Jazzitalia - Recensioni - Vijay Iyer : Break Stuff
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Edizione Speciale, il nuovo album di Enrico Rava.

Si è spento all'età di 95 anni la grande icona della chitarra jazz Franco Cerri..

Annunciato il San Severo Winter Jazz Festival 2021, 7 concerti internazionali dal 29 ottobre al 1 aprile 2022..

Pubblicato "The Rising Sun" il nuovo e quarto album del chitarrista modern jazz Fabrizio Savino.

ECM: le novità in uscita della prestigiosa casa discografica tedesca. .

Open Day del Saint Louis Music School dedicato al Master in I livello in Music Business & Management. .

Al via il Premio Rota 2021. Un'edizione dove accanto alla consegna dei riconoscimenti vi sarà tanta musica dal vivo. .

Morto Don Marquis (4 maggio 1933 - 29 luglio 2021) indimenticabile storico del jazz e autore del volume “In search of Buddy Bolden: first man of jazz".

Ciao Paolo, musica e Jazzitalia in lutto per la scomparsa del sassofonista Pietro Paolo Mannelli. Aveva 84 anni..

Disponibile dal 2 dicembre per Adda Editore il libro "Paolo Lepore e la Jazz Studio Orchestra" curato da Alceste Ayroldi.

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            BLASIOLI Simone (sax)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPPI Andrea (piano, tastiere)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISPINO Luca (chitarra)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            CUOCO Ramon (tromba)
            GADDI Piero (pianoforte)
            GHIDONI Davide (tromba)
            INDRA (gruppo)
            LEPORE Fabio (voce)
            MAZZA Cristina (sax)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Vijay Iyer
Break Stuff



ECM (2015)

1. Starlings
2. Chorale
3. Diptych
4. Hood
5. Work
6. Taking Flight
7. Blood Count
8. Break Stuff
9. Mystery Woman
10. Geese
11. Countdown
12. Wrens

Vijay Iyer - pianoforte
Stephan Crump - contrabbasso
Marcus Gilmore - batteria

Recorded June 2014, Avatar Studios, New York


Terzo disco di Iyer per l'ECM dopo il passaggio a questa dalla ACT, e terzo anche del suo trio "storico" che opera da ben undici anni, «Break Stuff» è indice di una evidente urgenza espressiva da parte dell'apprezzato pianista di origini indiane. Gli omaggi a Monk, Coltrane e Strayhorn, la dedica dell'album a David Wessel e Amiri Baraka marcano la differenza fra questo cd e i precedenti del medesimo trio (gli Act «Historicity» e «Accelerando»). Ma l'approdo alla nuova etichetta è anche occasione per dare conferma della validità di questo trio che ha raggiunto una splendida maturità, testimoniata dal raffinatissimo interplay, dalla coesione, dalla riconoscibilità della cifra, da un'espressività oggi più sobria e misurata (mancano qui le pop cover che caratterizzavano i cd precedenti).

Oltre ai classici degli artisti omaggiati (rispettivamente Work, Countdown e Blood Count), pressoché gli unici brani in cui si percepisce un classico swing, il cd contiene nove composizioni del leader di durata media (solo una supera i 7 minuti), che in alcuni casi sono dei semplici spunti ritmici (Hood), scale (Mistery Woman) o spunti armonici (Geese) destinati a evidenziare le potenzialità improvvisative del trio, nel quale Crump e Gilmore sono pronti a cogliere e recepire ogni idea musicale del pianista, a sua volta attento a valorizzare e far suoi gli stimoli provenienti dai partner. Tra le vette del cd, Taking Flight e la delicata ballad che chiude il disco.

Vincenzo Fugaldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
25/01/2020

Vijay Iyer: "Il pianista di origini tamil inaugura la rassegna al Teatro Parenti di Milano offrendo un piano solo denso di intrecci di incalzanti figurazioni che viaggiano su ondulati territori politonali, un suono preciso, scuro e pulito." (Aldo Gianolio)

15/12/2019

Pianisti di altri mondi: 7 + 1 concerti dal jazz alle sonorità contemporanee. Tornano a Milano i concerti delle domeniche mattina in una rassegna ideata da Gianni Morelenbaum Gualberto in collaborazione con la Società del Quartetto di Milano e il Teatro Franco Parenti

19/05/2018

Piacenza Jazz Fest 2018 - XV Edizione: "Il Piacenza Jazz Fest, fiore all'occhiello per la città, ha compiuto quindici anni festeggiati nei migliori dei modi, con una edizione ricca, varia e di qualità." (Aldo Gianolio)

26/04/2015

Lathe Of Heaven (Mark Turner Quartet)- Gianni Montano

29/12/2013

Vijay Iyer Trio, Iaia Forte: "Non è sempre facile trovare un equilibrio tra la ricerca stilistica personale e la comunicatività live: questa sera il Vijay Iyer Trio ne ha offerto una prova perfettamente riuscita." (Dario Gentili)

14/04/2013

Accelerando (Vijay Iyer Trio)- Alceste Ayroldi

26/06/2011

Tirtha (Vijar Iyer (w. Prasanna & Nitin Mitta))- Enzo Fugaldi

12/02/2011

Far Side (Roscoe Mitchell The Note Factory) - Alceste Ayroldi

06/01/2011

Solo (Vijay Iyer) - Alceste Ayroldi

07/11/2010

Jazz Is Cool – Magic Moments 4 (AA.VV.) - Alceste Ayroldi

08/08/2010

Vijay Iyer, Stephan Crump e Marcus Gilmore portano per la prima volta a Roma il loro trio presso la Casa del Jazz, presentandosi senza legarsi a un progetto specifico. (Laura Mancini)

31/10/2009

Historicity (Vijay Iyer Trio) - Alceste Ayroldi

27/01/2008

Gonzalo Rubalcaba Quintet al Blue Note di Tokyo: "Rubalcaba rivela sempre una tecnica invidiabile ma, col trascorrere degli anni, è riuscito a staccarsi dalla tastiera, a selezionare meno note, il che giova all'equilibrio di ogni brano." (Giovanni Greto)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 603 volte
Data pubblicazione: 26/04/2015

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti