Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Videoradio VRCD0489 2003

Stefano Bagnoli - Brushtime trio
Around Satchmo

1. Dardanella
2. Royal garden blues
3. Rockin' chair
4. Hello Dolly

5. Jazz me blues

6. When it's sleepy time down South
7. Rosetta
8. Do you know what it means to miss New Orleans?
9. Shine
10. A Barret Deems
11. When the Saints go marchin' in

Stefano Bagnoli drums
Mauro Negri
tenor sax
Marco Micheli
double bass

 



Via Giovanni da Udine 34
20156 Milano - Italia
Tel.(+39) 02 38093284/5
E-Mail: videoradio@tiscali.it
Web Site: www.videoradio.org

"…Ed ora signori e signore, abbiamo il piacere di presentarvi il grande Louis Armstrong"

Frase riferita al concerto del famoso trombettista di New Orleans del 1955 in teatro a Milano, per rendere omaggio ad Armstrong ed alle storiche formazioni milanesi "Milan College" e "Lambro" che per anni proposero al pubblico molti brani del trombettista.

Bagnoli raccoglie l'eredità dell'inventore dello scat e delle formazioni combo che hanno interpretato brani appartenenti alla storia del Jazz, attinge dalla tradizione e dalle generazioni che gli hanno confidato il fascino ed il sound di una musica evergreen rileggendo in chiave moderna alcuni suoi cavalli di battaglia; una dichiarata stima che uno dei batteristi italiani più apprezzati a livello internazionale, esprime in maniera personale e moderna confidando nell'estro e nelle doti dei musicisti del Brushtime trio.

Stefano Bagnoli è leader del trio e soprannominato Brushman per l'innato e virtuoso uso delle spazzole, con lui altri due giovani musicisti che vantano numerose e rilevanti collaborazioni a livello internazionale: il sassofonista Mauro Negri ed il contrabbassista Marco Micheli.

L'esecuzione in trio consente una chiara lettura degli strumenti e dei singoli virtuosismi, l'assenza però di un partner negli assoli o di uno strumento in grado di produrre accordi rende a volte faticoso l'ascolto. C'è da dire comunque che molti dei brani proposti hanno una struttura abbastanza agevole da seguire con il solo supporto del contrabbasso di Micheli il quale, tra l'altro, sostiene l'armonia con note profonde, ottimo sustain e rigorosa precisione.

Si evidenzia in particolare l'estro, oramai noto, di Bagnoli e la capacità di trascinare tutto il trio in originali evoluzioni ritmiche. Negri si accomoda quindi su una base ritmica affidabile, esegue la melodia e si esprime con inventiva negli assoli esibendo fraseggi a volte volutamente spigolosi troncando le note finali, o molto soft in delicate armonie in cui il timbro grave del tenore richiama alla tradizione.

Durante l'ascolto, si notano gli interventi sulla matrice ritmica dei brani; un'originale "Hello Dolly", introdotta dai tamburi di Bagnoli scorre con naturalezza in una piacevole versione slow; in "When it's sleepy time down south" traspare il sound più emotivo e melodico di Negri, e Micheli con il suo assolo, crea un'apprezzabile pausa concedendo respiro all'azione solistica del sax.

"Jazz me blues" inizia sulle note di una melodia molto conosciuta e si sviluppa su base ritmica crescente in cui l'evoluzione di Negri diventa più complessa; si notano un buon supporto interlocutorio del contrabbasso e l'assolo di Bagnoli.

"A Barrett Deems", di Bagnoli, è dedicata al "più veloce batterista del mondo". Così era apostrofato Barrett Deems, batterista di Armstrong nel periodo '54-'58. Il brano è basato su una struttura in cui gli strumenti assumono le sembianze ritmiche e percussive della batteria.

Una versione ironica di "When the saints go marchin'in" chiude la sequenza degli undici brani dedicati al grande Satchmo.

Un progetto certo ambizioso, come lo sono tutti i tributi, ma intelligentemente basato su aspetti che non portano l'ascoltatore ad un paragone ne' con altri lavori ne' tantomeno con Armstrong stesso. La peculiarità principale è nel ritmo insito in questi brani e in come una voce solista riesca ad incastrarsi senza la scansione dell'armonia mediante l'uso di accordi sfruttando quindi ogni possibilità di interplay. Il fraseggio stesso di Negri, infatti, "gioca" molto più con varie figurazioni ritmiche piuttosto che con schemi armonici che sarebbero stati, su questi brani, senza dubbio più scontati.
Franco Donaggio per Jazzitalia





Articoli correlati:
19/07/2015

Messina Sea Jazz 2015: "Quattro serate all'insegna del jazz, otto formazioni, una grande orchestra e un unico prezioso fil rouge: la Sicilia." (Nina Molica Franco)

08/12/2013

Beyond (Mattia Cigalini)- Enzo Fugaldi

15/09/2013

Desertico (Paolo Fresu Devil 4et)- Alceste Ayroldi

21/07/2013

Vittoria Jazz Festival Music & Cerasuolo Wine: Il festival diretto da Francesco Cafiso continua con determinazione a mantenere alta la fiamma del jazz di qualità in Sicilia, alternando star internazionali, nuove proposte europee e validissimi talenti isolani. (Vincenzo Fugaldi)

25/05/2013

Un Altro Viaggio (Stefano Bagnoli We Kids Trio)- Marco Losavio

21/04/2013

Paolo Fresu Devil Quartet: "...una formazione che si conferma ai massimi livelli del jazz italiano e internazionale, riuscendo a coniugare una ricerca musicale raffinata ed innovativa con la capacità di catturare emotivamente un vasto pubblico." (Roberto Biasco)

07/10/2012

Portraits (Fabio Crespiatico)- Matteo Mosca

16/07/2011

Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine: "Alla quarta edizione, il festival di Vittoria si conferma come uno dei più importanti eventi musicali organizzati sul territorio siciliano. La formula prescelta dal direttore artistico è quella di dilatare nel tempo gli incontri musicali, concentrandoli in quattro fine settimana della tarda primavera, valorizzando uno dei quartieri più suggestivi della città, la restaurata Piazza Enriquez, e coinvolgendo, grazie a concerti e jam session notturne, una quantità di pubblico davvero rilevante, composto in parte da giovani e giovanissimi, portatori di un entusiasmo che fa davvero ben sperare sul futuro del jazz, almeno in questa parte della Sicilia." (Vincenzo Fugaldi)

24/04/2011

Harmonitaly (Federico Bertelli - Riccardo Arrighini trio)- Gianni B. Montano

06/03/2011

Intervista a Diego Baiardi: "...il mondo in questo momento abbia bisogno di forme artistiche che elevino, dunque se un disco ti eleva a livello vibrazionale, ti porta su di un piano di pace e apertura spirituale. Un disco ha la possibilità di modificare delle vibrazioni e di riportare l'ascoltatore su di un piano più positivo, meditativo." (Eva Simontacchi)

04/12/2010

Moti ondosi (Diego Baiardi quartet)- Gianni B. Montano

23/10/2010

4 Out (Francesco Cafiso)- Alessandro Carabelli

19/06/2010

Say The Truth (Gabriele Boggio Ferraris Quartet)- Rossella Del Grande

24/04/2010

Steppin' Out (Idea 6)- Luca Civelli

03/07/2009

Paolo Fresu Devil Quartet, Tom Harrell, Jerry Bergonzi al Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine, diretto da Francesco Cafiso: "...una manifestazione che vuole crescere, quest'anno la rassegna si internazionalizza, grazie alla presenza di musicisti molto apprezzati in Europa e nel mondo." (Antonio Terzo)

19/04/2009

"Let's Get Lost: Chet Baker ed il Messaggio nella Bottiglia" nell'ambito del Piacenza Jazz Fest ideato da Luca Bragalini con conferenza e concerto con il Paolo Fresu. (Stefano Corbetta)

08/03/2009

Sunday Afternoon (Andrea Dulbecco Trio )

23/08/2008

From east to west (Menconi, Fioravanti, Bagnoli)

21/06/2008

Note Basse (Riccardo Fioravanti Quartet)

22/03/2008

Francesco Cafiso, be bop, ma non solo!. "Il quartetto di Cafiso è apparso "solido" come non mai. Già dal primo brano (di Sonny Rollins) s'è capito che c'era qualche cosa in più rispetto all'ultima volta che l'avevamo sentito. Ma soprattutto nei brani firmati da lui Francesco ha dato prova di aver intrapreso la strada della "ricerca"." (Marcello Migliosi)

16/03/2008

The Cube (The cube & Tom Harrell)

18/03/2007

Just Smile (Matteo Brancaleoni with Renato Sellani)

11/03/2007

Crocevia (Max De Aloe)

14/01/2007

Aphrodite (Alessandro Carabelli Group (featuring Franco Ambrosetti))

01/05/2006

Italian Trumpet Summit a Chiasso: "L'evento ha indubbiamente rappresentato una evidente dimostrazione dell'ottimo livello raggiunto dai jazzisti italiani che meritatamente si sono imposti in ambiti internazionali, riscuotendo i meritati riconoscimenti e consensi." (Bruno Gianquintieri)

21/06/2003

Super Star Triok (Moroni - Moriconi - Bagnoli)

03/07/2002

A Jazz Story di Stefano Bagnoli con la Dream Band (Abeat records)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 6.420 volte
Data pubblicazione: 05/07/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti
 
ENTER>