Jazzitalia - Felice Clemente : Blue of mine
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Crocevia di suoni 2009
Felice Clemente
Blue of mine


1. The Second Time (Balletti/Clemente)
2. Chuku (Clemente)
3. All Too Soon (Clemente)
4. Blue of Mine (Clemente)
5. Nemesis (Clemente)
6. To Clifford (Colombo)
7. Imaharat (Tracanna)
8. Sottili equilibri (Clemente)
9. Divertimento N.1 (Colombo)

Felice Clemente - sax soprano e tenore, clarinetto
Bebo Ferra - chitarra classica, folk ed elettrica
Massimo Colombo - piano
Giulio Corini - contrabbasso
Massimo Manzi - batteria



Giunto al sesto album da leader, con Blue of mine, Felice Clemente ha raggiunto, nella doppia veste di sassofonista e compositore, una consapevolezza che lo porta ad evitare approcci scontati per colpire in pieno il bersaglio utilizzando il proprio virtuosismo (influenzato da maestri come Sonny Rollins, Joe Henderson e Wayne Shorter) per percorrere a modo proprio le strade del passato, con sguardo nuovo e penetrante. Blue of mine si propone così come un affresco formicolante di idee, suoni, ritmi e colori sempre cangianti – dal post bop più energico a echi latin e afro, da suggestioni neoromantiche a un lirismo asciutto che punta dritto al cuore melodico dei brani. Un affresco che trova il suo mastice soprattutto nella forza di uno stile ormai maturo, capace di tenere insieme con coerenza struggenti tenerezze e improvvise accensioni, rigore e libertà esecutiva, amalgamando il tutto con la perfetta empatia tra i musicisti, che si destreggiano abilmente anche come solisti. Del resto, si tratta di strumentisti del calibro di Bebo Ferra alle chitarre, Massimo Colombo al piano, Giulio Corini al basso e Massimo Manzi alla batteria.

I nove brani di Blue of mine lasciano una traccia duratura nell'ascoltatore sia per la loro grande forza espressiva sia per l'inesauribile emotività che ogni brano possiede e che fa sì che ognuno dei piccoli riflessi della musica sprigioni la verità e la bellezza di un emozione provata, di un ricordo serbato a lungo, di un piccolo richiamo al sogno e all'innocenza. "Questo disco", osserva Clemente nelle note di copertina, "rappresenta per me il frutto e la fusione delle esperienze e degli incontri musicali fatti finora, oltre che delle vicende importanti che hanno segnato la mia vita e la mia carriera. Il tutto animato dalla profonda esigenza di far incontrare le culture musicali che amo - il jazz, la musica classica, l'afro, il latin e il tango - allo scopo di raggiungere l'anima di tutti coloro che sanno lasciarsi attraversare dal flusso dei suoni, senza frapporre filtri e fisime concettuali, ma solo vivendoli pienamente con la naturalezza di un respiro o del battito del cuore".

Blue è la parola chiave del tuo ultimo album: fa parte del titolo del cd e del nome di uno dei brani più intensi, ma è anche la cromia predominante della copertina. Una parola polisemica, ricca di significati. Blue è un colore, ma anche uno stato d'animo, visto che in inglese significa malinconia, così come, soprattutto in ambito jazzistico, viene spontaneo associarla alle blue notes...

Che cosa volevi comunicare con questa parola?

Blue rappresenta tutti quegli stati d'animo che il jazz, in tutte le sue sfaccettature, suscita in me ogni volta che ne entro in contatto: dalla malinconia alla serenità, dalla passionalità alla razionalità. Ma "blue" è anche il colore dell'elemento ispiratore di questo disco, ovvero, l'orizzonte: quell'incantevole punto di congiunzione tra cielo e mare, quella linea apparente dove si fondono due entità, terra e cielo, completamente diverse ma compatibili in modo del tutto fluido e naturale. Quindi "blue" diventa, in quest'ultima accezione, anche la metafora di quella fusione tra stili che ricerco nella mia musica, una fusione che comunque non va confusa con pratiche modaiole come il pastiche postmoderno.



Dopo "Danzon", pubblicato nel tuo Live del 2007, hai inciso nel nuovo cd un altro brano di Tino Tracanna, "Imaharat". Quali stimoli interpretativi ti danno le composizioni del tuo maestro?

Tino ha sempre rappresentato per me un punto di riferimento musicale e professionale. Trovo che le sue composizioni siano molto profonde, ispirate e godibili, sia dal punto di vista dell'interprete, sia dell'ascoltatore. Mi piace la sua ricerca della melodia e della bellezza formale, rielaborata con soluzioni stilistiche e compositive mai scontate e fedeli alla sua accesa sensibilità in continua evoluzione.

Mi sembra che in "Blue of mine" affronti in maniera diversa, più ricercata e creativa, la relazione tra composizione e improvvisazione. E' solo una mia impressione o c'è del vero?

Il rapporto tra composizione e improvvisazione in questo mio ultimo disco è effettivamente molto più stretto. Ho cercato di creare nuove soluzioni nella composizione e nell'arrangiamento che dessero alla mia musica una fluidità e una freschezza maggiori e che potessero spingere i musicisti a sentirsi più liberi e coinvolti. E, infatti, c'e stata una grande partecipazione e collaborazione da parte di tutti i musicisti coinvolti nella realizzazione di Blue of mine. Credo e spero che ne sia venuto fuori un dialogo aperto, privo di forzature e dogmi stilistici. Un'interazione dove ogni strumentista ha avuto lo spazio per mettere in risalto le sue peculiarità.

Usi con sempre più frequenza il sax soprano, strumento sul quale hai raggiunto un controllo invidiabile. Lo suoni di più per questioni di colore e di timbro o per una particolare urgenza espressiva (penso, per esempio, alla possibilità di muoverti meglio sui sovracuti)?

Considero il sax soprano uno strumento a sé, ricco di risorse, che va suonato in maniera del tutto diversa dal sax tenore. Suonandolo si può passare dalla liricità più profonda al fraseggio più grintoso. Inoltre, ho avuto un approccio davvero positivo con il soprano. Già dalla prima volta che l'ho suonato, mi sono sentito a mio agio.

Per la prima volta in un tuo disco da leader, compare la chitarra, suonata nell'occasione da un asso come Bebo Ferra. Mi puoi spiegare i motivi di questa scelta?

La scelta di Bebo ha dato alla mia musica e al gruppo una sonorità più ricca e moderna per la varietà delle soluzioni timbriche e stilistiche che le sue chitarre hanno immesso nel tessuto sonoro. Bebo è davvero un asso, uno dei massimi esponenti di questo strumento, e la sua bravura, sensibilità e intelligenza musicale hanno arricchito molto il disco.

Quanto hanno inciso nella tua crescita musicale Massimo Colombo, Giulio Corini e Massimo Manzi, i tuoi partner in "Blue of mine", ma anche i musicisti con i quali suoni dal vivo?

Sono incredibili, riescono sempre a stupirmi per il talento, la spiccata sensibilità e la rara generosità, una qualità, quest'ultima, indispensabile per riuscire a rimettersi sempre in gioco, a non adagiarsi mai sui risultati raggiunti. Ogni volta che suoniamo in studio e dal vivo non c'è mai routine, succedono sempre cose incredibili, sorprendenti. Tra noi lo scambio di idee, suggestioni ed emozioni è continuo e sempre fertile. E ciò è dovuto, oltre che alle loro indiscutibili qualità musicali, a un legame di amicizia che dura ormai da anni.

Stai avendo un'attività live piuttosto intensa. Ultimamente ti ho ascoltato in concerto un paio di volte e mi pare che i brani di "Blue of mine" siano particolarmente efficaci anche dal vivo. Sei d'accordo?

È vero, questi brani hanno un'efficacia "live" notevole, perché hanno una struttura compositiva che permette di dare molto spazio all'improvvisazione e all'interazione tra i musicisti, di creare il giusto equilibrio tra i momenti più strutturati e quelli liberi. Ogni concerto diventa così una continua sorpresa sia per noi che per il pubblico.

Finiamo con un gioco. Se potessi fare un viaggio a ritroso nel tempo, diciamo negli anni Sessanta, e scritturare quattro musicisti dell'epoca con cui incidere un album, quali sceglieresti?

Domanda divertente ma anche molto ostica, non è affatto facile scegliere tra i tanti musicisti degli anni Sessanta che mi hanno influenzato, che ho sempre ammirato e con i quali sarebbe stato un sogno suonare. Fatta questa premessa, sto al gioco: Bill Evans al pianoforte, Jim Hall alla chitarra, Paul Chambers al contrabbasso e Elvin Jones alla batteria. Mica male, vero?

Enrico Pessina per Jazzitalia







Articoli correlati:
15/09/2018

Powell to the people: The music of Bud Powell (Massimo Colombo - Maurizio Quintavalle - Enzo Zirilli)- Alceste Ayroldi

01/11/2017

Tempered Blues (Massimo Colombo)- Alceste Ayroldi

15/07/2017

Javier Girotto & Bebo Ferra: "...abilità e padronanza tecnica, qui assoluta, sempre al servizio della musica e della possibilità di comunicare con l'altro." (Andrea Gaggero)

18/06/2017

Premio Massimo Urbani: Il salernitano Federico Milone vince la XXI edizione, un'edizione di "grande tenacia e forza di volontà"

11/09/2016

Trio Grande (Massimo Colombo, Peter Erskine, Darek Oleszkiewicz)- Gianni Montano

04/05/2016

Tsunamici (Tsunami Trio (C. Uboldi, V. Della Fonte, M. Manzi))- Niccolò Lucarelli

26/10/2015

3 of Visions (Ferra, Dalla Porta, Sferra)- Niccolò Lucarelli

20/09/2015

6:35 Am (Felice Clemente Trio)- Niccolò Lucarelli

09/11/2014

Hymnus Ad Nocturnum (Gabriele Mitelli)- Gianni Montano

21/07/2014

Storie d'amore non troppo riuscite (Claudia Cantisani)- Francesco Favano

23/06/2014

These Days (Gianluca Di Ienno Release-3)- Alceste Ayroldi

08/12/2013

Beyond (Mattia Cigalini)- Enzo Fugaldi

25/11/2013

Collettivo Gallo Rojo (Collettivo Gallo Rojo)- Gianni Montano

30/09/2013

Alisachni (Walter Marocchi Mala Hierba)- Gianni Montano

15/09/2013

Desertico (Paolo Fresu Devil 4et)- Alceste Ayroldi

25/08/2013

From Time To Time (Emanuele Maniscalco)- Enzo Fugaldi

16/06/2013

Barbara Casini: il concerto "Agora ta" con la Colours Jazz Orchestra e l'intervista che ripercorre la carriera di una straordinaria artista. (Viviana Falcioni)

25/05/2013

Places (Eva Simontacchi)- Alceste Ayroldi

21/04/2013

Paolo Fresu Devil Quartet: "...una formazione che si conferma ai massimi livelli del jazz italiano e internazionale, riuscendo a coniugare una ricerca musicale raffinata ed innovativa con la capacità di catturare emotivamente un vasto pubblico." (Roberto Biasco)

24/02/2013

Specs People (Bebo Ferra)- Alceste Ayroldi

16/12/2012

Cinema (Andrea Fascetti) - Francesco Favano

17/11/2012

Aire Libre (Felice Clemente - Javier Perez Forte)- Enzo Fugaldi

02/11/2012

Coltrane Project (Riccardo Fioravanti Trio)- Alceste Ayroldi

02/09/2012

Bach Off Beat (M.Clombo, F. Faraò, O. Zoboli, Y. Zamir, S. Del Mastro)- Roberto Biasco

14/08/2012

Una serata di musica suonata bene che conferma l'intelligenza di una programmazione attenta più alla sostanza che all'appeal modaiolo dei nomi da far esibire. (Gianni Montano)

22/07/2012

"...qualità non indifferenti il cui valore evidenzia una scelta verso uno stile innovativo e contemporaneo senza mai perdere di vista la "storia"..." (Viviana Falcioni)

08/04/2012

East Side (Vito Di Modugno Organ Combo)- Gianni Montano

22/02/2012

Friends (Mauro Bottini) - Eva Simontacchi

12/02/2012

'S Wonderful (Lara Iacovini Quartet)- Rossella Del Grande

03/12/2011

Treni A Vapore (Max Monno)- Pierfrancesco Falbo

11/07/2011

Songs (Tiziana Ghiglioni)- Gianni Montano

29/05/2011

Nuvole di carta (Felice Clemente Quartet)- Alessandro Carabelli

23/04/2011

My Life (Mauro Bottini 4tet) - Eva Simontacchi

20/03/2011

Triangular View (Marco A. Ricci, Mike Del Ferro, Massimo Manzi)- Alessandro Carabelli

20/03/2011

Nice One (Nick The Nightfly)- Alessandro Carabelli

26/02/2011

The Spinning 5tet featuring Mike Melillo Sale sul palco per inaugurare il programma del 2011 del Fano Jazz Club (Viviana Falcioni)

25/12/2010

Doppia Traccia (Massimo Colombo, Felice Clemente)- Francesco Martinelli

24/12/2010

Self Portrait (Mauro Bottini) - Eva Simontacchi

28/11/2010

LEZIONI (piano): Notturno 1dai "9 Notturni" op. 581 per pianoforte e sax soprano (Massimo Colombo)

27/11/2010

Codice 5 (Giovanni Tommaso Apogeo) - Alceste Ayroldi

04/09/2010

Rune (Lusi / Masciari Quartet) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

16/08/2010

Igloo (Remo Anzovino)- Antonio Terzo

04/06/2010

One Way (Vittorio Sabelli) - Alceste Ayroldi

15/05/2010

Il Tino Tracanna Quartet presenta al Blue Note di Milano l'album "Un'ora": "Da una parte mi piace la ricerca, amo cercare di lavorare su organizzazioni del materiale musicale non convenzionale, non tonale, non tipo "standards", a volte lavoro su tempi dispari, con strutture anomale, ma mi piace molto anche la melodia. Quando mi capita di scrivere una bella melodia, mi piace suonarla anche in maniera abbastanza classica, perchè penso che in un concerto sia bello avere anche una melodia cantabile, perchè fa anche parte della nostra cultura." (Rossella Del Grande)

09/05/2010

Intervista a Bebo Ferra: Io sono e resto un musicista di jazz. "Se le basi del linguaggio jazz sono comuni la nostra storia ci obbliga a differenziarci dagli improvvisatori d'oltreoceano. E non è solo un esigenza artistica. Io voglio raccontare, far sentire, qualcosa di me, delle mie origini, della la terra in cui sono nato. Non vuol dire che devo improvvisare su materiali sardi. Vuol dire che vorrei che la mia anima venisse in qualche maniera narrata dalla mia musica" (Marco Buttafuoco)

04/04/2010

When the Teacher (Einfalt) - Giuseppe Mavilla

13/02/2010

Luar (Bebo Ferra) - Marco Buttafuoco

05/01/2010

Off-Site Meetings (Giulio Corini Libero Motu) - Enzo Fugaldi

13/12/2009

To Flow in The Jazz (Alamagian Jazz Quartet) - Alceste Ayroldi

08/12/2009

4+1 (Federico Missio)- Alessandro Carabelli

07/12/2009

Verosimilmente (M.E.F. (Manzi, Esperti, Faraci))- Rossella Del Grande

26/07/2009

Interactions (Dino Plasmati Open Trio) - Giuseppe Mavilla

03/07/2009

Paolo Fresu Devil Quartet, Tom Harrell, Jerry Bergonzi al Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine, diretto da Francesco Cafiso: "...una manifestazione che vuole crescere, quest'anno la rassegna si internazionalizza, grazie alla presenza di musicisti molto apprezzati in Europa e nel mondo." (Antonio Terzo)

06/06/2009

Double Exposure (Riccardo Fassi Quartet)

06/06/2009

No leader (Nelide Bandello / Leibniz)

07/04/2009

Jazz Prologo (Giuly Modesti, Alle Montecchi)

14/03/2009

4Steps (Luca Boscagin)

28/02/2009

Helios (Alessandro Altarocca 4tet)

01/01/2009

European Jazz Expo 2008, 26a edizione del Festival Internazionale Jazz in Sardegna: "La formula sperimentata da alcuni anni è quella della full immersion di tre giorni in una vetrina delle ultime tendenze che vedono il jazz legarsi ed intrecciarsi in un meltin' pot tra tutti i generi musicali, con il risultato della creazione di importanti "fusioni", spesso estemporanee: un laboratorio continuo di contaminazioni, collaborazioni e jam session tra le più diverse componenti del jazz e della world music." (Viviana Maxia)

01/01/2009

European Jazz Expo 2008, 26a edizione del Festival Internazionale Jazz in Sardegna: "Consiste in una splendida "pietra sonora" di Pinuccio Sciola il premio alla carriera conferito ad Antonello Salis nell'edizione 2008 dell'European Jazz Expo di Cagliari. Il cinquantottenne musicista sardo ha ricevuto così, con l'umiltà e la timidezza che lo contraddistinguono, un meritato riconoscimento del suo personalissimo e inconfondibile talento." (Enzo Fugaldi)

28/12/2008

Drums And Jao (Jazz Art Orchestra)

28/09/2008

Nasciri (Francesco Saiu)

16/09/2008

Il gioco delle forme (Massimo Colombo)

19/08/2008

Reggio Top Jazz Festival 2008: "Il sondaggio fra i critici specializzati che il mensile Musica Jazz dedica da ben cinque lustri al meglio del jazz in circolazione, in questo venticinquesimo anno è stato per la prima volta incentrato esclusivamente sul jazz italiano. Da qui la nascita del Reggio Top Jazz Festival, che nella prima edizione ha schierato buona parte dei vincitori del referendum, durante quattro serate primaverili nella città di Reggio Calabria." (E. Fugaldi - G. Taormina)

15/08/2008

Tell me the story (Solarino / Manzi QuartetQuintet)

15/08/2008

Il sole di un attimo (Ada Montellanico)

12/08/2008

Suoni Naviganti nel sagrato del quattrocentesco Convento dell'Annunciata: "Il festival ci ha presentato artisti prestigiosi ed un repertorio molto vario, tale da soddisfare il pubblico più vasto..." (Rossella Del Grande)

15/06/2008

LEZIONI (piano): "In breve 9", un brano dedicato al grande Bill Evans (Massimo Colombo)

09/04/2008

Organ Trio Plus Guests (Vito Di Modugno)

24/03/2008

Identità (Massimo Manzi)

24/02/2008

Tenco's Jazz, l'anima Jazz della musica di Luigi Tenco: "Il Jazz in fondo ci faceva sentire un po' più nobili. Era uno dei pochi universi in cui ci si potesse riconoscere. Ci serviva per oltrepassare una musica leggera deteriore, impraticabile. Dovevamo per forza individuare un filone nuovo, che in pratica emerse da un miscuglio di jazz e altro..." (Roberto Arcuri)

11/02/2008

European Jazz Expo. International Talent Showcase, 25° Jazz in Sardegna: "Sono impressionanti i numeri dell'expo cagliaritana: 7 sale affollate in 4 giorni da oltre 400 artisti e oltre 20.000 spettatori, in una Città della musica allestita appositamente all'interno della Fiera internazionale della Sardegna. Quest'anno si festeggiavano i 25 anni dell'esistenza di questo celebre evento e...Orientarsi all'interno della pantagruelica offerta musicale cagliaritana è arduo." (Enzo Fugaldi)

08/01/2008

Giovanni Tommaso Apogeo Quintet al Jazz Club di Perugia: "Non ce ne vorrà Giovanni Tommaso se il "Giovanni Tommaso Apogeo Quintet", dal concerto della stagione del "Jazz d'inverno" di Perugia, lo chiameremo: "Apogeo"...semplicemente! Una magica alchimia musicale che ha saputo offrire una performance di rara forza ritmica e di ricercata raffinatezza espressiva." (Marcello Migliosi)

06/01/2008

Il Lee Konitz Quartet al Barletta Jazz Festival: "Il trio Zambrini-Tavolazzi-Manzi è stato assolutamente superlativo! Gli interventi dell'ottimo pianista Zambrini, in particolare evidenza per intelligenza e purezza espressiva, sono stati apprezzati dal pubblico per la chiarezza delle linee melodiche e ritmiche." (Pasquale Stafano)

27/12/2007

In Jazz (Joe Pisto)

27/10/2007

Maremma (Raffaello Pareti)

30/09/2007

Festival "Note di Notte 2007" con Paolo Fresu e Uri Caine in un duo che ha saputo craere "pagine di musica indimenticabili" e Raffello Pareti, Mauro Negri e Bebo Ferra "per un evento musicale che ha ancora una volta confermato la bontà e l'universalità del jazz italiano" (Giuseppe Mavilla)

15/09/2007

Sergio Cammariere ad Alberobello: "...sembra suonare come uno spettacolo pirotecnico per un evento che per una notte ha colorato i trulli di Alberobello di emozioni, poesia ed architettura della musica." (Angelo Ruggiero)

15/08/2007

LEZIONI (piano): 7 pezzi per la mano sinistra op. 269 - 6. Mano Verde (Massimo Colombo)

01/08/2007

Intervista a Raffaello Pareti: "La realtà che viviamo è complessa e difficile da capire, per non perdere il contatto con la parte più profonda della mia identità quando la sento in pericolo, cerco di mettermi in una prospettiva che mi allontani dal fuori per poter meglio ascoltare il dentro. Questa sorta di profilassi dell'io provoca delle risonanze ancestrali, in questo senso lo sguardo alle cose lontane mi aiuta a recuperare senso quando non lo trovo nel presente." (M. Losavio - G. Mavilla)

26/05/2007

Intervista e recensione del concerto dei "Quadrivision", ovvero Marco Ricci, Massimo Manzi, Alberto Mandarini e Roberto Cecchetto. Un nuovo progetto nato principalmente attraverso un rapporto di amicizia e stima reciproca e che mira alla ricerca di un suono amalgamanto ma costituito da elementi individuali chiaramenti distinguibili. (Eva SImontacchi)

23/04/2007

Wishlist (Marco Trifilio)

11/03/2007

Crocevia (Max De Aloe)

10/03/2007

LEZIONI (piano): "21 Studi op. 66 – Studio N° 18" (Massimo Colombo)

10/10/2006

Aria (Bebo Ferra – Paolino Dalla Porta)

12/08/2006

LEZIONI (piano): Esatonale, uno studio basato su una successione di scale esatonali da suonare in varie posizioni e con tutte e due le mani. (Massimo Colombo)

04/08/2006

Caravaggio (Massimo Colombo)

01/08/2006

Live (Biba Band)

03/05/2006

Per un istante (Valerio Della Fonte)

10/12/2005

LEZIONI (piano): Palla, breve studio tratto da una raccolta di 30 brani per pianoforte dedicati alla tecnica ed all'improvvisazione. (Massimo Colombo)

04/06/2005

Encanto (Attilio Zanchi - Naco - Bebbo Ferra)

22/05/2005

Intervista tripla a Danilo Rea, Massimo Manzi ed Enzo Pietropaoli. Abbiamo posto lo stesso schema di domande a tutti e tre gli artisti rilevando molte affinità nell'approccio e nella visione attuale della musica, nei fattori predominanti che hanno influenzato le proprie scelte artistiche... (Marco Losavio)

12/03/2005

ARTICOLI (intervista): Massimo Colombo: "...Una formazione classica è fondamentale per una buona preparazione sullo strumento e per la cultura musicale. E' fondamentale incontrare il "maestro" giusto, se incappi nell'insegnante mediocre sei "fregato"..." (Alceste Ayroldi)

09/02/2005

Mari Pintau e Megatones per Pinocchio Jazz: "...Mari Pintau funziona bene, e i quattro sul palco del Pinocchio lo hanno dimostrato...Meno trasparenze, musica concreta, urbana, a volte astratta ma comunque caratterizzata da un forte legame con la melodia per i Megatones..." (Paolo Carradori)

02/02/2005

LEZIONI (piano): Corale Pop dall'album Conscious. (Massimo Colombo)

02/01/2005

Conscious (Massimo Colombo Trio)

12/12/2004

Inside Me (Felice Clemente)

08/10/2004

Virtualmente (Massimo Colombo)

21/06/2004

Way Out Sud (Felice Clemente Quintet)

03/05/2004

LEZIONI (piano): Preludi Apolidi n° 8 (Brincadeira). Un brano basato sul choro brasiliano. (Massimo Colombo)

02/04/2004

Mari Pintau (Bebo Ferra)

31/01/2004

LEZIONI (piano): Da 21 studi op. 66: studio n. 16. Dedicato all'armonia per quarte. (Massimo Colombo)

06/09/2003

LEZIONI (piano): Mano Rossa: studio per l'esercizio della mano sinistra. (Massimo Colombo)

15/06/2003

LEZIONI (piano): Un'altra composizione originale di Massimo Colombo. Si tratta dello Studio N° 13 da 21 studi op. 66. (Massimo Colombo)

11/05/2003

LEZIONI (piano): Al via una nuova sezione contenente composizioni di Massimo Colombo attraverso cui analizzare risoluzioni armoniche, tecniche pianistiche, schemi di arrangiamento...La prima composizione è Studio N° 2 da 21 studi op. 66. (Massimo Colombo)

07/02/2001

Massimo Colombo (pianoforte)





Video:
Erskine, Oles and Colombo Ft. Bob Mintzer - We All Love Burt Bacharach
"We All Love Burt Bacharach", performed by the band Erskine, Oles & Colombo, which contains No.13 hits of the american composer among th...
inserito il 17/10/2016  da PLAY Record Company - visualizzazioni: 1634
Django's Roots @ Eddie Lang Jazz Festival 2013 - Minor Swing
"Minor Swing" (Django Reinhardt) rearranged & performed by Django's Roots @ Eddie Lang Jazz Festival, XXIII Edition, 2013 - Monteroduni,...
inserito il 31/10/2013  da HandEye Family - visualizzazioni: 3773
Anthropology - Dizzie GIllespie / Charlie Parker - Davide Benecchi & The Jazz Masters
Davide Benecchi has achieved the diploma in "Mastering Jazz Guitar", a course held by Bebo Ferra at Accademia del Suono., "The Jazz Mas...
inserito il 04/10/2009  da accademiadelsuono - visualizzazioni: 4200
Have you met Miss Jones - Hart & Rodgers - Francesco Arzani & The Jazz Masters - Mastering Jazz Bass
Daniele Cortese is a second year student of "Mastering Jazz Bass" a course held by Riccardo Fioravanti at Accademia del Suono., "The J...
inserito il 03/10/2009  da accademiadelsuono - visualizzazioni: 3616
Straight, no chaser - Thelonious Monk - Daniele Cortese & The Jazz Masters - Mastering Jazz Bass
Daniele Cortese is a first year student of "Mastering Jazz Bass" a course held by Riccardo Fioravanti at Accademia del Suono., "The Ja...
inserito il 03/10/2009  da accademiadelsuono - visualizzazioni: 3864
Bebo e Tino
Prima di un concerto di Bebo Ferra al museo Nivola...
inserito il 06/09/2008  da deandrade82 - visualizzazioni: 3068
Ehia - Bebo Ferra / Paolino Dalla Porta
This video features Bebo Ferra and Paolino Dalla Porta playing "Ehia" at Jazz in Arnhem festival....
inserito il 08/10/2007  da beboferra - visualizzazioni: 3231
Bagatella Mediterranea - Bebo Ferra / Paolino Dalla Porta
This video features Bebo Ferra and Paolino Dalla Porta playing "Bagatella Mediterranea" at Jazz in Arnhem festival....
inserito il 04/10/2007  da beboferra - visualizzazioni: 3105


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 3.949 volte
Data pubblicazione: 18/04/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti