Jazzitalia - Jason Moran: Black Stars
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Recorded at Systems Two, Brooklyn, New York
on March 16-17, 2001
Blue Note Records (USA) - 2001
Jason Moran
Black Stars


1. Foot Under Foot
2. Kinda Dukish
3. Gangsterism On A River
4. Earth Song
5. Summit
6. Say Peace
7. Draw The Light Out
8. Out Front
9. Sun At Midnight
10. Skitter In
11. Sound It Out

Jason Moran - piano
Sam Rivers - soprano & tenor saxophones, flute, piano
Tarus Mateen - bass
Nasheet Waits - drums




Pochi musicisti nel mondo del jazz di questi ultimi anni possono vantare lo straordinario sound del piano di Moran. Il suo combinare e coordinare elementi diversissimi all'interno d'un preciso linguaggio musicale, dotato di canoni estetici che costituiscono una cifra chiara e riconoscibile del suo stile, rappresenta una straordinaria eccezione in un panorama musicale che de facto impone un superamento continuo dei confini tra generi. Un superamento che spesso appare più uno spettacolare generatore di caos – che porta a confezionare prodotti di dubbia qualità e induce a coniare nuove categorie sempre meno utili alla comprensione del prodotto musicale – piuttosto che un'utile via per giungere alla definizione di nuovi ed originali orizzonti musicali.

Moran pare muoversi sempre intersecando diversi piani, diversi stili, proponendo diversi schemi interpretativi riuscendo tuttavia a proporre sempre un suo sound inconfondibile e preciso che costituisce la sua cifra stilistica. Ascoltato a Le Blue Note di Parigi rimasi folgorato da questa sua capacità di amalgamare elementi diversissimi in un'unica forma.

Il suo trio si muove con una facilità straordinaria tra i diversi stili, le diverse forme ed i diversi materiali sonori. Le sue campionature prese dai più disparati generi musicali – o semplicemente da quell'universo sonoro straordinario che è la rumorofonia – vengono incorporate all'interno del contesto musicale secondo un metodo di assimilazione non così diverso da quello avanzato da compositori, tanto per fare degli esempi, come John Cage o David Tudor o anche per certi versi (e direi addirittura) Luigi Nono. Questo perché nella musica di Jason Moran spesso non si assiste solamente ad una "musicalizzazione" del suono rumorofono – che rimane quindi un elemento inserito nel contesto musicale ma che ha una sua fisionomia distinta dalla composizione. La campionatura è spesso parte costitutiva ed ineliminabile del pezzo. Un brano come Ringing my phone (ascoltate il suo Live in Paris del 2003) è straordinariamente esemplificativo. Il piano di Moran rincorre in modo fantastico la voce al telefono campionata cercandone una riproduzione musicale ed inseguendo (letteralmente) l'impossibile unisono tra piano e voce.

Il modo in cui riesce a tenere assieme il connubio innovazione-tradizione ha decisamente pochi precedenti. Le composizioni di Byard o Ellington finiscono per essere rese contigue ad altre pop (pensate a Bjork) o a materiali rap o hip-hop, producendo così un accostamento che in altri contesti avrebbe fatto sobbalzare chiunque con giusto disgusto. Ma soprattutto il suo piano passa per il singolarissimo suono bebop di Monk e per il free con estrema naturalezza. Ed è soprattutto sull'incontro con il free che, in fin dei conti, si fonda l'album Black Stars, perché qui il trio di Moran – che, ben inteso, rimane trio – si confronta con uno dei più straordinari ed originali fiati della allora "new thing". Dico che il trio rimane tale, perché in nessun modo può dirsi che a suonare sia un quartetto. Jason Moran, Tarus Mateen e Nasheet Waits da una parte e Sam Rivers dall'altra. La singolarità dell'album è certamente qui. L'ascolto di lavori come Facing Left o del citato Live in Paris è presupposto fondamentale per comprendere come il trio si muove di fronte alla forza ed alla eleganza del tenore, del soprano e del flauto di Rivers. Ascoltando i suoi assolo – dove si rintracciano, tra l'altro, certi percorsi sonori di Coltrane, Dolphy e pure Lacy – si rimane colpiti da come Rivers si trovi perfettamente a suo agio. Il trio di Moran si muove sempre tra una forma e l'altra con estrema facilità, lasciando parecchio spazio alle improvvisazioni di Rivers, puntellandole ed intersecandone il piano (come in Say Peace), sostenendole con il fuoco ritmico di Waits (come in Foot Under Foot) o aprendo vere e proprie distese sonore come nella bellissima Summit. Quel Sam Rivers che convinceva così poco Miles Davis è assolutamente strepitoso. Abbandona i lofts newyorkesi ma naturalmente se li porta dietro qualsiasi cosa faccia. Pure, come in questo caso, con un sound più placido ed elegante. D'altra parte gli ambienti e il clima newyorkese si riflettono perfettamente nel sound urbano di Moran tanto che forse la nuova New York con la sua "bellezza inintenzionale" (per usare un'espressione di Kundera) è oggi più rappresentata dalla complessità della musica di Moran di quanto non lo sia dalla – pur sempre magnifica – Rhapsody in Blue di Gershwin. Chissà cosa ne penserebbe Sandor Marai...
Alex Monamour per Jazzitalia







Articoli correlati:
14/01/2018

I primi due giorni di Umbria Jazz Winter 2017/2018: "Per i suoi venticinque anni Umbria Jazz Winter si è voluta trattare bene: a Orvieto: un sacco di musicisti, molti dei quali "resident artist" che grazie a questo si sono esibiti in più concerti." (Aldo Gianolio)

11/01/2015

Intervista a Paolo Fazioli: "Pezzi unici, accurata scelta dei materiali, tanta ricerca e esperimenti: Paolo Fazioli, a Roma per l'inaugurazione della Ciampi Luxury Piano Gallery, ci racconta la sua esperienza." (Nina Molica Franco)

07/12/2014

Jason Moran e Robert Glasper: "Due stili totalmente diversi generano sul palco qualcosa di inedito che, nella totale diversità degli elementi che lo compongono, si presenta come un unicum perfettamente coeso." (Nina Molica Franco)

30/03/2014

Quattro chiacchiere con...Tito Mangialajo Rantzer: "Nell'album "Dal basso in alto" Mangialajo Rantzer riesce a tirare fuori un sound così corposo che appare orchestrale." (Alceste Ayroldi)

15/02/2014

Hagar's Song (Charles Lloyd - Jason Moran)- Marco Losavio

20/03/2011

Journal (Joseph Lepore) - Alceste Ayroldi

30/01/2011

Una gallery di oltre 60 scatti al New York Winter Jazz Fest 2011: Chico Hamilton, Don Byron, Geri Allen, JD Allen, Butch Morris, Steve Coleman Vernon Reid, Anat Cohen, Aaron Goldberg, Nasheet Waits, Abraham Burton, Eric McPherson...(Petra Cvelbar)

06/01/2011

Mirror (Charles Lloyd Quartet) - Alceste Ayroldi

19/12/2010

13ma edizione del Padova Jazz Festival: La musica e le immagini del Dave Douglas & Keystone, i New Quartet di Gary Burton - con Antonio Sanchez, Scott Colley e il giovane sorprendente talento Julian Lage - e del veterano Charles Lloyd con i solidissimi Jason Moran, Eric Harland e Reuben Rogers. Tre concerti di alto livello e molto apprezzati da un pubblico spesso in visibilio dinanzi alle performance di questi maestri.

03/05/2010

Lost In A Dream (Paul Motian Trio)- Gianmichele Taormina

27/12/2009

Requiem (Komeda Project) - Marco Buttafuoco

04/05/2009

Don't loose your soul (Silvia kleyff)

21/10/2007

Torque (Brian Groder and The Sam Rivers Trio)

09/05/2007

Palermo (Eddie Gomez Trio)

05/01/2007

JAZZin': a photografic story by Luca Buti

02/09/2006

Start Here…Finish There (David Berkman)

11/08/2006

Il Blue Note Records Festival a Gand in Belgio, crocevia di artisti, suoni, ritmi per amanti della musica jazz e non solo. Un pubblico accorso da ogni parte del Belgio, dalla limitrofa Francia e dall'Olanda, un menù musicale di ampia scelta e qualità. (N. Guida & T. Van der Aa)

10/07/2006

La gallery di Ziga Koritnik dal Vision Festival 2006 di Huston

01/05/2006

Don Byron Trio al Panic di Marostica: "Byron ha dato proprio l'impressione di voler cercare qualcosa, magari un'ispirazione che non veniva..." (Giovanni Greto)

23/07/2005

Terniinjazz #5: impressioni...(non solo) fotografiche. Mostra improvvisata, ossia come recuperare una gaffe... (Patrizio Gianquintieri)

08/07/2005

Jazz folk e free jazz: I Tangheri featuring Marc Ribot, i WARM con Workman, akLaff, Rivers, Mitchell: "...Anche in questo caso la serata mette insieme due situazioni musicali "antipodiche", una prima leggera ed alla portata di tutte le orecchie, la seconda, invece, più inoltrata fra le pieghe delle enciclopedie storiche del jazz..." (Antonio Terzo)

07/12/2003

Anthony Braxton e Sam Rivers per il Roma Jazz Festival: "Il pubblico romano ha tributato una calorosa accoglienza a un concerto che si può definire tranquillamente un evento e certo un'occasione da non perdere..." (Dario Gentili)

26/11/2003

Sam Rivers per Aperitivo in Concerto: "...la maestria ed il grande senso musicale dei quattro ha saputo essere un valido collante consentendo al pubblico di poter godere dell'unità di intenti che accomuna le più variegate espressioni musicali: la comunicatività tra autore/esecutore e pubblico." (Paolo Treffiletti)





Video:
Charles Lloyd & Jason Moran @ Garana Jazz Festival 2008
Charles Lloyd & Jason Moran @ Garana Jazz Festival 2008...
inserito il 08/08/2008  da GabrielMihalache - visualizzazioni: 2622
Charles Lloyd & Jason Moran @ Garana Jazz Festival 2008
Charles Lloyd & Jason Moran @ Garana Jazz Festival 2008...
inserito il 08/08/2008  da GabrielMihalache - visualizzazioni: 2975
Jason Moran & the Bandwagon
Concert in Munich, Unterfahrt im Einstein...
inserito il 07/07/2008  da emipap24 - visualizzazioni: 3458
JASON MORAN (LIVE)
JM and the Bandwagon = Tarus Mateen - bass and Nasheet Waits - drums brilliant stuff...
inserito il 29/03/2007  da JAZZCAF - visualizzazioni: 2567
Jason Moran
Jason Moran talks about being affiliated with SESAC, the nation's fastest growing performing rights society. FOr more info visit www.sesac.com....
inserito il 26/01/2007  da SESAC1 - visualizzazioni: 1918


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 4.548 volte
Data pubblicazione: 07/12/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti