Jazzitalia - Project Delos: A Saturday Night on the Moon
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Click here to read the english version


SPLASC(H) RECORDS 2005
Project Delos
A Saturday Night on the Moon


1. Easy Landing
2. Andromeda
3. I Rememner Christopher Pike
4. Love’s Away From Heart
5. Safe Cyborg Incorporated
6. The Day We Touched The Sky
7. A Saturday Night On The Moon
8. Jamming At The H.R.C.
9. Operation Chaos
10. Ufo, Where Are You?
11. The Trouble With Tribbles

Andrea Esperti - trombone
Lorenzo Paesani - acoustic piano, Yamaha dx7s, Yamaha cs5, emulator
Niccolò Faraci - double bass, software sequences
Alessandro Blasi - drums, percussion
Maurizio Manzi - special guest on drums (8, 11)





I "Project Delos" nascono da un'idea di Niccolò Faraci, 27enne contrabbassista dedito, fra l'altro, alla programmazione dei sintetizzatori, come in questo album, omaggio originale ed intelligente alla fantascienza tra gli anni '50 e '70. In "A Saturday Night on the Moon" Faraci si avvale della collaborazione di tre strumentisti di interessante spessore artistico: Alessandro Blasi, batterista, Lorenzo Paesani, pianista e tastierista, ed Andrea Esperti, trombonista. Guest star, Massimo Manzi alla batteria nelle tracks 8 e 11.

Le atmosfere presentate nel cd sono tutt'altro che univoche: sequenze piacevolmente notturne, ariose ironie, melodie ben costruite stilisticamente con coloriture decisamente moderne, brani che talvolta uniscono la sintassi più propriamente jazzistica a linguaggi di segno diverso. Le architetture musicali appaiono ben costruite e ben eseguite, grazie anche all'intenso interplay che unisce questa band, in cui ognuno trova i propri spazi, la possibilità d'esprimersi secondo la propria personalità artistica in un "creative walking" in cui s'intrecciano dissonanze, contrappunti, impressionismi lirici talora eccentrici ma sempre piacevoli, di buon gusto.

Nel complesso, l'album mostra una pregevole coerenza, sia s'incontri il "soft touch" del trombone di Esperti – musicista, a parere di chi scrive, non solo preparato ma soprattutto dotato di un'inventiva al di fuori del comune – o il drumming, vigoroso nei controtempi e negli accenti, di Blasi, o ancora l'elegante stilismo di Paesani, ironico ed originale specie come tastierista e, allo stesso tempo, lirico ed espressivo come nell'incipit del cd ("Easy landing") in cui esprime "in toto" la sua qualità da "pianista da trio".

Niccolò Faraci, personalità da "band leader", è strumentista istintivo ma attento: non ruba la scena, esegue i propri soli con fraseggi morbidi, accompagna con garbo ed incisività quando è il caso, e tanto basterebbe ad intuirne la preparazione e le lezioni apprese tanto dai contrabbassisti "storici" quanto da quelli contemporanei. Già, "contemporaneo" sembra proprio essere l'aggettivo che più d'ogni altro possa connotare l'attività della band e di Faraci in particolare: nelle sue corde si intuisce quanto sia possibile far convivere il classico con l'antiaccademico, con un sound pieno e sostenuto tipico di sonorità che dal jazz possono anche eludere, ma che è anche vero che, nei momenti di stasi creativa, lo hanno rinfrancato, rivitalizzato (come nei casi di Jaco Pastorius, Marcus Miller, Darryl Jones), tanto più se si ricorda che Niccolò ha curato – e con gran piacere, forse è possibile immaginare – i software sequencers…

Una breve nota a margine per Andrea Esperti: fine e colto trombonista, spazia libero nei suoi soli, felicemente vicino a Roswell Rudd, a proprio agio nei ritmi caraibici ("Ufo, where are you?"), nelle felici "distonie" ("The trouble with tribbles") quanto nelle ballads ("I remember Christopher Pike").

Come "special guest" Massimo Manzi offre determinata prova di sé nei due brani in cui è presente: un bel drumming il suo, vivace e brillante.

Il progetto musicale della band appare convincente, consapevole e connotato da atmosfere piacevoli e dense di suggestioni inventive: ne attendiamo la conferma. Per intanto, vale sicuramente la pena ascoltare questo "sabato sera sulla luna".
Fabrizio Ciccarelli per Jazzitalia







Articoli correlati:
25/10/2015

It Came to Broadcast the Yucatan (Niccolò Faraci)- Niccolò Lucarelli

27/08/2010

RossOnirico (Raffaele Matta)- Vincenzo Fugaldi

07/12/2009

Verosimilmente (M.E.F. (Manzi, Esperti, Faraci))- Rossella Del Grande







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 3.699 volte
Data pubblicazione: 25/03/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti