Jazzitalia - Recensioni - Back & Fourth: Oliver Hafke Ahmad
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Tour americano di Fabrizio Bosso con il suo quartetto, da Chicago a New York, passando per Greensboro e Washington.

Anteprima Beat Onto Jazz Festival 2018: Presentazione del libro "Puglia, le età del jazz" di Ugo Sbisà e tributo a Michel Petrucciani con Nico Marziliano.

Mast Bari organizza un workshop di Legislazione musicale e dello spettacolo con Alceste Ayroldi.

Serata all'insegna del groove per la rassegna Special Guest. Di scena il Soul Train R-Evolution di Michele Papadia con Fabrizio Bosso & Serena Brancale.

Siae & Co.: workshop di Alceste Ayroldi che illustra le leggi fondamentali del settore musicale e dello spettacolo.

Cammariere, Paoli e Rea, Chano Dominguez e il progetto Hudson di Jack Dejohnette &, John Scofield per la 29ma edizione di Notti di Stelle, il festival jazz della Camerata Musicale Barese.

Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Serena Brancale, Javier Girotto e Martin Bruhn per la II edizione del Festival Special Guest nato dalla collaborazione tra il Teatro Eliseo e il Saint Louis College of Music.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Click QUI per fare pubblicita' su Jazzitalia
Jazzitalia sbarca in Russia! Tradotti in cirillico alcuni articoli esclusivi.
Ultimi aggiunti:

            AUTINO Adriano (chitarra)
            CAIAZZA Igor (perccussioni)
            CIMINO Lorenzo (tromba)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            ESPOSITO Sergio (chitarra)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RONCA Marco (piano)
            SCARAMELLA Giulio (piano)
            VENTUROLI Danilo R. (piano)
            VIGNALI Michele (sax)
Back & Fourth
Oliver Hafke Ahmad



Urban Grooves Berlin Records (LC 33294) (2014)

1. Morning Groove
2. Back & Fourth
3. Dancehall Jazz
4. DFG
5. Flying High on AF447
6. The Guitar Hero
7. Summerjam
8. Space Noises
9. Funk X
10. 35°C
11. Black Faces
12. Tango in Ab Minor

Oliver Hafke Ahmad - Saxophones, Flute, FX
Thibault Falk - Piano, E-Piano, Synthesizer
Shota Higashikawa - 7-String-Bass
Benjamin Strauss - Drums

Guests:
Nikolaus Neuser - Trumpet, Flügelhorn, FX
Sonja Kandels - Vocals, Poetry
Denis Jabusch - Bass
Andreas Weiser - Percussion


Oliver Hafke Ahmad è un sassofonista tedesco di origini arabe al suo debutto discografico con questo "Back and fourth". Al suo fianco si schierano giovani musicisti, come il leader, poco noti dalle nostre parti. Il cd riprende sonorità tipiche della black music, andando a pescare nel soul, nel funk, nel reggae, nella disco music delle origini. Tutto l'album scorre fluido sotto l'impulso di un sax propositivo e trascinante con un timbro volutamente sporco, ma dotato di una sua qual accuratezza. Accanto allo strumento a fiato, Thibault Falk utilizza piano acustico, elettrico e organo hammond che va a miscelare in un impasto di citazioni del sound tipico degli anni ottanta. Ad un certo punto esce fuori anche il suono campionato di una chitarra wah wah, per rimanere una volta di più ancorati a quel periodo.

Shota Higashikawa e Benjamin Strauss, a basso e batteria, assicurano un sostegno pulsante e regolare ai solisti. Hafke Ahmad, inoltre, si serve di alcuni ospiti per costruire riff larghi e insistiti in appoggio al quartetto di base. Fra gli undici titoli, ecumenicamente, compaiono omaggi a Piazzolla e a Pat Metheny, tanto per scomodare qualche illustre punto di riferimento.

Siamo di fronte, a conti fatti, ad un gruppo professionale e competente che dà vita ad una musica digeribile, leggera e disimpegnata. L'ascoltatore non fatica, cioè, a decodificare brani pieni di ritmo, di elettricità, dove il jazz è sicuramente presente, ma in percentuale appena avvertibile, non certo dominante.

Gianni Montano per Jazzitalia













Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 363 volte
Data pubblicazione: 19/09/2015

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti