Jazzitalia - Omar Sosa : Calma
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Addio a Giorgia Mileto, Con grande dolore apprendiamo della scomparsa della responsabile ufficio stampa del Saint Louis College of Music di Roma e di vari festival internazionali della capitale. .

Vic Juris, chitarrista jazz, noto soprattutto per il suo importante ruolo nella band di Dave Liebman, è mancato il 31 dicembre 2019. Era ricoverato al St. Barnabas Medical Center di Livingston, New Jersey..

Musica, poesia, racconti e tanto altro per la V Edizione di Case Ospitanti a Matera, una suggestiva iniziativa che riempie la città di cultura e di conviviale stare insieme..

E' morto Mario Guidi, uno dei più illuminati manager del mondo del jazz, padre del pianista Giovanni e titolare della MGM Produzioni Musicali, agenzia tra le migliori e serie a livello internazionale.

Bergamo Jazz: Maria Pia De Vito firma l'edizione del 2020 con un cartellone che rende la manifestazione tra le migliori per respiro e profondità a livello europeo.

Pianisti di altri mondi, 7 + 1 concerti dal jazz alle sonorità contemporanee. Tornano a Milano i concerti delle domeniche mattina in una rassegna ideata da Gianni Morelenbaum Gualberto in collaborazione con la Società del Quartetto di Milano e il Teatro Franco Parenti.

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Umbria Jazz Winter 2019: Cinque giorni di musica da mezzogiorno alle ore piccole, novanta eventi, sette location nel centro storico di Orvieto, trenta band, più di centocinquanta musicisti, una rappresentanza di altissimo livello del jazz italiano. .

Songwriting Camp. Il Saint Louis sostiene le idee di giovani artisti, musicisti e cantautori con un corso gratuito e a numero chiuso realizzato con il sostegno del MiBAC e di SIAE, nell'ambito del programma "Per Chi Crea"..

Sotto le stelle del Gianicolo, prosegue la terza edizione del Festival "GIANICOLO IN MUSICA 2019 con grandi protagonisti del Jazz.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            THE JIM DANDIES (gruppo)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Omar Sosa
Calma



Otà (2011)

1. Sunrise
2. Absence
3. Walking Together
4. Esperanza
5. Innocence
6. Oasis
7. Aguas
8. Looking Within
9. Dance of Reflection
10. Autumn Flowers
11. Reposo
12. Madre
13. Sunset

Omar Sosa - pianoforte, Fender Rhodes (#3, #6), effetti

Otá Records - distr. Egea (2011)


Un musicista solitamente estroverso come Omar Sosa decide di dedicarsi un momento di riflessione, una pausa e incide questo cd in solitudine: "Calma", dove dominano l'introspezione, la quiete, i toni soffusi, la pace. Siamo lontani dal latin-sound che contraddistingue sue precedenti incisioni. Anche nelle note di copertina si precisa questa intenzione. E' un disco che scaturisce da improvvisazioni elaborate dall'intimo, una sorta di diario dell'anima. E' quasi una suite, che si sviluppa come un specie di autoanalisi comunicata attraverso le note del pianoforte.

Tutti i motivi stazionano su tempo moderato o lento. Le belle melodie prendono forma con circospezione, accennate dalla tastiera e poi presentate con discrezione, quasi con pudore. In diverse tracce, però, le meno riuscite, compaiono pur in modo non molto invasivo, effetti elettronici e il fender rhodes. In questi casi sembra che Omar Sosa voglia amplificare la sua confessione, renderla più manifesta, uscendo fuori dal suo "privato" per arrivare a coinvolgere un pubblico più vasto. C'è il sospetto che questo tipo di scelta sia stata fatta, comunque, proprio per non deludere quanti lo seguono e hanno una determinata percezione del "sound" tipico del musicista cubano. Una concessione "dovuta" ad un pubblico sicuramente abituato ad una musica meno "meditativa" e più ritmica, "di movimento". Intendiamoci, il pianista ha un tocco prezioso, una tecnica sicura e la capacità di marcare i chiaroscuri nelle sue composizioni con una particolare attenzione verso le dinamiche. I paragoni con i più affermati interpreti del piano solo, però, ci stanno tutti e qualche debito nei confronti di Keith Jarrett sicuramente lo paga. Ad un esame svolto più a fondo si può intravvedere la sua origine "latina", pur in un discorso solitario assolutamente lontano dagli aromi e dai colori del centro o del sud America. La pronuncia, il modo di procedere, in modo implicito, svelano, infatti, le radici culturali del protagonista del disco.
Fra i titoli migliori si segnalano "Absence" con un motivo malinconico, reso in modo essenziale, senza ricami e svolazzi, ma con una cura notevole nella sottolineatura degli elementi drammatici del brano con quegli accordi a spezzare e a sottolineare una voce interiore impegnata sommessamente a cantare.
Conquista, poi, la gioiosa "Dance Of Reflection" con una melodia di facile presa su cui il pianista gioca, illustrando il tema in modi diversi con variazioni semplici, leggere, ma assolutamente adeguate e coinvolgenti.

In conclusione "Calma" è un disco emotivamente partecipato, con qualche "astuzia" che si può anche perdonare ad un artista molto dotato, che ha scelto di mettersi in gioco con una realizzazione distante dal suo cliché abituale. E questo è, ad ogni buon conto, un atto di coraggio.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
24/06/2018

Correggio Jazz 2018: "Un programma basato sulle produzioni più innovative della musica improvvisata italiana dando spazio anche a ospiti internazionali di alto livello, scelti impostando un indirizzo o un minimo comun denominatore" (Aldo Gianolio)

31/08/2014

Nadzuti (Ivan Mazuze)- Nicola Barin

14/08/2013

Umbria Jazz 2013 - 40th Anniversary: Umbria Jazz 2013 40th Anniversary: "Tra l'algida Krall, i capricci di Jarrett e gli affollati concerti border-line, spiccano i duo Garbarek-Gurtu, Fresu-Sosa e Mirabassi-Castaneda". (Daniela Floris)

23/07/2013

Eggun (Omar Sosa)- Alceste Ayroldi

12/05/2013

Jazz Groove Ia Parte : Lo "stile contrassegnato dal ritmo" di Omar Sosa, il "dissacrante" Marc Ribot Ceramic Dog, il "pianismo percussivo, a tratti free" del New Quintet di Giovanni Guidi. (Giovanni Greto)

30/04/2012

Due concerti per pianoforte e tromba completamente diversi nella rassegna dei comuni del miranese "Ubi Jazz". (Giovanni Greto)

01/11/2010

Intervista con Omar Sosa: Pianista, percussionista e compositore cubano, intesse la filosofia sonora dei suoi ensemble e dei suoi piano-solo mutuati dalle radici africane, a quelle della sua terra di origine. In questo incontro: il "guru" Monk, il vino per il progetto con la Big Band, la religiosità afrocubana, la voglia di cambiare il mondo attraverso la propria musica, il suo rapporto con l'Italia...(Maria Giovanna Barletta)

22/08/2010

Omar Sosa, Paolo Fresu e Trilok Gurtu al Locus Festival 2010: "...un esperimento di word music ed ethnojazz molto ben riuscito...è sembrato che il paese si fosse fermato per qualche ora ad ascoltare il ritmo e i suoni del mondo. A Locorotondo è stata di scena la Musica senza confini." (Cristiano Ragone)

26/12/2009

Mulatos (Omar Sosa)- Gianni B. Montano

04/07/2009

Omar Sosa, "Musica ai Frari: "...il concerto fila via liscio per quasi ottanta minuti. Sosa esegue senza fermarsi dieci brani più due bis, prima dei quali dichiara che, fosse per lui, in un contesto simile e senza amplificazione di sorta, andrebbe avanti a suonare tutta la notte." (Giovanni Greto)

19/03/2008

Afreecanos (Omar Sosa)

29/10/2006

Omar Sosa, Favata - Di Bonaventura - Gandhi, Enrico Rava con la New Generation dal DiVino Jazz Festival (Francesco Truono)

12/02/2006

Jazz & Wine of Peace, 8a edizione del prestigioso festival di Cormons con, tra gli altri, artisti del calibro di Dave Holland, Dave Liebman, Omar Sosa, Dave Douglas... (Giovanni Greto)

02/02/2006

Nuova gallery con le foto tratte da Jazz and Wine of Peace 2005 di Cormòns (Eleonora Viviani)

12/12/2005

Ritratti di Omar Sosa e Charlie Haden (Ziga Koritnik)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.681 volte
Data pubblicazione: 06/11/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti