Jazzitalia - Recensioni - Alessandro Candini: The Other Side
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Addio a Carlo Loffredo, tra i padri del Jazz in Italia.

Il sassofonista Roberto Ottaviano, a Tel Aviv per un omaggio al compositore Sasha Argov.

E' morto Roy Hargrove!! Il geniale trombettista statunitense è deceduto il 2 novembre 2018. Il cordoglio dei musicisti e della comunità tutta in ricordo del suo grandioso talento..

Giordano in Jazz Winter 2018: Bollani, Cincotti, Level 42, Alex Han e il gospel natalizio per l'edizione winter 2018, nella stupenda cornice del Teatro Umberto Giordano e non solo..

26ma edizione di Umbria Jazz Winter: nel cartellone i più bei nomi del jazz italiano e personaggi di culto del jazz americano. Una edizione che si segnala anche per alcune esclusive. .

Jazz Concept: Forme e Linguaggio Moderno del Jazz. workshop intensivo dedicato allo studio melodico del linguaggio jazzistico a cura del CEMM.

Simona Molinari, Maria Pia De Vito e il B&B Quartet per la 19a Edizione di Sorrento Jazz.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Alessandro Candini
The Other Side



Instant Present (2012)

1. Behind the mirror
2. The other side
3. A new world
4. Open the door
5. 101
6. Repeat
7. Rewind
8. Bug
9. The edge of the world
10. Breath of soul
11. The frontier
12. Breaking the surface

Alessandro Candini - piano


Alessandro Candini è l'ennesimo musicista italiano emigrato nella vicina Francia, nel paese in cui l'arte è vista ancora come una risorsa e dove l'artista ha ancora una dignità. Un altro cervello in fuga, in questo caso delle altre mani sottratte al Belpaese, hanno sfornato un'opera prima racchiusa sotto il nome di "The Other Side". Dalla chiarissima impostazione classica, Candini, diplomato al Conservatorio di Parma in pianoforte dopo un'attività concertistica al Teatro Regio, si è avvicinato al Jazz e alla musica improvvisata proprio in Francia avviando una serie di collaborazioni trasversali con il Teatro, la Danza e la Poesia.

Tutte queste informazioni della sua biografia confluiscono in modo molto chiaro e preponderante nella sua musica. La sua prima fatica discografica è infatti un album in piano solo completamente improvvisato. Una registrazione fiume di una sola giornata che ha dato vita a queste dodici tracce. Raccolte in quattro quadri, per quattro atmosfere diverse, come quattro atti di un opera teatrale o semplicemente come una suite musicale, le dodici tracce si snodano con intensità nell'arco dell'ora di ascolto.

I primi quattro pezzi ininterrotti, "Behind the Mirror" "The Other Side" "A New World" "Open the door", colpiscono per la passione dal sapore Jarrettiano, per la malinconia che evocano, per gli echi cinematografici. La sensibilità artistica del giovane pianista è cristallina. Il secondo atto formato dai seguenti brani "101" "Repeat" "Rewind" "Bug", ci porta in ambiente più jazzistico, con tempi più spezzati e melodie più ostinate, e giochi che ricordano anche Satie. Molto più rarefatta e solenne la terza parte dell'album composta da "The Edge of the world" "Breath of Soul"e "The Frontier". La chiusa dell'opera è affidata a "Breaking the Surface" un brano breve ed incisivo, che lascia nell'ascoltatore quel dubbio, quella sensazione di instabilità che l'arte contemporanea dovrebbe lasciare.

Un'ottima prova di classe e di lirismo. Un album elegante ed evocativo.

Valeria Loprieno per Jazzitalia













Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 438 volte
Data pubblicazione: 30/09/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti