Jazzitalia - Recensioni - Speak No Evil Trio: A Shorter Moment
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità

Benny Benack III dagli Stati Uniti e il suo Italian Quartet incontrano il salento con i Bija per la seconda edizione di OdA Music Fest..

Pat Metheny cita Pasquale Grasso come "il più significativo nuovo chitarrista che abbia ascoltato in molti, molti anni... ".

2016 senza tregua, Alphonse Mouzon non c'è più! Muore a 68 anni il grande batterista americano..

Il crooner e trombettista statunitense Benny Benack III con il suo Italian Quartet al The Empty Space di Molfetta .

VI edizione per il Multiculturita Black Music Contest per solisti e gruppi di giovani musicisti e per promuovere la cultura e la pratica della musica afroamericana sul territorio .

Masterclass del chitarrista Mike Moreno presso il CEMM di Bussero

14 grandi concerti con star internazionali, live performance, incontri divulgativi per il festival di produzioni originali Special Guest presso il Teatro Eliseo di Roma.

Proposta di legge per erogare 1 Milione di euro l'anno al Festival Umbria Jazz..

Spettacolarità, coinvolgimento, creatività, originalità: sono i tratti che contraddistinguono ancora una volta la rassegna musicale "Aperitivo in Concerto" 2016-2017.

Cartellone internazionale per la settima edizione del San Severo Winter Jazz Festival che apre ad ottobre con Luis Perdomo.

Fabrizio Bosso, Incognito, Falzone, Rosario Giuliani, Fresu, Petrella, Billy Cobham fra i concerti di gennaio e febbraio 2017 al Blue Note Milano.

Il Saint Louis, Istituzione di Alta Formazione Artistica Musicale autorizzata dal Miur a rilasciare titoli accademici di I e II livello, apre le iscrizioni al prossimo anno accademico 2016/2017.

Click QUI per fare pubblicita' su Jazzitalia
Jazzitalia sbarca in Russia! Tradotti in cirillico alcuni articoli esclusivi.
Ultimi aggiunti:

            ASCANI Riccardo (chitarra)
            BALLANTI Marco (chitarra)
            BOCCIA Marco (contrabbasso)
            CHECCHINI Igor (batteria)
            CIUFFREDA Daniele (chitarra)
            DEL PEZZO Massimo (batteria)
            ESPOSITO Gianluca (sax)
            FRASCAROLI Andrea (piano)
            JESSIE & THE HOT NUTS (gruppo)
            MORONE Franco (chitarra)
            PAISSA Roberto (chitarra)
            PIOVESAN Sebastian (basso e contrabbasso)
            SANTANGELO Giuseppe (sax)
            VENDRAMIN Graziella (voce)
            VERGALITO Gianluca (chitarra)
            VOLPICELLI Lucia (voce)
Speak No Evil Trio
A Shorter Moment



Notami (2014)

1. Speak no Evil (W. Shorter)
2. Fall (W. Shorter)
3. Yes or no (W. Shorter)
4. Mahjong (W. Shorter)
5. Wild Flower (W. Shorter)
6. Footprint (W. Shorter)
7. JuJu (W. Shorter)
8. Wild Flower Interlude (W. Shorter)

Giovanni Baleani - chitarra
Gianludovico Carmenati - basso
Mauro Cimarra - batteria


Accostarsi alla figura monumentale di Wayne Shorter non è avventura di poco conto, e meno ancora lo è concepire un album costituito interamente da sue composizioni. L'omaggio retorico è però accuratamente evitato grazie all'originalità degli arrangiamenti di Cimarra e Baleani, un po' sulla falsariga di quanto il Try Trio ha fatto con Monk: anche in questo caso, il gruppo esclude lo strumento suonato dall'artista di riferimento, e si lascia guidare dalla voglia di esplorare e sperimentare, con inserimenti di loop, ed effetti elettronici, cambi di ritmo, fraseggi aperti e armonie dissonanti.

Una crepuscolare, blueseggiante chitarra acustica apre Speak no Evil, e la sorregge accompagnata da una sommessa batteria che indulge sulle percussioni, e un contrabbasso energico. L'arrangiamento del trio lascia da parte le atmosfere di Broadway della versione originale, quel suo liquido scivolare sull'Hudson, a favore di un jazz più spigoloso e minimalista. L'effetto contrario in Fall, che Shorter concepì per la sola chitarra: una struggente ballata che ricorda il blues di Robert Johnson. Baleani e Carmenati, invece, ne triplicano la durata, e rafforzano l'atmosfera da assolata Louisiana con l'inserimento del contrabbasso e delle percussioni, disegnando un percorso sonoro non facile da seguire, lungo note chitarristiche che cadono come gocce da una cascata.
Lungo le otto tracce dell'album, la chitarra di Baleani interpreta con personalità le architetture del sax di Shorter, una scelta coraggiosa poiché la chitarra jazz è ancora, in buona parte, un territorio da inventare. Baleani ne insegue le possibilità espressive, si cimenta in lunghi a solo, uno su tutti quello in JuJu, dove l'utilizzo del distorsore conferisce notevole profondità sonora, nella prima parte quasi in stile progressive rock, a un brano bilanciato da una batteria in 3/4. Utile anche, la batteria, a sorreggere una parte centrale in stile acid dance.

Un omaggio a Wayne Shorter e al suo periodo elettrico con i Weather Report, ma che al contempo propone anche una nuova visione di brani ormai classici. Un jazz senza timori reverenziali, dove il lirismo nostalgico di Shorter viene meno, sostituito da una non troppo sfumata rabbia urbana, rappresentata da una chitarra persistente, indagatrice, che graffia con garbo. Un album interessante, che richiede un ascolto attento su ogni singola nota, un album che riesce a stupire e incuriosire con i suoi dinamici cambiamenti di ritmo, e che denota la versatilità di Baleani e colleghi.

Niccolò Lucarelli per Jazzitalia






Articoli correlati:
19/09/2015

Rasoterra (Offlines)- Niccolò Lucarelli

19/10/2014

Do You Agree? (Marco Postacchini Octet feat. Fabrizio Bosso)- Antonella Chionna







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 623 volte
Data pubblicazione: 22/02/2016

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti