Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


J-Jazz
NIC 90024 -
Nicolosi Production

Danny Gottlieb
Back To The Past


CD 1
1) Intro – Joe Morello talking and Demonstration
(I'm gonna wash that man right outa my hair - intro)
2) Oh, Lady Be Good! - Ella Fitzgerald
3) Straighten Up And Fly Right
- Nat King Cole
4) American Patrol
- Glenn Miller
5) My Blue Heaven
- Frank Sinatra
6) In the Mood
- Glenn Miller
7) Don Lamond talking
8) Night and day - Billie Holiday

9) How high the Moon
- Ella Fitzgerald
10) I Got Rhythm
- Glenn Miller
11) You Do Something to Me - Frank Sinatra

12) As time goes by
- Billie Holiday
13) I'm gonna wash that man righ...
- Ella Fitzgerald
14) The ego song
- Ray Charles
15) Bye Bye Baby
- Frank Sinatra
16) Hey! Ba-Ba-Re-Bop
- Louie Prima
17) Joe Morello talking 
18) C'est si bon
- Louis Armstrong
19) Civilization
- Louie Prima
20) La vie en rose
- Louis Armstrong
21) She’s on the ball
- Louis Armstrong, Ray Charles

CD 2- Special Bonus Tracks
22) Drum Solo 1 Joe Morello And Danny Gottlieb
23) Interview Joe Morello With Danny Gottlieb
24) Drum Solo 2 Joe Morello And Danny Gottlieb
25) Interview Don And Terry Lamond With Danny Gottlieb
26) Drum Solo 3 Joe Morello And Danny Gottlieb
27) Drum Solo 4 Joe Morello And Danny Gottlieb

Molte incisioni degli anni '30 e '40 sono ancora oggi (e mi sa che lo rimarranno ancora per molto...) un punto di riferimento per chiunque, delle pietre miliari. Nel tempo, molte di queste incisioni sono state restaurate grazie alle tecniche di restyling più avanzate. Tali tecniche riescono a ripulire il master da rumori, fruscii di ogni genere e a far risaltare molte frequenze praticamente "sommerse" e in gran parte quasi inascoltabili. C'è però un problema alla base dovuto alla modalità di registrazione. All'epoca veniva predisposto un microfono panoramico nella front-line e gli strumenti erano posizionati ad una distanza che dipendeva dal loro volume. In alcuni master particolarmente malandati, ciò ha reso praticamente inesistente soprattutto la batteria ridotta a poco più che qualche "rumore" di fondo addirittura a rischio cancellazione dall'opera di pulizia stessa. La batteria, si sa, è stato sempre un elemento primario soprattutto nell'evoluzione ritmica del fraseggio dell'improvvisatore, nel sottolineare gli accenti, nel coordinare gli obbligati, nel determinare un cambio dinamico. Purtroppo, gran parte di queste peculiarità spariscono se si ascoltano alcune di queste incisioni originali. Chi di noi non ha suonato sui dischi? L'idea quindi dei fratelli Nicolosi , attraverso la scelta di Danny Gottlieb, è quindi il tentativo di ridare vita a questi capolavori cercando di riproporre il sound, il groove del live inciso proprio suonandoci su. Iniziato per gioco è poi diventato un progetto.

Con sufficiente scetticismo ho iniziato ad ascoltare
Back To The Past e se non avessi saputo del progetto, forse non avrei notato immediatamente che la batteria era una nuova aggiunta.

Mettendo da parte ogni pregiudizio ho quindi ascoltato come Danny Gottlieb abbia consentito a tutti i musicisti di queste incisioni di rendere ancora più pregevole il loro operato. E' assolutamente entusiasmante ascoltare come il drumming di Danny Gottlieb incalza il fantastico e impareggiabile scat di Ella Fitzgerald su
Oh, Lady be good. Si provi a confrontare l'originale con quanto ottenuto da Gottlieb.

Oh, Lady Be Good (versione di Gottlieb)
New York, 19 marzo 1947, Ella Fitzgerald con l'orchestra del contrabbassista Bob Haggart (New York, 13 mar 1914 - Venice, FL, 2 dic 1998)

Sarà stato sicuramente così il drumming di Morey Feld! Ci si accorge come lo scat di Ella possa realmente prendere spunto dalla scansione ritmica e di come un unisono batteria-scat renda l'incredibile solo di Ella ancora più esaltante.

Lascia anche quasi senza parole la pertinenza metrica con cui Danny Gottlieb "marcia" insieme all'orchestra di Glenn Miller o viaggia in corciera sullo swing perfetto di Frank Sinatra. Ancora una volta è sufficiente confrontare l'originale con la versione di Danny Gottlieb.

You do something to me (versione di Gottlieb)
14 aprile 1950, Frank Sinatra (The Columbia Years 1943 - 1952)

Un ultimo esempio illustra come lo suadente, trascinante singing di Billie Holiday sia ben supportato dalla batteria che nella versione originale del 13 dicembre 1939, suonata dal grande Philly Jo Jones, è oramai praticamente inascoltabile:

Night and Day (versione di Gottlieb)
New York, 13 dicembre 1939, Billie Holiday con la sua Orchestra (tra gli altri: Freddie Green, Lester Young e Philly Joe Jones)

E via di questo passo i brani raggiungono tutti lo stesso risultato siano essi eseguiti da Louis Armstrong, che da Nat King Cole o da Louis Prima

A supporto di questo progetto Danny Gottlieb ha convocato due suoi maestri, essi stessi originariamente presenti in alcune di queste incisioni. Si tratta di Joe Morello (mitico esecutore del più famoso 5/4 della storia: Take Five di e con Dave Brubeck, 22 febbraio 1963) e Don Lamond (che ha legato il suo nome maggiormente alla Woody Herman Orchestra ma che ha suonato anche con Benny Goodman, Charlie Parker, Billie Holiday, Lee Konitz....). A loro sono fatti ascoltare i brani ed è chiesto un giudizio riportato in alcune tracce audio. Interessanti anche le interviste che Danny Gottlieb fa ai due ospiti anche se sono, purtroppo, fruibili solo a chi conosce l'inglese. Non è facile comprendere bene tutto soprattutto di quel che dice Don Lamond che parla a fatica a causa del suo stato di salute. E' infatti deceduto il 23 dicembre 2003 prima che il CD fosse pubblicato. Forse sarebbe stato meglio introdurre dei contributi video in una traccia multimediale o pensare ad una versione in DVD.

C'è infine da sottolineare come Gottlieb, per ottenere un sound più fedele possibile, si è servito di una apposita batteria di Billy Cobham con i piatti originali dell'epoca prestati direttamente da Joe Morello e Don Lamond.

Più che un progetto mi sembra quindi un vero e proprio servizio reso a questi capolavori che nascondevano alcuni aspetti davvero essenziali. E il merito va sicuramente a Danny Gottlieb ma anche alla Nicolosi Production che ha avuto l'idea e ha saputo accettare il rischio di farne un prodotto. Forse ora ci sarebbe da "tirare fuori" anche il contrabbasso...altro strumento un po' sacrificato dalle rimasterizzazioni!!
Marco Losavio per Jazzitalia






Articoli correlati:
29/05/2011

Jump! (Pete Levin)- Roberto Biasco

07/01/2008

Intervista al giovane chitarrista Simone Gubbiotti: "In Italia credo ci sia scarsa disponibilità alla progettualità, specialmente di idee nuove e originali ed è davvero complesso entrare in contatto con le persone, molto spesso con gli stessi musicisti...Negli Stati Uniti la novità è sempre accettata ben volentieri, c'è scambio di idee..." (Eva Simontacchi)

07/11/2004

Jazz Beautiful Ballads (Danny Gottlieb Trio)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 6.951 volte
Data pubblicazione: 31/07/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti