Jazzitalia - Recensioni - Roy Paci Corleone: Blaccahenze
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Max Ionata Three One per la rassegna Boogie Jazz Season presso il BOOGIE CLUB di Roma.

Per i dieci Anni di Milleunanota arriva la cantante brasiliana Rosàlia De Souza.

Dolomiti Ski Jazz 2019. 22° Edizione, dal 9 al 17 marzo 2019: concerti su misura per… sciatori. Il Dolomiti Ski Jazz è un incrocio di passioni: quelle per gli sport invernali, per la black music, per la natura alpina.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

"Musicista Italiano dell'anno" e "Disco Italiano dell'anno" per Franco D'Andrea al Top Jazz 2018.

Marilena Paradisi & Kirk Lightsey in concerto a Roma presso l'Auditorium Parco della Musica.

Susanna Stivali in "Caro Chico" (omaggio a Chico Buarque de Hollanda) all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

Un duo particolare per Notti di Stelle Winter: Enrico Rava e Danilo Rea per la Camerata Musicale Barese.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Roy Paci Corleone
Blaccahenze



INCIPIT RECORDS, distr. EGEA
INC 156

1. Cinematic Conventions Of Murder
2. Moshpit Comedy
3. Lookin' For Work
4. Double Threesome
5. Umuntu ngumuntu ngabantu
6. Tromba l'oeil
7. Budstep Infected

Roy Paci - direzione, tromba, flicorno
Guglielmo Pagnozzi - alto sax
Marco Motta - sax baritono
Alberto Capelli - chitarre
Marco Pettinato A.k.a. John Lui - synth, basso elettrico, chitarra, sampler
Andrea 'vadrum' Vadrucci - batteria


Casino. Non è il personale giudizio di chi scrive sul disco in questione, bensì la traduzione dal dialetto di Montorio al Vomano (Abruzzo) di "Blaccahénze"; in particolare degli emigrati montoriesi negli Stati Uniti: sinonimo di "Black Hand".
Sfatato il mistero del titolo, ma non quello del motivo per cui è stato attinto dal vocabolario montoriese visto che Paci è siculo, il progetto Corleone procede a vele spiegate e sempre ricco di sorprese. I suoi natali risalgono al 2004 e appartengono al complesso dna musicale del trombettista di Augusta, camaleontico a dir poco, visto che di filamenti ce ne sono tanti e tutti diversi.
Roy Paci, questo è certo, è un esploratore inquieto: e fa bene, visti i risultati avuti in ogni segmento di pubblico. Corleone, però, ha uno spazio particolare nel suo cuore, così come le fotografiche note di copertina firmate da Pino Saulo raccontano.

Jazz sperimentale? Heavy Jazz? Fusion? Le etichette, sempre pronte all'uso, si sprecheranno. Una cosa è certa: c'è tanta roba buona nel forno corleonese, denominazione inquietante come i titoli dei brani che trasudano sesso spinto e musica altrettanto spinta; spinta verso la direzione di un'improvvisazione focosa, torrida e metallica. Nelle sferzate delle chitarre di Alberto Capelli e John Lui: entrambi dei fuori classe nel tenere al giogo rock le note di jazz intonate dalla furibonda sessione fiati, come in "Cinamatic Conventions Of Murder" e in "Moshpit Comedy", muovendosi sinuosa e sicura nell'ostinato prima, e nel fraseggio bandistico di Paci, Pagnozzi e Motta, con l'alto sax che si inerpica su sonorità ornettiane.
"Lookin' For Work" è l'unico brano non firmato da Paci, una ballad siglata da Georg Graewe. Oddio, una ballad per modo di dire, visto l'autore e l'esecuzione che Paci e compagni ne fanno: sbilenca, agogica, caracollante con il trombettista in proscenio a tracciare tema e improvvisazione all'unisono.
L'ammucchiata di "Double Threesome" è dilaniante nella sua orchestralità esasperata, senza mai perdere di vista la melodia, con gli strumenti che si intrecciano e si rincorrono nel mid-tempo.
Spazio da cavalcata per Andrea Vadrucci nella bella, spiritosa e sempre incalzante "Umuntu ngumuntu ngabantu", con un gran lavoro dei fiati a rinfrescare la memoria della lezione di Charles Mingus, con assoluta originalità e un tocco di sicilianità, e Paci che pompa a pieni polmoni. Il volume sonoro è sempre bello alto: si attenua nella prima parte dell'ammiccante "Tromba l'oleil" dove un leggero tappeto elettronico raccoglie le note acute di Paci, prima di liberare l'orchestra, che sembra moltiplicarsi di brano in brano. "Budstep Infected" chiude l'album, segue le stesse orme, "infestato" da sampler dilatati e da una andamento altalenante e dilaniante.

E' un disco post-moderno, vibrante e accattivante. Ma soprattutto il suo fuoco è schietto e sincero.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
28/10/2018

Fight for Freedom (Remo Anzovino & Roy Paci)- Alceste Ayroldi

05/10/2013

Multiculturita Summer Jazz Festival - XI Edizione: Il Contest con una "lotta all'ultima nota", i concerti con Nuevo Tango Ensamble, Fabularasa feat. Gabriele Mirabassi, il "BassVoice project" di Pippo Matino - Silvia Barba e il CorLeone di Roy Paci. (N. Molica Franco - M. Losavio)

12/01/2009

L'attesa (Alberto Capelli/Alkord)

07/01/2008

Intervista a Roy Paci: "Sono un musicista che ama tutta la musica tranne la fusion americana e il neo-melodico napoletano...Le mie sperimentazioni sono variegate perché mi piace vivere seguendo quell'ispirazione che è data dall'improvvisazione che non è data solo dal Jazz." (Patrizio Longo)





Video:
DAVE DOUGLAS & KEYSTONE Spark of Being
Intervista esclusiva a Dave Douglas e Roy PaciSpark of Being film di Bill Morrison Reinvenzione del mito di Frankenstein attraverso immagini e musica...
inserito il 18/11/2010  da comoreport - visualizzazioni: 3213


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.295 volte
Data pubblicazione: 16/06/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti