOTCLUB ROMA - SUR LA ROUTE DE DJANGO ROMA 18-01-2010 TEATRO DEI SATIRI con Moreno Viglione chitarra solista, Emanuele Rastelli fisarmonica, Gianfranc...
inserito il 28/01/2010  da - visualizzazioni: 2816


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 3.361 volte
Data pubblicazione: 16/06/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti