Jazzitalia - Merlin Enrico - Rizzardi Veniero: Bitches brew. Genesi del capolavoro di Miles Davis
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Merlin Enrico - Rizzardi Veniero
Bitches Brew. Genesi del capolavoro di Miles Davis

2009, 318 p., Editore Il Saggiatore

Anno di celebrazioni per il sublime Miles. Si ricorda il contemporaneo genetliaco per due autentiche milestones, pietre miliari-musicali, per usare un calembour davisiano. Nel 1959 fu l'uscita discografica di Kind Of Blue, forse Il disco jazz; mentre esattamente dieci anni dopo, nel 1969, venne a sconvolgere nuovamente il mondo musicale Bitches Brew, questa volta con un impatto non solo jazzistico. Sicuramente la differenza tra i due lavori si misura nella diversa accoglienza che ebbero nell'immediato e nel significato che andarono a ricoprire nel lungo periodo: mentre Kind Of Blue venne fulmineamente apprezzato, ratificando una volta di più Davis come artista di punta del jazz, alla sua uscita Bitches Brew sancì il divorzio con la critica e il pubblico puristi; rottura mai più realmente sanata. L'immagine del nostro si scisse in una sorta di doppelgänger: a fianco dell'indimenticabile jazzista prese il sopravvento una icona pop, con la coda di sospetti mai sopiti di "svendita" e di "tradimento commerciale".



P
roprio dell'analisi di Bitches Brew, fulcro creativo del nuovo Miles Davis (Alton, 26 maggio 1926 – Santa Monica, 28 settembre 1991), si occupa il recentissimo volume di Enrico Merlin e Veniero Rizzardi. Un testo che testimonia l'interesse della casa editrice il Saggiatore per Davis, cui aveva già dedicato in passato due titoli della collana con le preziose traduzioni di Kind Of Blue del critico e giornalista statunitense Ashley Kahn e del libro di Richard Cook centrato sull'analisi delle sue 14 opere fondamentali. Ma torniamo al lavoro di Merlin e Rizzardi. Certo, i dieci anni tra Kind Of Blue e Bitches Brew si sentono anche all'ascolto più superficiale. E, come dicono gli autori, lo stesso passaggio epocale che riguarda il Miles artista coinvolge assieme quello del Miles personaggio che passa da jazzman duro, vestito con abiti neri di taglio italiano, ad uno stile afro-rock a metà tra James Brown e Jimi Hendrix. Gli autori ancor prima di addentrarsi nell'analisi musicale rilevano questo cambio di direzione fin dalla copertina del disco affidata a Mati Klarwein (autore di contemporanee copertine per i Santana) nella quale emerge la volontà di sintesi tra l'aspetto black e quello rock voluta da Miles sulla scia di Sly and the family Stone.

Miles fu l'unico responsabile di questo cambiamento? Questa domanda si agita attraverso alcuni capitoli e la risposta, nel miglior stile della critica contemporanea, è acuta e alquanto composita. Comunque la si inquadri si trattò di un concorso di cause (i detrattori direbbero di colpe). La casa discografica voleva vendere "meglio" Davis. La distribuzione di dischi jazz stava letteralmente impallidendo di fronte all'esplosione del rock giovanile e quel mercato che si stava autonomamente creando e spostando verso nuove aree espressive andava catturato, prima che a farlo fosse qualcun altro. Era una questione di tempismo, vitale per anticipare le tendenze.

Ma Bitches Brew fu anche il risultato di una serie di esperimenti squisitamente musicali durati alcuni anni, durante i quali la visione artistica di Miles si compenetrò sempre più con quella del produttore-compositore Teo Macero. Che la sterzata non fosse stata così brusca lo si sapeva, ma questo libro documenta per la prima volta l'intero percorso, dall'innamoramento iniziale per il blues elettrico di Muddy Waters fino al pastiche rock, soul, jazz dei Blood, Sweet and Tears.

Consultando per la prima volta un corposo materiale d'archivio, come gli archivi di Macero e grazie all'accesso ai nastri integrali delle session conservati presso la Columbia, Merlin e Rizzardi ricostruiscono la genesi dell'album e del particolare momento storico nel quale anche il jazz da studio cambia caratteristiche come rilevano in modo approfondito i due autori ponendo in evidenza, con opportuni diagrammi, i tagli e le cuciture dei brani. Le takes di Miles Runs The Voodoo Down, Spanish Key, Pharoah's dance vengono analizzate e smontate con cura: da questo lavoro certosino emergono le curiosità che impreziosiscono il volume.

In conclusione dall'esecuzione per takes successive si passa a un fitto lavoro di post-produzione, un'attività che consiste in un montaggio quasi filmico dei migliori momenti della session di studio.
Un montaggio che a tratti diventa ri-composizione o ri-creazione del materiale stesso e per il quale alla fine Teo Macero assume la figura del co-autore rispetto a quella del classico produttore di dischi jazz. Rispondendo al critico Ralph J. Gleason, nota firma di Rolling Stones, il quale lo aveva accusato (privatamente, i due erano amici) di essere uno degli uccisori del jazz, Macero dice di sé: Avrò anche ucciso il jazz, ma intanto ho costruito un nuovo genere di musica. Tu che cosa hai fatto ultimamente?

Ho costruito un nuovo genere di musica scrive, quindi, orgoglioso Macero. Su questa "costruzione" gli autori indagano seguendo ogni possibile direzione: partono dalle "prove generali" del biennio precedente (il lungo brano Circle In The Round, con l'innesto faticoso della chitarra elettrica o quello del piano elettrico per Stuff), analizzano la scrittura di In A Silent Way, con il particolare sodalizio creativo con Joe Zawinul, si soffermano sull'apporto di solisti "anziani" del gruppo di Miles come Shorter o Hancock e sul ruolo dei membri della studio band (in particolare McLaughlin, DeJohnette, Harvey Brooks). Il tutto a dimostrare quanto fosse eclettico…l'elettrico Miles!.

Franco Bergoglio per Jazzitalia







Articoli correlati:
20/08/2017

Around Jazz: intervista a Papa Dj: "...la musica è la protagonista principale della nostra comunicazione, riesce ad abbattere barriere politiche, sociali e religiose, un pezzo bello diventa collante tra popoli e culture, questa è la potenza della musica." (Alceste Ayroldi)

24/04/2017

Intervista a Pino Jodice: "...le orchestre sono la massima espressione artistica musicale, umana e sociale; con l'orchestra si crea bellezza, civiltà e cultura, si coltiva l'intelligenza." (Marco Losavio)

05/02/2017

Quegli anomali discepoli di Thelonious : "Monk non solo era consapevole che quello stava facendo era giusto ma anche di altissimo livello artistico..." (Claudio Angeleri)

14/06/2015

Intervista a Greta Panettieri : "...tutto parte dalla scoperta di una grandissima passione, perchè da lì ho iniziato a scoprire il jazz con la foga dell'adolescenza, a gran velocità." (Laura Scoteroni)

12/06/2015

LEZIONI (chitarra): Analisi del brano "Doxy" di Sonny Rollins (Donatello Polidoro)

26/02/2015

LEZIONI (Trascrizioni): Out of Nowhere - Charlie Parker. Seduta del 4 novembre 1947 insieme a Miles Davis, Max Roach, Duke Jordan e Tommy Potter (Paolo Mannelli)

19/05/2014

Blue. Chi ha ucciso il jazz? (Eric Nisenson)- Marco Losavio

07/01/2014

Miles on Miles – Incontri con Miles Davis (Paul Maher Jr., Michael K. Dorr)- Marco Losavio

12/05/2013

Miles Davis rewind (Guido Michelone - Gianfranco Nissola)- Gianni Montano

28/01/2012

LEZIONI (Articoli): Il ruolo del walking bass nel Jazz modale - Paul Chambers in "So what". (Giuseppe Canale)

18/08/2011

Miles Davis. Il sound del futuro (Guido Michelone)- Franco Bergoglio

26/12/2010

Jazz foto di gruppo (Arrigo Arrigoni)- Franco Bergoglio

19/12/2010

Bitches Brew 40th Anniversary Deluxe Edition Box (Miles Davis)- Vittorio Pio

15/11/2010

Live in Rome & Copenhagen 1969 (Miles Davis Quintet)- Giovanni Greto

29/07/2010

Le eta' del Jazz. I contemporanei (Claudio Sessa)- Alceste Ayroldi

09/07/2010

In diretta da Umbria Jazz 2010. (Marcello Migliosi)

09/05/2010

Jazz! (John F. Szwed)- Alceste Ayroldi

18/04/2010

Una vita con il sax (Armando Brignolo)- Marco Losavio

25/03/2010

Hal McKusick si racconta. Il jazz degli anni '40-'50 visti da un protagonista forse non così noto, ma presente e determinante come pochi. "Pochi altosassofonisti viventi hanno vissuto e suonato tanto jazz quanto Hal Mckusick. Il suo primo impiego retribuito risale al 1939 all'età di 15 anni. Poi, a partire dal 1943, ha suonato in diverse tra le più interessanti orchestre dell'epoca: Les Brown, Woody Herman, Boyd Reaburn, Claude Thornill e Elliot Lawrence. Ha suonato praticamente con tutti i grandi jazzisti tra i quali Art Farmer, Al Cohn, Bill Evans, Eddie Costa, Paul Chambers, Connie Kay, Barry Galbraith e John Coltrane." (Marc Myers)

13/12/2009

The Complete Columbia Album Collection (Miles Davis)- Vittorio Pio

20/08/2009

Miles live e in studio (Richard Cook)- Franco Bergoglio

18/01/2009

Il suono in cui viviamo (Franco Fabbri)

03/01/2009

LEZIONI (Trascrizioni): Il solo di Miles Davis su "It could happen to you" da "Relaxin' with the Miles Davis Quintet" (Andrea Sorgini)

19/10/2008

Kind Of Blue (50th Anniversary De Luxe Edition) (Miles Davis)

03/05/2008

Birdland 1951 (Miles Davis)

01/11/2007

LEZIONI (piano): Pentatoniche e accordi per quarta (Claudio Angeleri)

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

11/02/2007

Intervista a Eddie Gomez: "Tutto ciò che io ho studiato, tutto ciò a cui mi sono interessato, non è stato premeditato. Il mio interesse si è sviluppato col tempo. A 21 anni forse potevo dire di aver appreso qualcosa di questa storia, e di quella e di quell'altra ... Poi, nei miei anni succesivi con Bill Evans, ho appreso ancora di più della tradizione ... e sto ancora imparando..." (Adriana Augenti)

17/04/2006

LEZIONI (Trascrizioni): Un favoloso solo di Charlie Parker sul brano Scrapple from the Apple (Marcello Zappatore)

04/04/2006

I dipinti dei grandi del jazz di Mauro Angiargiu

03/01/2006

LEZIONI (Trascrizioni): Il solo di Miles Davis sul brano Half Nelson dell'album "The Prince of Darkness" (Marcello Zappatore)

16/12/2005

Nuova gallery con i quadri di Manlio Noto

03/06/2005

Riedizioni 2005 (Miles Davis)

21/03/2004

Kind of Blue - Io & MIles Davis (Quincy Troupe - Ashley Khan)





Video:
The Miles Davis Story (Sub Ita)
Nessuna descrizione disponibile....
inserito il 18/09/2011  da Greengrassmusic - visualizzazioni: 4407
Lonnie Liston Smith w/Alessio Menconi, Massimo Moriconi, Lee Pearson @ Eddie Lang Jazz Festival 2011
Lonnie Liston Smith w/Alessio Menconi (guitar) Massimo Moriconi (bass) & Lee Pearson (drums) @ Eddie Lang Jazz Festival 2011http://www.eddielang.o...
inserito il 23/08/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 4179
Miles Davis Human Nature (solo Kenny Garrett)
Miles Davis-trumpetKenny Garrett-saxophoneFoley-guitarRicky Wellman-drumsRichard Patterson-bass1991...
inserito il 25/05/2011  da kmpp16 - visualizzazioni: 3247
Miles Davis - The Last Performance - Jazz à Vienne 1991 (Official)
Directed by : Patrick SaveyExclusive -- The last Miles Davis with his band filmed concert, on 1991 July 1st. Filmed at the Vienne Roman theater, feat ...
inserito il 29/11/2010  da Zycopolis - visualizzazioni: 3181
Miles Davis Time After Time Montreux 1988 - Google Chrome.flv
Miles......
inserito il 05/11/2010  da BlackMax58 - visualizzazioni: 3423
2010 Grammy Nominated Roy Hargrove Big Band - Roy Allan (Jazz A Vienne Excerpt)
Purchase "EMERGENCE" at Amazon: http://www.amazon.com/gp/product/B002..., at iTunes: http://itunes.apple.com/us/album/emer..., , Filmed live...
inserito il 20/12/2009  da GroovinHighRecordsUS - visualizzazioni: 3282
Miles Davis - Heavy Metal
Miles Davis - Live in Germany (1988)Miles Davis - trumpet, keyboardsKenny Garrett - saxophone, fluteBobby Irving - keyboardsAdam Holzman - keyboardsBe...
inserito il 03/07/2009  da Neidhardt84 - visualizzazioni: 3582
Miles Davis in Concert ( Kenny Garrett solo )
Warsaw 1988...
inserito il 10/10/2008  da darominu - visualizzazioni: 3845
Miles Davis - In A Silent Way, New Blues LIVE STUTTGART ´88 [HQ]
Inicio del concierto Miles en Stuttgart '88....
inserito il 08/10/2008  da juandirecto - visualizzazioni: 3625
Avishai Cohen - Smash
...
inserito il 19/08/2008  da luccabf - visualizzazioni: 3338
Keith Jarrett about Miles Davis and the Very Slow Beat
Keith Jarrett tells a story about Miles Davis and how this great musician explained a very slow beat to a drummer. Very funny!...
inserito il 08/07/2008  da frafrafrafrabla - visualizzazioni: 3274
Marcus Miller - So What (Live)
Marcus Miller performs live playing a Miles Davis classic, So What....
inserito il 28/06/2008  da tonchi2a - visualizzazioni: 3313
Jazz istruzioni per l'uso paolo fresu
...
inserito il 14/05/2008  da esomare - visualizzazioni: 4094
Charlie Parker - "My old flame"
Charlie Parker (alto sax), Miles Davis (tromp.), Duke Jordan (piano), Tommy Potter (g), Max Roach (drums)...
inserito il 29/02/2008  da caoamarelo - visualizzazioni: 3319
Miles davis & Marcus miller - mr pastorius
video do miles davis & marcus miller - mr pastorius mtv jazz...
inserito il 18/07/2007  da caoamarelo - visualizzazioni: 3725
Miles Davis & John Scofield
http://worldmusicstore.com.au Purchase this DVD by clicking above:...
inserito il 13/07/2007  da ozmusicshop - visualizzazioni: 3591
WOODY SHAW: "To Kill A Brick" - Monterey Jazz Fest. (1979)
http://www.WoodyShaw.com...
inserito il 25/03/2007  da WoodyShawdotcom - visualizzazioni: 3430
Miles Davis - Herbie Hancock - Wayne Shorter - Ron Carter -
Miles Davis - Herbie Hancock - Wayne Shorter - Ron Carter - tony williams Stockholm 1963...
inserito il 19/02/2007  da moresco63 - visualizzazioni: 3439
Miles Davis - Wayne Shorter - Herbie Hancock - Ron Carter -
...
inserito il 25/01/2007  da moresco63 - visualizzazioni: 3286
Miles Davis: Walkin'
The Miles Davis Quintet digs into this classic on November 7, 1967 at the Stadthalle, Karlsruhe, Germany....
inserito il 20/12/2006  da pixaninny - visualizzazioni: 3392
miles davis electric 73
calypso frelimo at newport...
inserito il 08/10/2006  da milesdewey - visualizzazioni: 3281
Miles Davis Quintet - 1967 - Footprints
The video is actually from a concert done on October 31, 1967 in Sweden. Miles and the band were in Europe, playing in a concert package dubbed "...
inserito il 18/08/2006  da edmarxxx - visualizzazioni: 3284
John Coltrane w/ Wynton Kelly Trio VERY RARE
John Coltrane, Wynton Kelly, Paul Chambers, Jimmy Cobb-- RARE!...
inserito il 21/07/2006  da jazzclassic - visualizzazioni: 3307
BURN : Miles davis w/santana & Robben ford
Miles Davis Octet with Carlos SantanaAmnesty International's 25th Anniversary Benefit ConcertGiants Stadium, East Rutherford, NJJune 15, 1986...
inserito il 04/07/2006  da ricosantana - visualizzazioni: 2987
Miles davis et John Coltrane - So what
http://deepsound.net - Miles Davis and John Coltrane play one of the best renditions of SO WHAT ever captured on film-Live in 1958. Edit : in fact, wa...
inserito il 14/05/2006  da Deepsound - visualizzazioni: 3452
George Benson blues miles davis tribute
George Benson & mIles Davis...
inserito il 09/03/2006  da Bendrobert2005 - visualizzazioni: 3584


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 4.910 volte
Data pubblicazione: 06/01/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti