Jazzitalia - Fabio Accardi: Arcoiris
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Edizione Speciale, il nuovo album di Enrico Rava.

Si è spento all'età di 95 anni la grande icona della chitarra jazz Franco Cerri..

Annunciato il San Severo Winter Jazz Festival 2021, 7 concerti internazionali dal 29 ottobre al 1 aprile 2022..

Pubblicato "The Rising Sun" il nuovo e quarto album del chitarrista modern jazz Fabrizio Savino.

ECM: le novità in uscita della prestigiosa casa discografica tedesca. .

Open Day del Saint Louis Music School dedicato al Master in I livello in Music Business & Management. .

Al via il Premio Rota 2021. Un'edizione dove accanto alla consegna dei riconoscimenti vi sarà tanta musica dal vivo. .

Morto Don Marquis (4 maggio 1933 - 29 luglio 2021) indimenticabile storico del jazz e autore del volume “In search of Buddy Bolden: first man of jazz".

Ciao Paolo, musica e Jazzitalia in lutto per la scomparsa del sassofonista Pietro Paolo Mannelli. Aveva 84 anni..

Disponibile dal 2 dicembre per Adda Editore il libro "Paolo Lepore e la Jazz Studio Orchestra" curato da Alceste Ayroldi.

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            BLASIOLI Simone (sax)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISPINO Luca (chitarra)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            CUOCO Ramon (tromba)
            GADDI Piero (pianoforte)
            GHIDONI Davide (tromba)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MAZZA Cristina (sax)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Fabio Accardi
Arcoiris



Mordente Records - 2010

1. Cotanta Speme
2. A/R
3. Chanson pur un film a faire
4. El Gato
5. Chissà, forse un giorno
6. Tesi al cambio
7. As Vezes
8. Settembre
9. Missed Departure
10. Iles Lontaines

Fabio Accardi - batteria
Mauro Gargano - contrabbasso
Sandro Zerafa - chitarre
Jocelyn Mienniel - flauto e sax soprano (traccia n.6)
Stephane Carracci - vibrafono
Nicola Andrioli - pianoforte (tracce: 1, 3, 5, 8, 10)
Remy De Corbeille - pianoforte (tracce: 2, 4, 6, 7, 9)
Chrystophe Panzani - sax soprano (tracce: 2, 4, 8, 9), sax tenore (traccia 6)
Robin Verheien - sax soprano (tracce: 1, 3, 8)


E' sicuramente il momento del drummer. Sono sempre di più i batteristi che vanno ad assumere il ruolo di leader, affrancandosi dallo stereotipo (tranne le eccezioni che la storia ci tramanda) di gregario che la vita musicale gli aveva imposto.

Fabio Accardi non ha ancora raggiunto i trentasette anni, ma ha già alle spalle un bel fardello di esperienze ed un consistente background di studi, quelli fatti bene. Pluridiplomato, tra il Conservatorio dell'Abaco di Verona, dove ha studiato percussioni classiche ed il Conservatorio Superiore Nazionale di Parigi. Ha mosso i suoi primi artistici passi a Bari, sua città natale; in particolare rendendosi protagonista – negli anni '90 – del movimento culturale Fez, con a capo Nicola Conte. Di lì in poi, ha suonato e coordinato ensemble di ogni tipo, spalleggiato da eccellenti musicisti provenienti da ogni dove. Per il che, anche la discografia è pesante quanto il suo curriculum, arricchita anche di una produzione targata Blue Note Records: il quartetto Indigo 4, con Petrella, Dalla Porta e Bearzatti. Va da se che la sua musica sia eterodossa, piena di influenze anche dovute alla sua permanenza in terra di Francia.

Arcoiris è la sintesi di una sua momentanea maturità artistica, profumata di chanson e ricca di orchestralità clarkebollandiana. Accardi ha il piglio da leader e si sente nel suo carezzevole percuotere i tamburi e piatti e nel segnare i cambi di tempo e metrica con il ride. Una continua ricerca timbrica ed una perfetta tecnica esecutiva, calorosa, mediterranea, completano il quadro.

Dieci composizioni scritte ed arrangiate dal batterista barese, ognuna delle quali apre ad un mondo musicalmente diverso, seppur omofono. Tracce dotate tutte di una consistente cantabilità, mai banali e sempre ottimamente strutturate ed elaborate. Prova ne sono le ondivaghe variazioni metheniane di A/R e le sottigliezze stilistiche ben sottolineate dal vibrafono del bravo Stephane Caracci; dalle edificazioni melodiche calibrate di Jocelyn Mienniel al flauto e di Sandro Zerafa alla chitarra in Chanson pur un film a faire. L'intercambiabilità delle cellule melodiche segue quella del succedersi nell'ensemble di diversi musicisti, ognuno con il proprio inequivocabile suono. Altro aspetto che misura lo spessore di questo lavoro. L'avvicendarsi di Andrioli e De Cormeille al pianoforte e Panzani e Verheien ai sassofoni, garantiscono una maggiore vivacità nell'esposizione dei temi, tutti interessanti che giocano "all'italiana" accarezzando la Francia. Jazz europeo, tinto di colori classici, contemporanei, dalla matrice filmica, come nella significativa ed accattivante Settembre.

Arcoiris è un bel lavoro fresco, nuovo, che merita attenzione.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia








Articoli correlati:
08/12/2013

Nostalgie de l'avenir (Stefano Maurizi)- Francesco Favano

16/06/2013

Magnolia (Mirko Signorile)- Roberto Biasco

20/01/2013

The Jazz Convention: "...un confronto tra musicisti che portano con sè la propria storia e soprattutto idee fresche e nuovi stimoli..." (Alceste Ayroldi)

24/06/2012

Mo' Avast Band (Mauro Gargano)- Gianni Montano

28/07/2011

The Dreamer (Marco Bardoscia) - Alceste Ayroldi

27/11/2010

The Police songbook (Paola Arnesano)- Gianni B. Montano

23/10/2010

X (Suite for Malcolm) (Francesco Bearzatti Tinissima 4et feat. Napoleon Maddox)- Gianni B. Montano

05/04/2010

Pulsar (Nicola Andrioli Paris Quartet)- Andrea Gaggero

09/04/2008

voyage (The 3 moons)

23/09/2007

Gianluca Petrella e il jazz spaziale del Bread and Tomatoes Trio: "Atmosfere lunari e un tocco d’Africa nel concerto di Petrella: il trombone sposa felice e contento l’elettronica" (Marco Buttafuoco)

05/05/2007

Alba (Nicola Andrioli)

29/03/2007

Mirko Signorile Trio al Trappeto di Monopoli: "...Gli arti come valide appendici di piano, contrabbasso e batteria, le mani come metronomo delle pulsazioni indomabili di Signorile che riesce straordinariamente a battere e suonare il piano come se in lui ci fossero due musicisti in uno, due mani per due emisferi e modi di concepire la musica differenti ma sorprendentemente complementari..." (Angelo Ruggiero)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 2.898 volte
Data pubblicazione: 09/05/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti