Jazzitalia - Recensioni - Ermes Pirlo, Paolo Biasi, Emanuele Maniscalco: Bellow's Training
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ravenna Jazz 2019. Il festival ravennate raggiunge la 46ma edizione, caratterizzata da una programmazione ad ampio raggio: ben dieci giorni di musica con concerti diffusi su tutto il territorio cittadino..

Il compositore e arrangiatore Luigi Giannatempo, invitato al Birdland di New York per collaborare ad un Tributo a Clark Terry..

I 50 anni di Woodstock: fu vera gloria? Incontro gratuito col giornalista e critico musicale Alceste Ayroldi per un'analisi dei momenti chiave che ne hanno fatto un evento simbolo di una generazione..

JAZZ e Cinema: la storia della musica jazz nel cinema attraverso aneddoti, proiezioni a cura di Alceste Ayroldi con la band di Mike Zonno.

Bargajazz Festival 2019 - Pubblicati i bandi per partecipare alla XXXI edizione del concorso internazionale per orchestra jazz dedicato alla musica del trombettista Dave Douglas..

Premiato a livello internazionale il film Claudio Fasoli's Innersounds, un viaggio nei processi creativi del jazzista Claudio Fasoli.

Rosario Giuliani Hammond Trio per il prosieguo della rassegna Boogie Jazz Season a Roma, curata da Gabriele Buonasorte.

Lorenzo Vitolo, pianista jazz, vince il prestigioso concorso per solisti Leiden Jazz Award 2019.

"La batteria jazz, strumento per...tamburi e griot", libro a cura di Enzo Lanzo con 21 assoli di batteristi jazz che hanno rivoluzionato il jazz drumming.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Ermes Pirlo, Paolo Biasi, Emanuele Maniscalco
Bellow's Training



nBn Music (2015)

1. Simon Demon (Pirlo)
2. Bellow's Training (Pirlo, Biasi)
3. At Sloppy Joe's (Pirlo, Biasi, Maniscalco)
4. U07 (Pirlo)
5. Baal (Pirlo, Biasi, Maniscalco)
6. Teruel (Biasi)
7. El Cochecito (Pirlo, Biasi, Maniscalco)
8. Quarta Casa (Pirlo)
9. Rage Room (Pirlo, Biasi Maniscalco)
10. Fable (Pirlo, Biasi, Maniscalco)

Ermes Pirlo - fisarmonica
Paolo Biasi - basso elettrico
Emanuele Maniscalco - batteria, armonium (track 5)


Ermes Pirlo è l'anima di questo trio atipico nel jazz, che vede la fisarmonica sostituire il pianoforte o il sax, e il basso elettrico al posto del tradizionale contrabbasso. Il risultato è un suono articolato sulla polifonia, a tratti ossessivo, che avvolge chi ascolta come un soffio caldo di vento in una notte d'estate, un suono ora drammatico, ora emozionante, ora vagamente zingaresco. Quella di Pirlo non è una fisarmonica folkloristica o spagnoleggiante; guarda invece a una dimensione intima che tocca da vicino l'ascoltatore, percorre sentieri di note gravi, quasi sempre con lentezza, lanciandosi talvolta in ritmi più trascinanti, come nel brano d'apertura Simon Demon, vorticoso quanto il demonio che ispirò Bulgakov. Si respira aria di vecchia Europa, di tradizioni e superstizioni ebraiche e cattoliche, in bilico fra religione e magia. Un album che si disperde in stretti vicoli, gli stessi della Praga magica di Ripellino. E un titolo che ha molteplici significati: tecnicamente, il termine bellow indica il mantice della fisarmonica, facendo capire che abbiamo a che fare con brani incentrati su questo strumento. Ma è anche il cognome di uno dei più importanti scrittori americani di origine ebraica europea, quel Saul Bellow (1915-2005) cantore di mezzo secolo di storia americana, attraverso vicende dolci-amare di personaggi chicagoani. Sia solo per coincidenza, nei brani dell'album si ritrova un po' di quell'atmosfera, trasportatavi proprio dalla suggestiva fisarmonica di Pirlo, che costruisce passaggi sonori gravi come il fardello di un'esistenza intera condotta in lotta contro le piccole e grandi avversità quotidiane, non senza una certa solennità che nasce dalle convinzioni profonde che albergano in ogni individuo.
Si ritrova, in questo suggestivo album, il ritmo di una vita che scorre all'ombra di un quartiere urbano un po' plumbeo, dove il sole arriva con difficoltà, se non in certe giornate che particolarmente benevole.

Pirlo utilizza la fisarmonica come fosse una macchina da scrivere, magari la stessa vecchia Remington di Bellow o Roth, e compone brani che sono brevi racconti di quotidiana gioia, sofferenza, attesa, disillusione, con la solennità euroamericana di Bellow e il piglio dissacrante di Bukowsky, sottolineato da certi passaggi sincopati di fisarmonica, mentre la base ritmica intesse l'accompagnamento senza mai risultare ridondante.

Il risultato è un album peculiare, che tocca corde sensibili, e insinua il sapore dolceamaro della nostalgia.

Niccolò Lucarelli per Jazzitalia







Articoli correlati:
19/08/2018

Südtirol Jazz Festival Altoadige - "Exploring The North": "...un panorama artistico spesso interessante, non rivoluzionario ma non privo di alcuni fermenti, che in alcuni casi meriterebbe maggiore attenzione e presenza anche sulla nostra scena musicale." (Vincenzo Fugaldi)

07/09/2015

Many More Days (Third Reel)- Alceste Ayroldi

15/09/2013

Third Reel (N. Masson, R. Pianca, E. Maniscalco)- Alceste Ayroldi

25/08/2013

From Time To Time (Emanuele Maniscalco)- Enzo Fugaldi

06/01/2011

Slow Band (Emanuele Maniscalco) - Daniele Camerlengo

05/09/2009

The Age of Numbers (Emanuele Cisi) - Fabrizio Ciccarelli

05/09/2009

Timoka (Walter Beltrami) - Marco Losavio

22/09/2008

Godot e altre Storie di Teatro (Ares Tavolazzi)

28/01/2007

Circle (Michelangelo Decorato Trio)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 549 volte
Data pubblicazione: 18/09/2016

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti