Jazzitalia - Recensioni - Speak No Evil Trio: A Shorter Moment
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

E' morto Jimmy Cobb.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Aldo Bassi, trombettista, direttore d'orchestra, insegnante e leader di varie band, è venuto a mancare a Latina..

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Addio a Giorgia Mileto, Con grande dolore apprendiamo della scomparsa della responsabile ufficio stampa del Saint Louis College of Music di Roma e di vari festival internazionali della capitale. .

Vic Juris, chitarrista jazz, noto soprattutto per il suo importante ruolo nella band di Dave Liebman, è mancato il 31 dicembre 2019. Era ricoverato al St. Barnabas Medical Center di Livingston, New Jersey..

E' morto Mario Guidi, uno dei più illuminati manager del mondo del jazz, padre del pianista Giovanni e titolare della MGM Produzioni Musicali, agenzia tra le migliori e serie a livello internazionale.

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            THE JIM DANDIES (gruppo)
Speak No Evil Trio
A Shorter Moment



Notami (2014)

1. Speak no Evil (W. Shorter)
2. Fall (W. Shorter)
3. Yes or no (W. Shorter)
4. Mahjong (W. Shorter)
5. Wild Flower (W. Shorter)
6. Footprint (W. Shorter)
7. JuJu (W. Shorter)
8. Wild Flower Interlude (W. Shorter)

Giovanni Baleani - chitarra
Gianludovico Carmenati - basso
Mauro Cimarra - batteria


Accostarsi alla figura monumentale di Wayne Shorter non è avventura di poco conto, e meno ancora lo è concepire un album costituito interamente da sue composizioni. L'omaggio retorico è però accuratamente evitato grazie all'originalità degli arrangiamenti di Cimarra e Baleani, un po' sulla falsariga di quanto il Try Trio ha fatto con Monk: anche in questo caso, il gruppo esclude lo strumento suonato dall'artista di riferimento, e si lascia guidare dalla voglia di esplorare e sperimentare, con inserimenti di loop, ed effetti elettronici, cambi di ritmo, fraseggi aperti e armonie dissonanti.

Una crepuscolare, blueseggiante chitarra acustica apre Speak no Evil, e la sorregge accompagnata da una sommessa batteria che indulge sulle percussioni, e un contrabbasso energico. L'arrangiamento del trio lascia da parte le atmosfere di Broadway della versione originale, quel suo liquido scivolare sull'Hudson, a favore di un jazz più spigoloso e minimalista. L'effetto contrario in Fall, che Shorter concepì per la sola chitarra: una struggente ballata che ricorda il blues di Robert Johnson. Baleani e Carmenati, invece, ne triplicano la durata, e rafforzano l'atmosfera da assolata Louisiana con l'inserimento del contrabbasso e delle percussioni, disegnando un percorso sonoro non facile da seguire, lungo note chitarristiche che cadono come gocce da una cascata.
Lungo le otto tracce dell'album, la chitarra di Baleani interpreta con personalità le architetture del sax di Shorter, una scelta coraggiosa poiché la chitarra jazz è ancora, in buona parte, un territorio da inventare. Baleani ne insegue le possibilità espressive, si cimenta in lunghi a solo, uno su tutti quello in JuJu, dove l'utilizzo del distorsore conferisce notevole profondità sonora, nella prima parte quasi in stile progressive rock, a un brano bilanciato da una batteria in 3/4. Utile anche, la batteria, a sorreggere una parte centrale in stile acid dance.

Un omaggio a Wayne Shorter e al suo periodo elettrico con i Weather Report, ma che al contempo propone anche una nuova visione di brani ormai classici. Un jazz senza timori reverenziali, dove il lirismo nostalgico di Shorter viene meno, sostituito da una non troppo sfumata rabbia urbana, rappresentata da una chitarra persistente, indagatrice, che graffia con garbo. Un album interessante, che richiede un ascolto attento su ogni singola nota, un album che riesce a stupire e incuriosire con i suoi dinamici cambiamenti di ritmo, e che denota la versatilità di Baleani e colleghi.

Niccolò Lucarelli per Jazzitalia







Articoli correlati:
19/09/2015

Rasoterra (Offlines)- Niccolò Lucarelli

19/10/2014

Do You Agree? (Marco Postacchini Octet feat. Fabrizio Bosso)- Antonella Chionna







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 970 volte
Data pubblicazione: 22/02/2016

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti