Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

ObliqSound
Bebo Ferra – Paolino Dalla Porta
Aria


1. Corale (P. Dalla Porta)
2. Matisse's Dance (P. Dalla Porta)
3. 57/37 (B. Ferra)
4. Spleen (B. Ferra)
5. Amor sacro, amor profano (P. Dalla Porta)
6. My man's gone now (G. Gershwin)
7. Ninna nanna per Lele (B. Ferra)
8. El noy de la mar (trad. catalan)
9. L'uomo degli ombrelli (P. Dalla Porta)

Bebo Ferra - classical and acoustic guitars
Paolino Dalla Porta - double-bass


Una chitarra bisbigliata, un contrabbasso leggero a dispetto della sua mole, un CD denso di emozioni, rifinite come il tocco dei due protagonisti, Bebo Ferra e Paolino Dalla Porta, jazzisti che insieme collaborano dal '95 in formazioni e progetti discografici vari e che nel '97 decidono di costituirsi in duo stabile, galeotta una rassegna di duetti acustici con musiche originali, organizzata dal Centro Meridionale di Cultura Italiana.



Questa seconda uscita, Aria, per l'etichetta tedesco-americana Obliqsound, segue Bagatelle, uscito nel 2002 per l'italianissima Splasc(h), che già sanciva le direttrici progettuali del duo, fondate sulla propensione per componimenti brevi in durata, semplici in struttura ed immediati in intelligibilità. Ed anche qui, infatti, la formula è la medesima, una dimensione prettamente cameristica, d'estrazione euro-mediterranea quindi, ma con approccio e linguaggio ascrivibili alla matrice jazz, in una sintesi che consente ad entrambi i jazzisti di spiegare la propria carica espressiva e soprattutto la propria tecnica all'impronta.

I due musicisti si spalleggiano e supportano a vicenda, e la minimalista formula del duo impone al contrabbassista, già dal primo brano, Corale, d'interagire attraverso un intenso e contrappuntato assolo. Armonici sulle corde di Dalla Porta che sospingono verso l'alto le note di Ferra in Matisse's Dance, quasi a rendere un etereo commento musicale all'autore dei surreali dipinti cui è dedicato questo pezzo. Poetico e molto articolato per tutta la lunghezza del manico l'intervento del contrabbassista, se ne percepiscono i respiri che sottolineano la chiusura delle frasi e la tensione, come suonasse in apnea. E si prosegue con il malinconico 57/37, che esalta la reciproca sovrapposizione, e la struggente Spleen, quasi cinematografica, quindi un arioso tempo in tre, che procede agogicamente ora incalzando ora rallentando, creando una sensazione ciclica, che cattura quasi a spirale: Amor sacro, amor profano, in un lirismo non mieloso, che gioca anche con le differenti "voci" ed anime in dotazione al contrabbasso, prima pizzicato, poi vibrato con l'archetto, sugli arpeggi di Ferra, che ne rende ancora più profondo e corposo il timbro, di impeccabile intonazione. Quindi i giri d'istantaneità, prima Dalla Porta, poi il fluido fraseggio di Ferra, con melodia e svisature che offrono un bell'esempio della loro cantabilità.

Particolare la versione "da camera" della gershwiniana My man's gone now, che, pur perdendo il tratto più eminentemente blues, mantiene la pulsazione swing, restando pure carica di emotività grazie all'incedere incespicante. Carezzevole la Ninna nanna per Lele di Ferra, ingresso solitario del contrabbasso che traccia il letto su cui far adagiare le linee tematiche della chitarra, un periodare che nell'inciso estemporaneo, ancora del contrabbasso, riecheggia il portamento di certe ballads folk blues. Altro piccolo e tenero ritratto acquerellato è El noy de la mar, un canto tradizionale catalano la cui morfologia per linearità aderisce perfettamente ai canoni ideali di questo duo, tracciando il percorso melo-armonico per la pacata rielaborazione improvvisativa dei due strumenti. Un "vamp" a due accordi dissonanti, L'uomo degli ombrelli, andatura strascicata sulla quale gravemente il contrabbasso enuncia il disegno motivico, coagulato quasi interamente sullo sviluppo di una scala modale alterata, che modula nella relativa minore durante il turno d'estemporaneità della chitarra.

Certo questo disco deve fare i conti con vari ed illustri precedenti, e viene subito in mente l'impareggiabile pietra miliare del genere a firma Haden/Metheny, cui per sonorità in alcuni tratti si avvicina, anche se lì i brani già noti rendevano molto più accessibile l'ascolto. Semmai, la prova dei due italiani manca – scientemente – della vigorìa ritmica e quasi bop di pagine ineguagliabili quali "Chops" del duo Pass/Pedersen, così come dietro le quinte resta l'estro "arrangiativo" che invece traspira dagli album dei duetti di Jim Hall. Ma a ben sentire, in Aria già in partenza è diversa l'intenzione, perché le composizioni originali la fanno da padrone e nessuna di esse supera gli otto minuti, proprio come nella tradizione delle "classiche" bagattelle; e se anche l'ultimo lume di jazz nel cd fosse acceso dalle improvvisazioni dei due jazzisti, ciò basterebbe ad illuminare di buona musica lo spirito di questo lavoro e di chi lo ascoltasse.
Antonio Terzo per Jazzitalia







Articoli correlati:
15/07/2017

Javier Girotto & Bebo Ferra: "...abilità e padronanza tecnica, qui assoluta, sempre al servizio della musica e della possibilità di comunicare con l'altro." (Andrea Gaggero)

15/08/2016

Initiation (Cigalini, Tessarollo, Dalla Porta, Roche Quartet)- Niccolò Lucarelli

03/01/2016

Oregon: il fascino intramontabile della ricerca: "Complessi, raffinati, intensi, questo dopo tanti anni sono ancora oggi gli Oregon per la XX edizione di ParmaJazz Frontiere" (Barbara Bianchi)

26/10/2015

3 of Visions (Ferra, Dalla Porta, Sferra)- Niccolò Lucarelli

20/09/2015

6:35 Am (Felice Clemente Trio)- Niccolò Lucarelli

25/05/2015

December Soul (Zlatko Kaucic Trio)- Enzo Fugaldi

11/01/2015

ParmaJazz Frontiere Festival: "...per il diciannovesimo anno consecutivo, si conferma come uno dei festival più interessanti d'Europa." (Andrea Grossi)

23/06/2014

These Days (Gianluca Di Ienno Release-3)- Alceste Ayroldi

21/12/2013

Quattro chiacchiere con...Lara Iacovini: "Ci vuole coraggio per osare, ma se nessuno lo facesse...beh, sappiamo bene cosa accadrebbe." (Alceste Ayroldi)

08/12/2013

Beyond (Mattia Cigalini)- Enzo Fugaldi

15/09/2013

Desertico (Paolo Fresu Devil 4et)- Alceste Ayroldi

21/07/2013

Marcel & Solange Trio e Giovanni Falzone Quintet "Around Ornette": Nell'ambito del festival "Una Striscia di Terra Feconda", il Marcel & Solange trio con le loro "atmosfere minimaliste e rarefatte" e il personale omaggio a Ornette Coleman di Giovanni Falzone con suo Quintet. (Valeria Loprieno)

21/04/2013

Paolo Fresu Devil Quartet: "...una formazione che si conferma ai massimi livelli del jazz italiano e internazionale, riuscendo a coniugare una ricerca musicale raffinata ed innovativa con la capacità di catturare emotivamente un vasto pubblico." (Roberto Biasco)

24/02/2013

Specs People (Bebo Ferra)- Alceste Ayroldi

17/02/2013

Acrobats (Tino Tracanna)- Alceste Ayroldi

02/11/2012

Coltrane Project (Riccardo Fioravanti Trio)- Alceste Ayroldi

13/01/2012

Around Ornette (Giovanni Falzone Quintet) - Alceste Ayroldi

15/05/2011

Giovanni Falzone in "Around Ornette": "Non vi è in tutta la serata, un momento di calo di attenzione o di quella tensione musicale che tiene sulla corda. Un crescendo di suoni ed emozioni, orchestrati da Falzone, direttore, musicista e compositore fenomenale, a tratti talmente rapito dalla musica da diventare lui stesso musica, danza, grido, suono, movimento. Inutile dire che l'interplay tra i musicisti è spettacolare, coinvolti come sono dalla follia e dal genio espressivo e musicale del loro direttore." (Eva Simontacchi)

23/04/2011

My Life (Mauro Bottini 4tet) - Eva Simontacchi

20/03/2011

Nice One (Nick The Nightfly)- Alessandro Carabelli

27/11/2010

Codice 5 (Giovanni Tommaso Apogeo) - Alceste Ayroldi

23/10/2010

4 Out (Francesco Cafiso)- Alessandro Carabelli

16/08/2010

Igloo (Remo Anzovino)- Antonio Terzo

06/06/2010

Terza edizione del Reggio Calabria Top Jazz Festival: "...il concerto memorabile è stato quello del quartetto "Tinissima", una delle opere più importanti del jazz europeo degli ultimi anni, e nella dimensione live raggiunge una compiutezza che la già notevole registrazione in studio faceva solo intuire. A supporto della musica, una serie di struggenti fotografie di Tina Modotti proiettate a cura di Antonio Vanni." (Vincenzo Fugaldi)

09/05/2010

Intervista a Bebo Ferra: Io sono e resto un musicista di jazz. "Se le basi del linguaggio jazz sono comuni la nostra storia ci obbliga a differenziarci dagli improvvisatori d'oltreoceano. E non è solo un esigenza artistica. Io voglio raccontare, far sentire, qualcosa di me, delle mie origini, della la terra in cui sono nato. Non vuol dire che devo improvvisare su materiali sardi. Vuol dire che vorrei che la mia anima venisse in qualche maniera narrata dalla mia musica" (Marco Buttafuoco)

13/02/2010

Luar (Bebo Ferra) - Marco Buttafuoco

03/07/2009

Paolo Fresu Devil Quartet, Tom Harrell, Jerry Bergonzi al Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine, diretto da Francesco Cafiso: "...una manifestazione che vuole crescere, quest'anno la rassegna si internazionalizza, grazie alla presenza di musicisti molto apprezzati in Europa e nel mondo." (Antonio Terzo)

18/04/2009

Blue of mine (Felice Clemente )

12/01/2009

Native Quartet (Native Quartet)

01/01/2009

European Jazz Expo 2008, 26a edizione del Festival Internazionale Jazz in Sardegna: "La formula sperimentata da alcuni anni è quella della full immersion di tre giorni in una vetrina delle ultime tendenze che vedono il jazz legarsi ed intrecciarsi in un meltin' pot tra tutti i generi musicali, con il risultato della creazione di importanti "fusioni", spesso estemporanee: un laboratorio continuo di contaminazioni, collaborazioni e jam session tra le più diverse componenti del jazz e della world music." (Viviana Maxia)

01/01/2009

European Jazz Expo 2008, 26a edizione del Festival Internazionale Jazz in Sardegna: "Consiste in una splendida "pietra sonora" di Pinuccio Sciola il premio alla carriera conferito ad Antonello Salis nell'edizione 2008 dell'European Jazz Expo di Cagliari. Il cinquantottenne musicista sardo ha ricevuto così, con l'umiltà e la timidezza che lo contraddistinguono, un meritato riconoscimento del suo personalissimo e inconfondibile talento." (Enzo Fugaldi)

21/12/2008

Stylus Q (Stylus Q)

19/08/2008

Reggio Top Jazz Festival 2008: "Il sondaggio fra i critici specializzati che il mensile Musica Jazz dedica da ben cinque lustri al meglio del jazz in circolazione, in questo venticinquesimo anno è stato per la prima volta incentrato esclusivamente sul jazz italiano. Da qui la nascita del Reggio Top Jazz Festival, che nella prima edizione ha schierato buona parte dei vincitori del referendum, durante quattro serate primaverili nella città di Reggio Calabria." (E. Fugaldi - G. Taormina)

15/08/2008

Il sole di un attimo (Ada Montellanico)

12/08/2008

Suoni Naviganti nel sagrato del quattrocentesco Convento dell'Annunciata: "Il festival ci ha presentato artisti prestigiosi ed un repertorio molto vario, tale da soddisfare il pubblico più vasto..." (Rossella Del Grande)

24/03/2008

Identità (Massimo Manzi)

24/02/2008

Tenco's Jazz, l'anima Jazz della musica di Luigi Tenco: "Il Jazz in fondo ci faceva sentire un po' più nobili. Era uno dei pochi universi in cui ci si potesse riconoscere. Ci serviva per oltrepassare una musica leggera deteriore, impraticabile. Dovevamo per forza individuare un filone nuovo, che in pratica emerse da un miscuglio di jazz e altro..." (Roberto Arcuri)

11/02/2008

European Jazz Expo. International Talent Showcase, 25° Jazz in Sardegna: "Sono impressionanti i numeri dell'expo cagliaritana: 7 sale affollate in 4 giorni da oltre 400 artisti e oltre 20.000 spettatori, in una Città della musica allestita appositamente all'interno della Fiera internazionale della Sardegna. Quest'anno si festeggiavano i 25 anni dell'esistenza di questo celebre evento e...Orientarsi all'interno della pantagruelica offerta musicale cagliaritana è arduo." (Enzo Fugaldi)

08/01/2008

Giovanni Tommaso Apogeo Quintet al Jazz Club di Perugia: "Non ce ne vorrà Giovanni Tommaso se il "Giovanni Tommaso Apogeo Quintet", dal concerto della stagione del "Jazz d'inverno" di Perugia, lo chiameremo: "Apogeo"...semplicemente! Una magica alchimia musicale che ha saputo offrire una performance di rara forza ritmica e di ricercata raffinatezza espressiva." (Marcello Migliosi)

27/10/2007

Maremma (Raffaello Pareti)

14/10/2007

Clusone Jazz 2007: "Clusone divenuta famosa grazie anche all'idea di Bennink, Moore e Reijseger, che diversi anni or sono decisero di dare al loro trio il nome di quel luogo magico in cui si era costituito, ma oggi vanta una fama internazionale per meriti propri: per il clima (tra artisti e organizzatori) e per la qualità della musica offerta, tanto, che gli organizzatori hanno deciso di esportare il loro sapere e conoscere altrove..." (Luca Vitali)

30/09/2007

Festival "Note di Notte 2007" con Paolo Fresu e Uri Caine in un duo che ha saputo craere "pagine di musica indimenticabili" e Raffello Pareti, Mauro Negri e Bebo Ferra "per un evento musicale che ha ancora una volta confermato la bontà e l'universalità del jazz italiano" (Giuseppe Mavilla)

15/09/2007

Sergio Cammariere ad Alberobello: "...sembra suonare come uno spettacolo pirotecnico per un evento che per una notte ha colorato i trulli di Alberobello di emozioni, poesia ed architettura della musica." (Angelo Ruggiero)

01/08/2007

Intervista a Raffaello Pareti: "La realtà che viviamo è complessa e difficile da capire, per non perdere il contatto con la parte più profonda della mia identità quando la sento in pericolo, cerco di mettermi in una prospettiva che mi allontani dal fuori per poter meglio ascoltare il dentro. Questa sorta di profilassi dell'io provoca delle risonanze ancestrali, in questo senso lo sguardo alle cose lontane mi aiuta a recuperare senso quando non lo trovo nel presente." (M. Losavio - G. Mavilla)

11/03/2007

Crocevia (Max De Aloe)

01/08/2006

Live (Biba Band)

04/02/2006

Note a margine, intervista parallela a quattro contrabbassisti: Pietro Leveratto, Paolino Dalla Porta, Ferruccio Spinetti, John Patitucci (Antonio Terzo)

04/06/2005

Encanto (Attilio Zanchi - Naco - Bebbo Ferra)

09/02/2005

Mari Pintau e Megatones per Pinocchio Jazz: "...Mari Pintau funziona bene, e i quattro sul palco del Pinocchio lo hanno dimostrato...Meno trasparenze, musica concreta, urbana, a volte astratta ma comunque caratterizzata da un forte legame con la melodia per i Megatones..." (Paolo Carradori)

02/04/2004

Mari Pintau (Bebo Ferra)





Video:
Anthropology - Dizzie GIllespie / Charlie Parker - Davide Benecchi & The Jazz Masters
Davide Benecchi has achieved the diploma in "Mastering Jazz Guitar", a course held by Bebo Ferra at Accademia del Suono., "The Jazz Mas...
inserito il 04/10/2009  da accademiadelsuono - visualizzazioni: 4085
Have you met Miss Jones - Hart & Rodgers - Francesco Arzani & The Jazz Masters - Mastering Jazz Bass
Daniele Cortese is a second year student of "Mastering Jazz Bass" a course held by Riccardo Fioravanti at Accademia del Suono., "The J...
inserito il 03/10/2009  da accademiadelsuono - visualizzazioni: 3519
Straight, no chaser - Thelonious Monk - Daniele Cortese & The Jazz Masters - Mastering Jazz Bass
Daniele Cortese is a first year student of "Mastering Jazz Bass" a course held by Riccardo Fioravanti at Accademia del Suono., "The Ja...
inserito il 03/10/2009  da accademiadelsuono - visualizzazioni: 3746
Bebo e Tino
Prima di un concerto di Bebo Ferra al museo Nivola...
inserito il 06/09/2008  da deandrade82 - visualizzazioni: 2965
Bruno De Filippi STARDUST
Bruno De Filippi Guitar, Renato Sellani Piano, Paolino Dalla Porta Basso, Pietro Sala Batteria, , LIVE IN MILANO 1985...
inserito il 16/01/2008  da mariopela - visualizzazioni: 3251
Ehia - Bebo Ferra / Paolino Dalla Porta
This video features Bebo Ferra and Paolino Dalla Porta playing "Ehia" at Jazz in Arnhem festival....
inserito il 08/10/2007  da beboferra - visualizzazioni: 3125
Bagatella Mediterranea - Bebo Ferra / Paolino Dalla Porta
This video features Bebo Ferra and Paolino Dalla Porta playing "Bagatella Mediterranea" at Jazz in Arnhem festival....
inserito il 04/10/2007  da beboferra - visualizzazioni: 3013


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 5.186 volte
Data pubblicazione: 10/10/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti