Jazzitalia - Ropa 11: Amazing Stories
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Max Ionata Three One per la rassegna Boogie Jazz Season presso il BOOGIE CLUB di Roma.

Per i dieci Anni di Milleunanota arriva la cantante brasiliana Rosàlia De Souza.

Dolomiti Ski Jazz 2019. 22° Edizione, dal 9 al 17 marzo 2019: concerti su misura per… sciatori. Il Dolomiti Ski Jazz è un incrocio di passioni: quelle per gli sport invernali, per la black music, per la natura alpina.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

"Musicista Italiano dell'anno" e "Disco Italiano dell'anno" per Franco D'Andrea al Top Jazz 2018.

Marilena Paradisi & Kirk Lightsey in concerto a Roma presso l'Auditorium Parco della Musica.

Susanna Stivali in "Caro Chico" (omaggio a Chico Buarque de Hollanda) all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

Un duo particolare per Notti di Stelle Winter: Enrico Rava e Danilo Rea per la Camerata Musicale Barese.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Ropa 11
Amazing Stories



Pus(h)in Records 2010

1. London's Diary
2. Pygmy Twylyte
3. Vacuum
4. My Favorite Things
5. Deira
6. Mandala Bay
7. Eternal Hate
8. Riders on the Storm
9. And So Do I
10. Cristallo
11. November in Vegas


Eugenio Mirti - chitarra acustica
Andrea Quaglino - chitarra elettrica
Paolo Inserra - batteria
Michele Anelli - contrabbasso
Ale Muner - tromba
Chiara Onida - voce
Ivan Nirta - chitarra elettrica


Terzo album e nuove storie per i torinesi Rope 11: che si tratti di "amazing stories" probabilmente è vero, nel senso di mirabolanti, sbalorditive, sorprendenti, forse più stranianti che sconcertanti.

L'estetica prefigurata è decisamente non omogenea, per scelta improntata ad uno stile retrò: jazz rock in libertà, una ventata energica di atmosfere anni 70-80, dove la tromba di Ale Muner ripercorre la carica emozionale certamente del Miles Davis elettrico, ma anche di Walt Fowler, Malcom McNabb, Gary Barone, Tom Malone, Sal Marquez, e le chitarre di Ivan Nirta e Andrea Quaglino incedono acide e distorte, in una deriva tutta alla Frank Zappa.

Proprio la struttura inventiva del mago di Baltimora sembra grintosamente prendere il sopravvento nelle evoluzioni della band, nelle suggestioni di un linguaggio jazzistico teso, vibrante, carico di simboli freak e di sfumature d'un hard funk tecnicamente funambolico. Il groove è delineato da variazioni armoniche dal piglio rapido e volutamente eccessivo e graffiante, così come da timbri ritmici sostenuti, tachicardici, eccentrici quanto avrebbe garbato non solo a Frank Zappa ma anche a certo Grunge, a certa New Wave, a certa "fusion modale" di cui non si sono fortunatamente perse le tracce.

Questo dinamismo gutturale nelle progressioni emotive sposta il centro dell'attenzione dalla melodia alla fluttuazione iconoclasta del percepire le note, secondo una forza espressiva poliedrica e destrutturante, in linea con lo styling di Robert Fripp, Adrian Belew, John Abercrombie, Hiram Bullock, Larry Coryell, Bill Frisell, ad esempio.

Allora può essere logico (o alogico, fa poca differenza nel contesto) proporre una sconnessa "My Favourite Things", dimentica del fatto che fu scritta da Rogers ed Hammerstein (ma quanti di noi non la direbbero composta da John Coltrane?) e riletta in modo oscuro ed inquieto; oppure reinventare in maniera tutt'altro che ossequiosa "Riders on the Storm", note dilaniate ma riconoscibili dal giro di basso, secondo una linea melodica resa ancor più lunare di quanto non abbiano fatto i Doors stessi, sostenuta dall'improvvisazione (molto bella, in verità) della tromba acida e percossa negli acuti e dalle flessioni jazzy, antropofaghe e stravolte, della chitarra.

Forse il testo di "Eternal hate" ("Smetti di parlare, non posso sopportare ancora le tue chiacchiere invadenti…voglio dare spazio alla mia mente e dimenticare"), agilmente cantato da Chiara Onida, può essere la dichiarazione di un intento nemmeno tanto nascosto di lanciare energia cinetica tormentata? Forse no, a noi piace pensare che vi sia qualcosa di più intrigante e seriamente cialtronesco, di più furioso col rapporto col mondo musicale (e non solo).

Come Zappa avrebbe detto: " parlare di musica è come ballare di architettura". Ed infatti mentre passava dal rock alla serissima parodia del jazz, da Boulez all'oltraggio tanto minaccioso quanto divertito della "classica", dalla trasgressione futurista degli arrangiamenti orchestrali alla citazione di Coltrane e Monk, con fare ironico e stralunato sezionava straordinarie citazioni di Varèse, Webern e Stockhausen…

Fabrizio Ciccarelli per Jazzitalia













Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.661 volte
Data pubblicazione: 06/02/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti