Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

EGEA SCA 123
Riccardo Zegna
Carillon


1. Hommage
2. Maldito Duente
3. Tango De la Lontananza
4. Corale Blu
5. Carillon di Joa
6. Lestofunk Suite
7. Rolls Rag

Riccardo Zegna - piano
Gabriele Mirabassi - clarinetto
Marco Moro - flauto
Rodolfo Cibin - violino
Enrico Di Crosta - violoncello
Paolo Borsarelli - contrabbasso
Joanna Rimmel - voce




EGEA Records & Distribution
C.so Mazzini, 12
12037 SALUZZO (CN)
Tel. +39 0175 217323
Fax: + 39 0175 475154
E-mail: info@egearecords.it
www.egearecords.it


Carillon, di Riccardo Zegna, un album che oscilla tra passato e presente
Lo scenario della registrazione è quello "intimista" dell'Auditorium di Santa Cecilia di Perugia e il primo brano di "Carillon", "Hommage", ne é forse la consacrazione più assoluta. Il piano di Riccardo Zegna è meditativo: un'apertura per un album, come lo definisce lo stesso autore: "…not just jazz group…", un progetto quasi classicheggiante.



Il flauto di Marco Moro arriva da lontano, quasi non volesse osare di interrompere il sogno di Zegna. Hommage ha un qualche cosa di cameristico, anche se le linee degli archi sono sostituite dalla morbidezza dei fiati. Gabriele Mirabassi, col suo clarinetto, ci fa guardare indietro nel tempo, nella storia della musica, a ricercare melodie struggenti che appartengono ad una cultura più europea che afroamericana. Il brano oscilla tra il mondo di Bill Evans e un indefinibile, nel senso temporale, tardo-romanticismo. Ma è già "Maldido duente"! Il passaggio al secondo brano è quasi "glissato", chi ascolta non si accorge, tanta è l'eleganza nel terminare e nel ripartire, con rara raffinatezza stilistica. D'altronde di Carillon e delle composizioni per questo magico strumento si interessarono, in passato, Byrd, Couperine e Bizet!

Il "Tango della lontananza" è un rincorrersi di strumenti, dove violoncello, flauto e clarinetto ricamano sopra una ritmica appena accennata, eppure determinata e incisiva. Il piano di Zegna non è mai troppo protagonista e questo fa dell'album un lavoro prezioso anche sotto il profilo della didattica musicale, oltre che sul piano creativo. La "melancolia" del violino è ispirata quasi a tanghi d'altri tempi: solitaria e musicale come il battito d'ali di una falena nella notte. Un suono, insomma, che a volte cede un po' a Ravel e a De Falla. Mirabassi "impregna" il Tango della lontananza con note alte, ma mai "urlate", l'ancia è sempre controllata e il fiato esce dal suo magico clarinetto scivolando via per lasciare spazio al pianoforte. Ed ancora una volta, Zegna suona "sfiorando" i tasti e "martellando" le corde con dolce riverenza, centrando l'obiettivo di arrivare dentro il cuore di chi ascolta. Solo quando gli strumenti suonano in sezione ci si ricorda che si sta ascoltando un tango: il Tango della lontananza.

La "Corale blu" apre con una melodia dolcissima che il musicista piemontese si premura di suonare con accordi e poi con note singole. Il suo pianoforte va ascoltato nella semioscurità, e ad occhi chiusi…Le ombre si mescolano al suono delle corde, mentre l'arrivo del violoncello di Enrico di Crosta fa da ricamo – profondo – all'intera opera. Carillon va ascoltato chiusi dentro le pareti della propria mente…poca luce, disturbati solo dalla fantasia che aleggia, sovrana, e spegne le folate di vento che soffia senza essere sentito. Una voce…la voce, quella di Joanna Rimmel si materializza in "Carillon di Joa". Una linea che rafforza quanto Zegna dice della sua ultima produzione: "I temi sono ispirati, in gran parte, dalla musica di alcuni grandi compositori del passato". I dialoghi del piano e del clarinetto, anche nel quinto brano, sono predominanti. "Lestofunk suite" è "intenzionalmente" neoclassica e trae frammenti tematici anche da echi di "strawinskiana" memoria. Non manca anche un sano richiamo al be bop! Un po' ironico, in un'opera come Carillon? Possibile! Ma Lestofunk sta al be bop, come Maldito duente poteva stare ad un'immagine da tardo liberty: quasi da caffè d'oriente. E il funky? Direte voi! Beh, un po' ce n'è, ma un breve innesto che anticipa la terza aria – "elegia" la definisce Zegna – cantata dal contrabbasso.

Quattro sono i "chorus" di "Rolls tag", una miscellanea che, con un piccolo sforzo, è facile rimandare, come influenza, al rag time, con suoni che Zegna definice: "Lontanamente alla Jelly Roll Morton". Di Carillon, il sesto brano è – in assoluto – il più ritmico. Contrappunti e sincopi che qualcuno direbbe, finalmente, richiamano il jazz. La dimensione pianistica di Zegna è quasi da honky tonky o, quanto meno, da mainstream. L'album va ascoltato e riascoltato e, ogni volta, sarà una nuova avventura in quella semioscurità in cui sono risuonate le prime note…
Marcello Migliosi per Jazzitalia







Articoli correlati:
01/12/2018

Blend Pages (Enrico Zanisi)- Alceste Ayroldi

24/06/2018

Correnteza (Mirabassi, Taufic, Renzetti)- Lavinia Testi

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

04/05/2016

Amori Sospesi (Balducci - Di Modugno - Mirabassi)- Alceste Ayroldi

03/01/2016

Um Brasil Diferente (Gabriele Mirabassi & Roberto Taufic)- Niccolò Lucarelli

19/10/2014

Parole Inutili (Lillo Quarantino)- Alessandra Monaco

05/10/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco. Gabriele Rampino, Dodicilune: "La vera difficoltà è la bastardizzazione del senso del jazz, sia nella sua deriva verso la mediocrità, sia nella creazione di cartelloni di festival e rassegne, sempre meno progettuali e troppo ruffiani, con troppi nomi che nulla c'entrano col jazz..." (Alceste Ayroldi)

20/10/2013

Talos Festival 2013: Dopo una sosta forzata, rinasce nel 2012 grazie al formidabile agitatore culturale Pino Minafra e giunge quest'anno al ventennale con un grande successo di pubblico. (Vincenzo Fugaldi)

14/10/2013

Nice Scribbles (Marcello Sirignano 4et)- Alceste Ayroldi

15/08/2013

Kyra (Pietro Ballestrero Ansemble & Gabriele Mirabassi)- Roberto Biasco

17/03/2013

Venere E Marte (Raf Ferrari 4et feat. Gabriele Mirabassi)- Alceste Ayroldi

30/09/2012

La Belle Vie (Simona Severini)- Enzo Fugaldi

20/05/2012

"...un sentito tributo al clarinettista di origini salemitane con i clarinettisti Gabriele Mirabassi e Nicola Giammarinaro." (Vincenzo Fugaldi)

08/04/2012

La Fuga Di Majorana (Jacarè) - Andrea Gaggero

26/01/2012

Espresso 443 (Enrico Blatti)- Alceste Ayroldi

13/08/2011

Riccardo Zegna And Mellowtone Orchestra - Ellington Tribute, concerto inaugurale del festival di Clusone. Giunto alla sua trentunesima edizione, continua a rappresentare una tra le proposte più intelligenti e stimolanti nel pur ricco panorama festivaliero italiano. (Andrea Gaggero)

16/08/2010

Igloo (Remo Anzovino)- Antonio Terzo

26/04/2010

Itaca (Peo Alfonsi) - Alceste Ayroldi

18/04/2010

Miramari (Andre' Mehmari & Gabriele Mirabassi) - Alceste Ayroldi

13/02/2010

Notturno Mediterraneo (Angelo Valori) - Marco Buttafuoco

27/12/2009

Selection (Rabih Abou Khalil) - Alceste Ayroldi

04/08/2009

Da Umbria Jazz 2009: Guinga "Dialetto Carioca" con Gabriele Mirabassi & Lula Galvao; Gianluca Petrella Cosmic Band con Paolo Fresu: cronaca di una rivoluzione Jazz; Chick Corea & Stefano Bollani Duet; Richard Galliano Quartet Feat. Gonzalo Rubalcaba, Richard Bona, Clarence Penn (Enrico Bianchi)

04/07/2009

Reggio Top Jazz Festival, Seconda Edizione: "Nell'accogliente Teatro Cilea della città sullo Stretto, si sono alternati otto fra i vincitori della competizione, e due ospiti stranieri." (Vincenzo Fugaldi)

08/03/2009

Tango Mediterraneo (Nuevo Tango Ensamble)

12/01/2009

Quintorigo Play Mingus (Quintorigo)

26/10/2008

"Tonyght Jazz", tributo a Tony Scott: "Un concerto irripetibile e di elevato livello culturale, in un momento in cui la cultura langue: sia per i musicisti coinvolti, alcuni appositamente chiamati, sia per il progetto entro cui la serata si inserisce. L'idea, infatti, nata dalla vulcanica mente e dal sensibile animo del regista Franco Maresco, è quella di realizzare un film-documentario sulla vita di un indimenticabile protagonista del jazz di tutti i tempi: Tony Scott." (Antonio Terzo)

12/10/2008

Roccella Jazz Festival 2008, "Terremoti": "In un sud che stenta sempre più a organizzare eventi jazzistici di rilievo, conforta vedere come i "Rumori mediterranei", alla ventottesima edizione, si rinforzino, raggiungendo numeri davvero ragguardevoli: 11 giorni di durata e 34 concerti, dislocati fra 9 comuni della provincia di Reggio Calabria, oltre alla consueta copiosa attività seminariale." (Enzo Fugaldi)

30/06/2007

Guinga - Mirabassi Duo e Carla Bley & The Lost Chords find Paolo Fresu aprono la XII^ edizione di delle "New Conversations" di Vicenza Jazz 2007. (Giovanni Greto)

26/05/2007

Stultifera navis (Jazzcom)

25/02/2007

Un lupo in Darsena (Danila Satragno)

09/10/2006

La gallery di Roccella Jonica 2006 (Francesco Truono)

08/10/2006

Folk Frontiera (Giovanni Palombo Acoustic Trio )

08/10/2006

BlueLocride, l'edizione 2006 di Roccella Jonica: "Superato il ragguardevole traguardo dei cinque lustri, il festival di Roccella, giunto alla sua XXVI edizione, continua a espandersi nel tempo e nello spazio, abbracciando il capoluogo e l'intera Locride ..." (Vincenzo Fugaldi)

31/03/2006

Le foto di Incroci Sonori, Ternijazz Winter e Italian Jazz Graffiti (Paolo Acquati)

05/03/2006

Italian songs (Pietro Tonolo)

27/01/2006

L'amico del vento (Stefano Cantini)

11/12/2005

Danza di una Ninfa (Storie di Tenco) (Enrico Pieranunzi e Ada Montellanico )

23/11/2005

Ladybird (Paolo Damiani)

01/11/2005

I concerti di Viggiano 2005: Aula, Vigorito e Zambrini con intervista, Zegna, Marcotulli, Bonvini, Giammarco e l'Orchestra Laboratorio diretta da Mario Raja... (Francesco Peluso)

22/09/2005

Sette e mezzo (Marco Zurzolo Band )

28/08/2005

24 luglio, prima giornata di Siena Jazz 2005: la straordinaria Piazza del Campo, i concerti di Pietro Tonolo Quartet e Gianluigi Trovesi Ottetto (Alceste Ayroldi)

12/06/2005

New Old Age (J. Taylor - S. Swallow - G. Mirabassi)

27/12/2004

Les Amants (Enrico Pieranunzi)

17/07/2004

Oltremare (Pietro Tonolo)

02/04/2004

Mari Pintau (Bebo Ferra)

19/10/2003

Fuori le Mura (Gabriele Mirabassi - Luciano Biondini)

17/10/2003

Lirico (Danilo Rea)

12/10/2003

Il Circo (Raffaello Pareti)

16/05/2003

Trasnoche (Enrico Pieranunzi - Marc Johnson)

19/04/2003

Barcarola (Riccardo Zegna)

16/04/2003

La Bancarella (Gianni Coscia)

11/02/2003

Perugia Suite (Enrico Pieranunzi)

01/02/2003

Pulcinella (Marco Zurzolo)

16/11/2002

Farfalle (Tonolo, Goldstein, Birro, Ciancaglini)

12/09/2002

L'Archiliuto (Gianni Coscia)

02/07/2002

Racconti Mediterranei di Enrico Pieranunzi con Marc Johnson e Gabriele Mirabassi (Egea Records).

22/06/2002

Live at Umbria Jazz. Un eccezionale documento della grande Carmen McRae.

19/05/2002

Isole (Islands) di Paul McCandless, Bebo Ferra e Paolino Dalla Porta (Egea Records)





Video:
Stepping on stars - Joe Locke Rosario Giuliani Dado Moroni (Egea Records-Umbria Jazz)
Spot nuova uscita discografica 2011 "STEPPING ON STARS" J.LOCKE-R.GIULIANI-D.MORONI(EGEA RECORDS-UMBRIAJAZZ) www.egeamusic.comRegistarto dur...
inserito il 24/12/2010  da EgeaRecordsMusic - visualizzazioni: 4720
Calvino Reloaded - Cadoneghe (PD), 240609
...
inserito il 20/07/2009  da GershwinSpettacoli - visualizzazioni: 3140
Calvino Reloaded - Cadoneghe (PD), 240609
...
inserito il 20/07/2009  da GershwinSpettacoli - visualizzazioni: 3156


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 8.156 volte
Data pubblicazione: 28/05/2006

Bookmark and Share


Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti