Jazzitalia - Recensioni - Greg Burk: As River
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Arduino Jazz 2020. Al Parco Archeologico dell'Appia Antica il grande jazz tra nomi internazionali e sperimentazione con la rassegna ‘Dal Tramonto all'Appia: Around Jazz'.

Corso in Rebranding e Self-Promotion nel Music Business. A cura di Fiorenza Gherardi De Candei e Alceste Ayroldi.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Greg Burk
As River



Tonos Records (2020)

1. One Day
2. Five Petals
3. Sun Salutations
4. As A River
5. Radiant Heart Blossom
6. The Slow Hello
7. The Union
8. Confluence Of Color
9. Serena al telefono
10. Into The Rapids
11. Love Wins
12. Beyond The Bend
13. The Slow Goodbye
14. Rivers To Tears
15. Sequoia Song

Greg Burk - pianoforte


Un racconto in quindici episodi musicali, ovvero quindici racconti in un solo fluire pianistico: quello di Greg Burk. Statunitense, ma in Italia da diverso tempo, Burk non ha perso la mano mainstream di marca americana, ma ha acquistato anche un gustoso senso melodico. Sentimento che si ascolta da subito con "One Day", dove il Nostro ci rivela come sappia giocare con i registri e non far rimpiangere il basso perfettamente acconciato nella mano sinistra. Introspettiva, dalle note immaginifiche e pesate, arriva "Five Petals", rintuzzata dal groove suggerito di "Sun Salutation". Il lirismo melodico del main theme fa da alter ego alle note sparse che si raccolgono intorno a intervalli arditi di "Radiant Heart Blossom". Nell'alternarsi di umori, fa bella mostra "The Slow Hello", carica di eloquenti sospensioni, pause e silenzi. Tra il gusto per la musica classica e quello per la song americana, arriva "The Union", che spalanca le porte all'avventura nella classica contemporanea con saggi tocchi avanguardistici jazz di " Confluence Of" Color. Si affaccia ai gusti del primo Novecento, con le venature di jazz in esposizione, "Serena al telefono", con il raddoppio delle note che la rendono ancor più accattivante. L'evoluzione musicale racchiusa in questo lavoro, porta Burk verso lidi da lui già esplorati: la sequenza di note, di clusters, di argomentazioni in velocità di "Into The Rapids" è pura onomatopeia. L'altalena di sentimenti continua con le carezze sicure di "Love Wins" e nella coralità di "Beyond The Bend". "The Slow Goodbye" riprende quella ricercatezza sonora già incontrata precedentemente nel quasi omonimo brano. A "Rivers To Tears" mancano solo le parole per assurgere a un brano che potrebbe diventare uno standard. La solida irrequietezza da canone americano di "Sequoia Song" chiude un lavoro di pregio, suonato da Greg Burk con ardore e amore.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
07/06/2020

Time Lapse (The Taste of a 2nd life)- Alceste Ayroldi

12/10/2014

Ipso Facto (Edge)- Nina Molica Franco

02/11/2012

Spinoza (Girardi, Recchia, Senni, Burk)- Gianni Montano

15/07/2012

The Path Here (Greg Burk) - Francesco Favano

06/03/2011

Look To The Neutrino (John Tchicai Lunar Quartet)- Giovanni Greto

20/02/2005

Carpe Momentum (Greg Burk Quartet)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 450 volte
Data pubblicazione: 06/09/2020

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti