Jazzitalia - Mario Rosini: Be My Love
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Click here to read the english version


2006 - Universal
Mario Rosini
Be My Love


1. All Blues (M. Davis)
2. Someday my prince will come (Morey-Churchill)
3. What are you doing the rest of your life (A.M. Bergman-M. Legrand)
4. 02.00 pm (Mario Rosini)
5. Softly as in a morning sunrise (O. Hammerstein - S. Romberg)
6. Easy Living (L. Robin - R. Rainger)
7. Wave (A.C. Jobim)
8. Mr. Tanghero (Mario Rosini)
9. Here's that a rainy day (J. Burke - J. Van Heusen)
10. Body and Soul (E. Heyman - J- Green)
11. Groovin' high (D. Gillespie - C. Parker)
12. Be My Love (S. Cahn - N. Brodsky)

Mario Rosini - piano




La parte nota di un artista è una risultante di influenze, di emozioni, di vissuto. A seconda dei momenti storici, ogni lavoro raffigura, come in un'istantanea, l'artista in quel momento e non c'è da meravigliarsi se a volte lo si scopre completamente diverso da come si conosceva in precedenza, l'importante è che ogni volta esso risulti schietto, autentico, senza compromessi. Non è affatto facile che ciò accada in un mondo di "dotti, medici e sapienti" pronti a consigliare, a dire cosa è giusto o sbagliato, bello o brutto e non è affatto consueto che l'artista riesca nell'impresa di ascoltare soltanto se stesso. Perché questa premessa? Perché Mario Rosini, pianista, cantante, divenuto famoso per le sue collaborazioni professionali nel mondo della musica pop e per la sua partecipazione a Sanremo, ma da sempre appartenente anche al mondo musicale jazzistico, ha deciso che oggi la sua istantanea debba raffigurare proprio la musica jazz che è in lui. Egli serba un amore smisurato per questa musica, per i suoi idoli del passato, maestri di una tecnica rubata e fatta propria attraverso notti di studio continuo.

Mario Rosini e il piano sono un tuttuno, sembra che canti, anche quando suona (o magari è il contrario…), attinge da ogni fonte d'ispirazione senza preclusioni, trae energia e creatività dalla storia esternando un pianismo alla Peterson o alla Tatum per le armonizzazioni e alla Corea o alla Hancock per le figurazioni ritmiche. Ma l'elemento che maggiormente emerge dall'ascolto di questo album è un'attenzione, quasi maniacale, al tema di ogni brano. Rosini lo espone, lo smembra, ne afferra frammenti che suona fugaci inframezzandovi evoluzioni sempre più dense ma senza mai far perdere minimamente l'orientamento ad un ascoltatore che ne rimane indubbiamente coinvolto.

Ciò avviene con veemenza come nelle corroboranti "All Blues" e "Someday My Prince Will Come" o nelle virtuose "Softly as in a morning sunrise", "Groovin' High" e "Wave", oppure con classe ed eleganza come nelle delicate "What are you doing the rest of your life", "Body And Soul" e "Be my love" (che merita una menzione particolare per l'ottimo controllo dinamico). Comunque, vi è sempre una continua creatività, una sorta di foga artistica che magari può anche far pensare ad una sorta di "istinto represso" ma che comunque rende le esecuzioni copiose di particolari che vanno colti e assimilati di ascolto in ascolto.

Un album in cui Rosini vi ha registrato musica che ha ritenuto essere maggiormente rappresentativa e nel quale ha cercato, riuscendovi, di non ascoltare nessuno, tranne se stesso e le sue fonti d'ispirazione.
Marco Losavio per Jazzitalia








Articoli correlati:
18/06/2017

Bisceglie, una città intera a suon di Jazz: 5 straordinarie location tra il centro storico e la litoranea, tutte con lo skyline del mare, trasformeranno Bisceglie il 5-6 e 7 agosto in una città a suon di jazz.

02/06/2014

Rosa Dei Venti (Sandro Corsi)- Nicola Barin

29/05/2011

The Dreamcatcher (Tony Semeraro) - Eva Simontacchi

21/11/2009

Intervista a Tony Semeraro in occasione della registrazione del suo nuovo album: "...nel registrare il disco The Dreamcatcher ho seguito solo ed esclusivamente il mio istinto, i miei gusti e le mie tradizioni." (Eva Simontacchi)

09/11/2009

Accoppiamenti Giudiziosi (Barbara Raimondi) - Luca Labrini

03/09/2006

Dedicato alle big band, l'edizione 2006 del Multiculturita Summer Jazz Festival ha offerto tre serate durante le quali il pubblico ha potuto applaudire l'Orchestra Zero...e lode del Conservatorio di Bari, il Mimmo Campanale Quartet, i Good Fellas e la Montecarlo Night Orchestra con Nick the Nightfly e Sarah Jane Morris. (A. Augenti, A. Francavilla)

09/06/2002

Analisi e trascrizioni del CD Waiting For... di Nico Stufano

24/05/2002

Waiting for..., il nuovo CD di Nico Stufano







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 4.575 volte
Data pubblicazione: 24/02/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti