Jazzitalia - Gwilym Simcock : Blues Vignette
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Dolomiti Ski Jazz 2019. 22° Edizione, dal 9 al 17 marzo 2019: concerti su misura per… sciatori. Il Dolomiti Ski Jazz è un incrocio di passioni: quelle per gli sport invernali, per la black music, per la natura alpina.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

"Musicista Italiano dell'anno" e "Disco Italiano dell'anno" per Franco D'Andrea al Top Jazz 2018.

Marilena Paradisi & Kirk Lightsey in concerto a Roma presso l'Auditorium Parco della Musica.

Susanna Stivali in "Caro Chico" (omaggio a Chico Buarque de Hollanda) all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

Un duo particolare per Notti di Stelle Winter: Enrico Rava e Danilo Rea per la Camerata Musicale Barese.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Gwilym Simcock
Blues Vignette



Basho Records (2010)

CD 1:
1. Little People - 6:56
2. Exploration on Mvt II Of Grieg Piano Concerto - 8:34
3. On Broadway (Mann/Well) - 4:13
4. Improvisation I - Statues - 3:06
5. Improvisation II - Letter to the Editor - 3:49
6. Improvisation III - Be Still Now - 4:04
7. Caldera - 8:38
8. Jaco and Joe - 9:21
Suite for Cello and Piano:
9. Part 1 - Kinship - 14:57
10. Part 2 - Homeward - 6:04.

CD 2:
1. Introduction - 4:46
2. Tundra - 7:04
3. Blues Vignette - 8:12
4. Black Coffee (S. Burke) - 5:23
5. Longing to Be - 6:35
6. Nice Work If You Can Get It (G. Gershwin) - 6:35
7. Cry Me A River (A. Hamilton) - 8:05
8. 1981 - 8:29

Disco 1:
Gwilym Simcock - pianoforte
Cara Berridge - violoncello

Disco 2:
Gwilym Simcock - pianoforte
Yuri Goloubev - contrabbasso
James Maddren - batteria


"Blues vignette" è un disco doppio già maturo per un pianista di ventinove anni, premiato in Inghilterra con numerosi riconoscimenti, ma ancora non molto noto al di qua della Manica. Gwilym Simcock merita le attenzioni di cui ha goduto finora in patria, poiché mette in mostra un bel tocco, una tecnica sopraffina, uniti ad idee e capacità non comuni di compositore e arrangiatore. Il suo nome viene avvicinato inevitabilmente a quelli di Keith Jarrett e Brad Mehldau. Non si può, infatti, considerare il suo stile pianistico prescindendo dai modelli sunnominati. Il suo modo di suonare il pianoforte è elegante, maestoso, ricco di sfumature e dinamiche e se potesse essere definito anche del tutto originale, potrebbe aspirare al titolo di musicista dell'anno o del decennio. Pur tuttavia, in determinate scelte, si rivela provvisto di una ragguardevole personalità. Accetta la sfida dell'impresa in solitudine con sicurezza, conscio della sua abilità e delle già numerose esperienze a fianco di musicisti importanti che popolano il suo curriculum. In effetti esce vincitore dal terribile cimento, riuscendo a difendersi dalle possibili accuse di porgersi come un clone o dalle insidie della imitazione pedissequa.

Il primo cd è per la maggior parte inciso senza partners accanto, ed è piuttosto diversificato. Si passa da un brano, "Little people", riflessivo e ritmico a fasi alterne, a una versione veramente straordinaria di un concerto per pianoforte di Grieg, dove il tema viene proiettato nel presente o nel futuro, senza essere tradito nella sua specificità. "On Broadway" inizia con Simcock che armeggia fra le corde della tastiera, creando un ritmo funky che si evolve con chiari rimandi al Jarrett folk- pop del suo trio degli anni settanta. Le tracce che seguono, "Improvisations I-II e III" alternano ancora momenti introspettivi e intimisti ad aperture più gioiose ed espressive. "Caldera" è cameristico, bartokiano, con accordi prossimi all'atonalità e può far pensare alle performances in solo di Paul Bley o di Anthony Davis. "Joe & Jaco" è un motivo che ricorda, volutamente, le composizioni di Zawinul con un "groove" prima implicito e poi esplicitato. Si incontrano, a questo punto, due pezzi incisi in duo con la violoncellista classica Cara Burridge, commissionati per un festival di musica contemporanea, abbastanza omologhi nella fisionomia al resto del disco. La confezione di questi duetti è sontuosa senza cadere nel barocco. Si muove da atmosfere tardo-romantiche, da passaggi che ricordano Mahler, per scendere sul terreno della popular music in alcuni frangenti, senza far avvertire la distanza temporale e stilistica all'ascoltatore.

Il secondo cd è in trio e qui il debito verso Bill Evans e la lunga schiera di suoi epigoni è un po' più evidente, ma è sempre un bel sentire! Si comincia con un'introduzione larga in cui Simcock sa essere lirico o brillante e si prosegue con "Tundra". In questo brano Goloubev entra nella parte di alter ego solistico, intrecciando un dialogo fitto con il pianoforte, mentre James Maddren in sottofondo suona in punta di piatti, essenziale e concreto. Si ritorna alle care atmosfere "bluesy" con il pezzo che fornisce il titolo all'album. E' di gran lunga il miglior brano del disco, accattivante e dotato di una struttura piuttosto elaborata, con cambi di tempo e di clima, variazioni intriganti e intellettualmente sofisticate. Ancora il modello del primo Keith Jarrett in "Black Coffee" e in "Longing to be", con una "spruzzata" di ritmi sudamericani e un assolo di contrabbasso che testimonia la tecnica e la cultura musicale di Goloubev. "Nice Work If You Can Get It" di Gershwin è una ballad delicata e melodica. Simcock la esegue con rispetto, realizzando una versione ricca di swing con una patina "vintage". "Cry Me A River" ovvero: la bellezza della semplicità. Poche note, frasi orecchiabili, riprese tematiche, accurato lavoro sugli accordi: questa è la miscela da cui scaturisce un finale adeguato per un cd dai molti pregi.

Con "Blues vignette" Simcock si pone come un possibile protagonista per il decennio appena iniziato. Tradizionalmente, poi, la stampa inglese tende a rendere ben visibili le promesse del jazz britannico, anche quando hanno qualità non di prim'ordine. Si pensi alla meteora Courtney Pine o al sopravvalutato Django Bates, presentati, all'epoca, come dei fenomeni e che, invece, il tempo ha contribuito a ridimensionare. Se saprà gestirsi, operare scelte appropriate, comunque, sentiremo ancora parlare di questo giovane pianista per molto tempo.

Gianni B.Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
02/05/2016

Reverie at Schloss Elmau (Simcock & Goloubev Duo Art)- Enzo Fugaldi

22/02/2016

Play (Michele Di Toro Trio)- Niccolò Lucarelli

28/09/2014

Insight (Maciek Pysz Trio)- Gianni Montano

06/07/2014

Standpoint (Just Music Trio)- Francesco Favano

08/06/2013

Quattro chiacchiere con...Gianna Montecalvo: "...voglio tornare a salire sul palco in maniera più incisiva per dire: "ci sono anche io"." (Alceste Ayroldi)

07/04/2013

Titanic For A Bike (Yuri Goloubev)- Francesco Favano

08/04/2012

Balkan Bop (Markelian Kapedani Trio)- Gianni Montano

06/11/2011

Res Nova (Mattia Cigalini) - Alceste Ayroldi

08/05/2011

Reflections (Claudio Fasoli Emerald Quartet) - Alceste Ayroldi

07/02/2011

Natura Morta Con Flauto (Beppe Aliprandi Jazz Accademy New 4tet)- Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

06/02/2011

...some Portraits (Carlo Morena Trio)- Gianni Montano

12/01/2009

Mulini a vento (Bottos/Goloubev/Colussi)

24/11/2008

A French Man in New York (Kekko Fornarelli)

14/08/2008

Dallo swing al funk per la 6° edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival 2008 con l'intensità di Kekko Fornarelli insieme a Rosario Giuliani, la tranquilla andatura dei Manhattan Transfer, la scherzosa (e sacra...) musica di Lino Patruno e l'incendiaria forza di Marcus Miller: 4 serate all'insegna della musica di qualità con un pubblico che ha sempre riempito la piazza della Reale Basilica di Capurso. (Marco Losavio)

18/05/2008

Presents... (SGS Group, Inc.)

16/03/2008

Way Out (Europe Connection)

27/12/2007

Private Tales (Zara - Goloubev - Zanoli)

27/12/2007

Promenade (Claudio Fasoli Emerald Quartet)

01/11/2007

Il passo del gatto (Michele Di Toro)

16/06/2007

Unquiet Serenade (Carlo Nicita / Rosario di Rosa Sextet)

03/08/2006

Enrico Pieranunzi e Yuri Goloubev Duo: "Il concerto è stato indubbiamente piacevole e intenso, soprattutto grazie alla percepibile, perfetta integrazione sviluppata da Pieranunzi tra gli aspetti consci e inconsci del modo di improvvisare." (Bruno Gianquintieri)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.958 volte
Data pubblicazione: 06/02/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti