Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


DA 1021 - D'Autore
cover by Giona Rossetti

Rossana Casale
Billie Holoday in me


1. You've changed
2. Speak Low
3. Body and Soul
4. For heavens sake
5. Lover Man
6. Comes Love
7. God Bless the Child
8. Easy to love
9. Everything I have is yours
10. Willop weep for me
11. My Man
12. I'll be seeing you

Rossana Casale voce
Luigi Bonafede
piano
Luciano Milanese
contrabbasso (6, 10, 11)
Andrea Pozza
piano (6, 10, 11)
Claudio Capurro
sax alto (6, 10, 11)
Carlo Milanese
batteria (6, 10, 11)
Massimo Baldini
sax tenore (8)
Fulvio Chiara tromba (12)
Aldo Mella contrabbasso (4)

E' molto piacevole ascoltare l'inconfondibile voce di Rossana Casale, perfetta nella pronuncia, scandire le frasi di ogni brano con un bel senso del ritmo e un preciso rispetto del tema. Accompagnata prevalentemente da Luigi Bonafede, la Casale percorre un itinerario che cerca di sintetizzare alcuni aspetti della grande Billie Holiday. Non credo che possa esistere una cantante (non solo jazz), che non sia stata colpita in qualche modo dalla voce di Billie Holiday e Rossana Casale non fa eccezione. L'ha ascoltata, interiorizzando la sua musica, la sua vita e cercando di rapportare al suo ruolo di artista contemporanea gli aspetti più eleganti di una Holiday troppo spesso associata alla disperazione e invece molto spesso, e più semplicemente, donna che cantava anche l'amore, sogno o realtà di molte donne di quel tempo.

Luigi Bonafede è sicuramente un partner ideale, predispone comodi voicing sui quali la voce della Casale si poggia morbidamente (ottimo in
Speak Low), scandisce il ritmo integrandosi molto bene con la suddivisione metrica delle frasi cantate. Il suono del piano è padrone dello spazio e Bonafede ne approfitta controllando il sustain in modo sapiente ed è così che fornisce un supporto ideale alla Casale la quale controlla altrettanto bene la dinamica della voce consapevole del rischio che una situazione così intimistica può generare. Durante i soli Bonafede non tradisce mai l'impronta originaria dei brani creando frasi assolutamente pertinenti con la melodia stessa.

Luciano Milanese è un altro "veterano" che da tempo accompagna Rossana Casale. Il contrabbasso conduce in prima persona i brani fornendo sempre un sostegno adeguato come in Comes Love in cui c'è anche un ottimo solo. Proprio Comes Love, in cui Andrea Pozza sostituisce Luigi Bonafede e si aggiungono anche la batteria di Carlo Milanese e il sax di Claudio Capurro, è, a mio parere, uno dei momenti migliori del CD. L'arrangiamento rispecchia la versione della Holiday: sax e piano sostituiscono il riff eseguito dalla chitarra di Barney Kessell mentre il contrabbasso ripropone la linea di Red Mitchell. La Casale espone il tema seguendo ottimamente lo shuffle creato dalla ritmica, inoltre sfrutta anche il suo tono di voce per dare al brano in modo del tutto naturale un sapore anni '30/'40.

Ottimo anche l'intervento del contrabbasso di Aldo Mella in
For heavens sake dove oltre a swingare egregiamente sfodera un gran bel solo che lancia ottimamente il piano di Bonafede.

La chiusura è un momento molto toccante. Si tratta di
I'll be seeing you eseguito insieme al piano di Bonafede ed alla tromba di Fulvio Chiara. L'intensità dell'interpretazione di Rossana Casale non può non coinvolgere e condurre il pensiero verso luoghi lontani, personali, con immagini che ritraggono chi magari ora non c'è più, quando si è sopraffatti dal dolore dell'assenza lievemente colmata dal ricordo, dalla speranza.

Questo CD non è per tutti. E' per coloro che vogliono comprendere il significato delle parole, che vogliono ascoltare un brano immedesimandosi in esso, provando ad accostarsi alla musica per cercarsi in essa percorrendo il tragitto insieme ai musicisti. E' per coloro che vogliono apprezzare lo standard nella sua purezza, con un'interpretazione rigorosa ma anche personale. E' per coloro che non hanno pregiudizi, che non hanno voglia di trovare Billie Holiday ma che hanno voglia di scoprire un'artista come Rossana Casale che interpreta la grande Lady Day filtrata dalla sua personalità.
Marco Losavio





Articoli correlati:
25/01/2004

Intervista a Rossana Casale: "La musica in fondo è vibrazione e la vibrazione è vita, devi riuscire ad incontrare la vibrazione degli altri per farli camminare insieme a te, armonizzarti con gli esseri che hai davanti, devi capire il pubblico che hai davanti e domarlo, adattarti.". (Marco Losavio)

20/12/2003

Rossana Casale al Blue Note: "...la trovo tanto piacevole quando canta il jazz. La sua voce è inconfondibile, trovo che non ci sia una voce nel panorama musicale italiano che le assomigli. E' veramente unica, come il sapore, il gusto che ci offre con la sua timbrica particolare.". (Eva Simontacchi)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 16.190 volte
Data pubblicazione: 01/01/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti