Jazzitalia - Erik Friedlander: Broken Arm trio
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

XXXVIII Edizione di Roccella Jazz Festival 2018 - Rumori Mediterranei: Un omaggio all'Italia, al contributo italiano offerto alla musica di tutto il mondo.

Seconda edizione del Premio Internazionale "Pino Massara" per giovani compositori di musica pop e jazz. Premi per un totale di 25.000 euro.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            AUTINO Adriano (chitarra)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            RONCA Marco (piano)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VIGNALI Michele (sax)
Erik Friedlander
Broken Arm trio



Skipstone

1. Spinning Plates
2. Pearls
3. Knife Points
4. Jim Zipper
5. Pretty Penny
6. Easy
7. Cake
8. Buffalo
9. Hop Skip
10. Ink
11. Big Shoes
12. In the Spirit
13. Tiny's

Erik Friedlander - violoncello
Trevor Dunn - contrabbasso
Mike Sarin - batteria


Non finisce di stupire, Erik Friedlander, per bravura tecnica, creatività improvvisativa. "Broken arm trio" è nato come omaggio al contrabbassista Oscar Pettiford il quale, trovandosi nel 1949 con un braccio ingessato rottosi durante un incontro di baseball, si teneva in esercizio, avendo le dita libere, con un violoncello. Ciò che colpisce del disco è il suono degli strumenti: eccellente. Quello del violoncello, suonato con le dita in 11 dei 13 brani, è di una dolcezza a tratti commovente. Già dal primo brano, "Spinning plates", si è catturati dalla carica, dallo swing, dal perfetto sincronismo tra i musicisti. Nonostante Trevor Dunn agisca maggiormente come accompagnatore, nella breve "Ink" ha modo di dimostrare le sue capacità di fraseggio, mentre il leader utilizza cameristicamente l'archetto. Mike Sarin, assente in due brani, si esprime prevalentemente attraverso le spazzole, con una velocità ed un risultato sonoro sorprendenti. Frequenti i breaks con il leader, ma anche gli assolo, sostenuti da note singole dei partners, con l'effetto di stimolare la fantasia. Tra le composizioni segnaliamo la breve "Buffalo", eseguita dal solo Friedlander. Il violoncello ha una dolcezza ed una delicatezza paragonabili al liuto, anche se il suono è più poderoso e meno acuto. C'è anche un bel frammento free, "Jim Zipper", di poco più di un minuto, mentre "In the spirit" è un dialogo esclusivamente tra i due cordofoni. Infine una stranezza. La lista dei brani collocata sul retro di copertina segnala 12 titoli. Inserendo il CD nel lettore, risultano però 13 tracce. Come si spiega? Confrontando i tempi scritti con quelli del lettore, scopriamo che nel CD, cartonato, manca il brano n°6, "Easy".

Giovanni Greto per Jazzitalia







Articoli correlati:
15/08/2013

Spaces (Francesco Cataldo)- Gianni Montano

18/03/2012

Antagonisti Androgeni (Biagio Coppa)- Matteo Mosca

26/02/2012

I Sex Mob in "Plays Ellington, Nino Rota e Bond" e gli Endangered Blood a Venezia per la rassegna Avant/Post: "...tensioni dell'avanguardia e versatilità del post-moderno..." (Giovanni Greto)

24/01/2008

John Zorn "Complete Masada" al Roma Jazz Festival 2007: "Con buona probabilità si è trattato dell'avvenimento più importante dell'edizione estiva del Roma Jazz Festival 2007, tant'è vero che ha aperto l'intera rassegna; stiamo parlando di Complete Masada, mini festival di tre giorni tenutosi all'Auditorium di Roma." (Dario Gentili)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.536 volte
Data pubblicazione: 04/09/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti