Jazzitalia - Recensioni - Walter Marocchi Mala Hierba: Alisachni
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Max Ionata Three One per la rassegna Boogie Jazz Season presso il BOOGIE CLUB di Roma.

Per i dieci Anni di Milleunanota arriva la cantante brasiliana Rosàlia De Souza.

Dolomiti Ski Jazz 2019. 22° Edizione, dal 9 al 17 marzo 2019: concerti su misura per… sciatori. Il Dolomiti Ski Jazz è un incrocio di passioni: quelle per gli sport invernali, per la black music, per la natura alpina.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

"Musicista Italiano dell'anno" e "Disco Italiano dell'anno" per Franco D'Andrea al Top Jazz 2018.

Marilena Paradisi & Kirk Lightsey in concerto a Roma presso l'Auditorium Parco della Musica.

Susanna Stivali in "Caro Chico" (omaggio a Chico Buarque de Hollanda) all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

Un duo particolare per Notti di Stelle Winter: Enrico Rava e Danilo Rea per la Camerata Musicale Barese.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Walter Marocchi Mala Hierba
Alisachni



Working Bee (2013)

1. Apolide
2. Il mago del memè
3. Tango del pesce azzurro
4. Hobo
5. La cueva del gato
6. Nidi
7. Trebisonda
8. Yalistan
9. Esuli
10. Foradada
11. Bonus tracks

Walter Marocchi - Chitarra acustica ed elettrica, bouzouki
Felice Clemente - sax tenore e soprano
Fabrizio Moscata - pianoforte, tastiere, melodica
Carlo Ferrara - basso
Stefano Lazzari - batteria
Antonio Neglia - chitarra acustica, percussioni, fischi, flauto, bandurria, ciaramella
Ornella Vanoni - voce in (5)
Coro Aquilani In - 5
Fabrizio Barbareschi - percussioni in (8)
Altin Manaf - Giovanna Ferrara: voci in (8)
Roberto Romano - clarinetto in (8)


Il termine contaminazione, piuttosto abusato in questa epoca, sottintende l'idea di mescolare generi musicali diversi per dar luogo ad insalate miste ancor più saporite degli ingredienti usati per prepararle. E' consuetudine, in questi casi, rammentare come anche il jazz sia nato dall'incontro di culture ed esperienze dissimili, come altre correnti artistiche più o meno contemporanee. Walter Marocchi prende di petto la questione licenziando un album concept dove la contaminazione viene inquadrata come risultato dell'incontro di gruppi etnici venuti a contatto per movimenti migratori di popolazioni ricche di valori da trasmettere (ma costrette a spostarsi spinte dall'urgenza di soddisfare le necessità primarie, dal bisogno di sopravvivenza).

Il disco si configura come un viaggio a volo di uccello nelle musiche di molti paesi, seguendo le inclinazioni, le preferenze del leader. E' un itinerario che porta lontano e ci fa conoscere più da vicino, però, la visione estetica del chitarrista milanese. Si passa da "Apolide" giocata su ritmi e figure in stile progressive rock degli anni settanta a "Il mago del Memè" un valzer musette articolato, orientato verso atmosfere blandamente rockeggianti. Nel "Tango del pesce azzurro" una voce in secondo piano espone ricette per cucinare piatti tipici della cucina povera su un ritmo di origine argentina abbastanza convenzionale. "Hobo" è un blues rurale, semplice e greve, fortemente cadenzato, non particolarmente significativo. "La cueva del gato", dedicata ai musicisti clandestini cubani, si avvale dell'interpretazione convinta e convincente di Ornella Vanoni ed è uno degli episodi migliori per la grazia e la severità del tema su un testo diretto di denuncia, di indignazione sociale. "Nidi" è un motivo aperto, introdotto dal suono dell'ocarina, marcato da un pianoforte martellante per un andamento melodico che va in crescendo di tensione. "Trebisonda" deve molto alla lezione del progressive degli anni Settanta, nella prima parte e poi si dirige verso una specie di reggae arabeggiante. E' una trovata, ma l'esito non è memorabile. "Yalistan" ha due anime, la greca e la turca, come i testi recitati dalle due voci ospiti, Altin Manaf e Giovanna Ferrara e riesce a far coesistere mondi apparentemente in contrasto in un cocktail di gusto sapidamente mediorientale. "Esuli" è basato su una melodia dolce e dolente. Contiene un bel solo di Felice Clemente al tenore prima e al soprano successivamente. "Foradada" è un brano che echeggia del sound partenopeo- mediterraneo moderno. E' volutamente ripetitiva, ma la frase portante è tirata un po' troppo per le lunghe.

E' un disco dalle diverse sfaccettature sostenuto da un'idea forte, da un impegno etico-civile decisamente riconoscibile. Musicalmente, però, non tutto marcia per il verso giusto. Ci sono tracce consistenti, ben costruite e pezzi in cui i risultati non sono pari alle premesse, alle intenzioni di partenza.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
20/09/2015

6:35 Am (Felice Clemente Trio)- Niccolò Lucarelli

21/07/2014

Storie d'amore non troppo riuscite (Claudia Cantisani)- Francesco Favano

17/11/2012

Aire Libre (Felice Clemente - Javier Perez Forte)- Enzo Fugaldi

14/08/2012

Una serata di musica suonata bene che conferma l'intelligenza di una programmazione attenta più alla sostanza che all'appeal modaiolo dei nomi da far esibire. (Gianni Montano)

27/05/2012

"Il festival abruzzese dedicato alla figura femminile ha visto nella partecipazione di Ornella Vanoni e Simona Molinari i due appuntamenti clou." (Cinzia Guidetti, Francesco Truono)

29/05/2011

Nuvole di carta (Felice Clemente Quartet)- Alessandro Carabelli

25/12/2010

Doppia Traccia (Massimo Colombo, Felice Clemente)- Francesco Martinelli

18/04/2009

Blue of mine (Felice Clemente )

23/04/2007

Wishlist (Marco Trifilio)

12/12/2004

Inside Me (Felice Clemente)

21/06/2004

Way Out Sud (Felice Clemente Quintet)





Video:
? Gorni Kramer e la sua Orchestra ? Chicago ? Video & Audio Restaurati HD
Dalla trasmissione: Giardino D'Inverno del 1961 il grande Maestro Gorni Kramer Tele Ricordi è il canale di flaniman (Su questa TiVù li appre...
inserito il 30/10/2011  da flaniman2 - visualizzazioni: 4091


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 343 volte
Data pubblicazione: 30/09/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti