Jazzitalia - Simone Zanchini - Frank Marocco: Be-bop buffet
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità

Wide Sound - WD 160
Simone Zanchini - Frank Marocco
Be-bop buffet


1. Yardbird Suite (C. Parler) - 4:09
2. Yesterdays (J. Kern) - 5:38
3. Home Again (Frank Marocco) - 3:31
4. Spanish Song (C. Haden) - 7:50
5. Green Dolphin St. (Kaper/Washington) - 4:25
6. Jitterburg Waltz (F. Waller) - 4:30
7. There Will Be Another You (Warren/Gordon) - 4:32
8. Peace (H. Silver) - 4.17
9. The Flintstones (H. Curtain) - 3:19

Simone Zanchini - fisarmonica
Frank Marocco - fisarmonica


Non è facile riuscire a suonare la fisarmonica senza che sembri una sagra di paese. Quando poi le fisarmoniche sono addirittura due… Ma se invece i fisarmonicisti in questione sono il giovane Simone Zanchini ed il senior Frank Marocco, il discorso è ben diverso: questo loro Be-bop buffet è davvero una gustosa abbuffata di note, atmosfere, luoghi e ritratti tracciati da uno strumento forse troppo spesso sottovalutato. Note attinte dalla storia del jazz, con una energia swing ed intrecci da veri maestri di uno strumento sì versatile ma anche non facile da "maneggiare", e talvolta anche fisicamente limitato e limitante.

Ma l'intenzione è subito dichiarata con una splendida e vorticosa Yardbird Suite, seguita da una versione di Yesterdays la cui passione ricorda la terra d'Argentina, solo che qua parliamo di uno degli standard più battuti della storia del jazz. Ed i due compagni di strumento si divertono proprio ad improvvisarci sopra ciascuno nel modo che gli è proprio, originale e personale. Altra notevole pagina del jazz su cui i due si cimentano è Green dolphin street, un tema la cui armonia apparentemente statica dà modo ad entrambi di scambiarsi vere e proprie battute strumentali, lasciando l'ascoltatore insoddisfatto solo per il fatto che una "pacifica sfida" come quella dovrebbe durare più dei 4 minuti e venticinque concessagli.

E a parte i brani citati, l'ottima selezione cade anche su Jitterbug Waltz, una composizione di Fats Waller che, organista/pianista, della virtuosistica velocità manuale alla tastiera fece l'espressione incontestata di un'epoca d'oro del jazz, quando ancora il bop di Dizzy e Parker non aveva portato la rapidità di esecuzione alle strabilianti estreme conseguenze. Su un classico giro bop – con tanto di citazioni! – è invece costruita Home again, l'unica composizione originale dell'intero disco, firmata proprio dal musicista del Wisconsin: ed anche questa non si smetterebbe mai d'ascoltarla.

Fra i brani più intensi si registra una struggente Spanish song di Haden, che in questa versione per doppia fisarmonica infonde una malinconia dalla quale però non si può fare a meno di lasciarsi trascinare, complice il raddoppio della voce strumentale con il fischio dell'esecutore; seguita immediatamente, per livello d'espressività, da un altro brano lento, Peace, di Horace Silver, in un arrangiamento che trasmette davvero il senso della tranquillità: un modo per testimoniare che la fisarmonica non è soltanto velocità delle dita ma anche espressività resa dal mantice e dalle dinamiche, sfumate e grigio-chiare, che esso può creare.

Fra le due There Will Never Be Another You, che lasciamo alla libera fruizione dell'ascoltatore. Per accomiatarsi dal quale la chiusura è affidata a The Flinstones, proprio la sigla del famoso cartone, su cui la linearità delle idee improvvisative riesce a mettere in luce il lato divertente ed ironico dello strumento e, ovviamente, dei due strumentisti.

Da segnalare che, sebbene i tempi recenti abbiano condotto il fisarmonicista italiano verso la ricerca di particolari sonorità da applicare al proprio strumento, l'incontro con questo grande collega di mantice l'ha spinto a prendere fiato mettendo da parte per un attimo certe "aggiunte" e recuperando il suono naturale, e per varie ragioni sempre emozionante, della fisarmonica.
Antonio Terzo per Jazzitalia






Articoli correlati:
19/10/2014

Meets Mahler (Sonata Islands (Giovanni Falzone))- Valeria Loprieno

31/03/2013

Talkin' About Mr Green (Carlo Ditta Trio)- Francesco Favano

02/09/2012

Jazz Tales (Carlo Mezzanotte Jazz Quartet) - Francesco Favano

16/08/2012

"...una finestra aperta alle novità europee, senza preclusioni nei confronti di quanto di interessante si muove in Italia in campo jazzistico, ma anche con una doverosa attenzione al panorama statunitense." (Vincenzo Fugaldi)

04/02/2012

All'estero posso suonare come mi viene e fare buona musica, in Italia non è semplice. Ecco, in questo caso io la chiamo italietta. Se fai delle scelte che sono meno collocabili nel suono che l'Italia riconosce, fai più fatica a esprimerti, hai meno opportunità, meno spazi, meno possibilità. (Vincenzo Fugaldi)

22/10/2011

Castroreale Jazz Festival: "La suggestiva cornice della piazza Pertini di Castroreale in provincia di Messina, una piccola perla dei Peloritani, accoglie da oltre un decennio un festival diretto con passione da Piero Salvo insieme a un ristretto numero di validissimi collaboratori. Quest'anno, dopo la serata iniziale dedicata al violoncellista Ernest Reijseger in trio con Harmen Fraanje e Mola Sylla, si sono esibiti Rita Marcotulli con Francesco Bearzatti, lo ZZ Quartet di Simone Zanchini e il grande contrabbassista francese Renaud Garcia-Fons." (Vincenzo Fugaldi)

03/07/2011

Breathing (Antonio Onorato)- Gennaro Pasquariello

06/03/2011

The Way We Talk (Simone Zanchini - Ratko Zjaca) - Alceste Ayroldi

05/12/2010

Charles & Joe (Gianluca Renzi All Stars Orchestra)- Elide Di Duca

28/06/2009

Better alone...! Live (Simone Zanchini) - Cinzia Guidetti

06/06/2009

Double Exposure (Riccardo Fassi Quartet)

24/11/2008

A French Man in New York (Kekko Fornarelli)

30/10/2008

Panta Rei (Roberto Spadoni Nine )

16/08/2008

Third (Pippo Matino Band)

15/08/2008

Tell me the story (Solarino / Manzi QuartetQuintet)

15/08/2008

Un Lungo Viaggio (Gianluca Caporale)

20/03/2008

Tudo Azul (Antonio Onorato)

03/02/2008

Sound Advice (Andy Gravish, Luca Mannutza and Sound Advice)

24/01/2008

Simone Zanchini & Frank Marocco in "Be-Bop Buffet": "Senza tempo, anzi fuori e dentro il tempo, Frank Marocco per l'appunto. Un signore dello swing amante dell'interplay a colloquio con un partner d'eccezione il funambolico e multiforme Simone Zanchini." (Pierluigi Vicini)

22/10/2007

Speakin' 4 (Mandolini - De Federicis - Pesaresi - Desiderio)

10/03/2007

Lode 4 Joe (Max Ionata - Luca Mannutza)

17/12/2006

Trem Azul (Trem Azul)

31/10/2006

Portrait En Jazz Mediterraneen (Osvaldo Di Dio/Vincenzi Virgilito/Antonio Fusco )

14/10/2006

Double Rainbow (Rosalba Lazzarotto)

14/10/2006

I Can Fly (Gianluca Brugnano)

14/09/2006

Isole Lontane (Giuseppe Spagnoli)

08/06/2006

Mare Mosso (Bosso - Mannutza - Muresu - Volpe)

04/06/2006

Three-Dimensional (Gianluca Lucantonio Quartet)

03/05/2006

Don't Stop You Mind (Gianluca Renzi)

02/04/2006

Bends (Renzo Ruggieri)

25/09/2005

Plays the music of Sting (Angelo Canelli)

02/09/2005

Circular Thought (Kekko Fornarelli)

16/07/2005

The Voice Within (Fabio Morgera)

21/06/2005

Let Me Tell You... (Rita Cervellati)

02/04/2005

On a Misty Night (Francesco Palmitessa)

03/03/2005

Under Costruction (Furio Di Castri - Gianluca Petrella)

20/02/2005

Misconception (Ted Hogarth Collective)

20/12/2004

Faro (Terre di Mezzo Quartet)

31/07/2004

Together (Tres + Fabrizio Bosso)

24/04/2004

Looking for the right line (Gianluca Renzi)

24/04/2004

Ensemble (Lutte Berg)

22/04/2004

Conversation with a Big Man (Gianluca Esposito)

18/04/2004

Jazz Napoletano (Antonio Onorato)

15/02/2004

Mirto (Angelo Lazzeri Quartetto)

11/01/2004

Archivi Sonori (Maurizio Rolli)

28/12/2003

Napolitanìa (Aldo Vigorito)

24/08/2003

The Insider (Jim Gailloreto)

29/03/2003

Ricercando (Cristiano Arcelli)

29/03/2003

Jungle Trane (Daniele Tittarelli)

08/11/2002

Homage to Wayne Shorter (Ondina Sannino, Riccardo Distasi)

03/11/2002

Tonalità naturali (Alessandro Di Liberto)

03/11/2002

Spaghetti Time (Renzo Ruggieri)

26/09/2002

Tramburger Blues (Luca Alciati)

22/06/2002

Hand down jazz in Naples. I 3 chitarristi partenopei Pietro Condorelli, Antonio Onorato e Aldo Farias propongono un eccellente ensemble

25/04/2002

Moodswings tributo a Jaco Pastorius da parte di Maurizio Rolli con la A.M.P. Big Band.

28/03/2002

L'amo, CD d'esordio di Claudio Canzano con note di MAssimo Manzi.

23/12/2001

Di Terra di Cristiano Arcelli per la Wide Sound

18/12/2001

Double Face il CD del chitarrista Mauro De Federicis dalla...doppia faccia. (Wide Sound)

18/12/2001

Little Groove il CD di esordio del sassofonista Gianluca Esposito (Wide Sound)

30/11/2000

Accordion Voyage di Renzo Ruggieri







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 6.446 volte
Data pubblicazione: 23/04/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti