Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Ed. Soul Note 2004

Greg Burk Quartet
Carpe Momentum

1. Burk's quirks
2. Serena al telefono
3. Hymn for her
4. Ink
5. Look to the astroid
6. For George Russel
7. Hupid stumid
 
8. Song for Sara

Greg Burk - pianoforte
Jerry Bergonzi - sax tenore e soprano
Jonathan Robinson - contrabbasso
Gerald Cleaver - batteria




IREC S.r.l.
Home of The Unique Jazz Labels.... BLACK SAINT, SOUL NOTE & DDQ
Via Monte Grappa, 44 - 20020 ARESE (MI) - Italy
tel. ++ 39 02 36541814 fax ++ 39 02 91971506
e-mail: soulnote@blacksaint.com
web: http://www.blacksaint.com
 

Secondo lavoro del giovane pianista statunitense, oramai quasi in pianta stabile nella capitale italiana. Il livello tecnico dei suoi compagni d'avventura è considerevole e ne è prova l'equilibrio ritmico-armonico presente negli otto brani dell'album.

Burk ha trovato gli stimoli giusti per costruire un proprio percorso orginale anche se la vena improvvisativa di alcune tracce risulta piuttosto stereotipata.

Così come in Burk's quirks o in Serena al telefono. Due brani ai confini con il free, sicuramente ben eseguiti, ma poco incisivi nelle costruzioni tecniche. Bergonzi si distingue per elasticità e velocità esecutiva che rendono, comunque,il fraseggio sempre godibile e leggibile. Le scorribande stilistiche in tal senso, però, non ammaliano, anzi per certi versi risultano troppo scontate.

Corposa, invece, la ballad Hymn for Her, eseguita con uno stile elegante e lineare. Il suono pulito ed al contempo coriaceo, alimenta i ricordi sonori del background afroamericano.

Ink riprende le tematiche della libertà espressiva attraverso l'esasperazione dei dialoghi tra il soprano di Bergonzi e le nervose scale di Burk.

La ricerca compositiva prosegue in Look the Astroid, un sound fresco, mai esile lì dove il tocco pianistico è sornionamente ironico.

Molto gradevole il tributo a George Russel (For George Russel), che mette in evidenza le qualità tecniche e stilistiche del pianista, sempre sorretto da una grintosa ritmica che sottolinea ancor più la vena bop del brano.

Hupid Stumid (forse libera interpretazione della locuzione Hume stupid?) attraversa una sperimentazione opportunamente riscaldata dai toni tenorili di Bergonzi, che interpreta in modo eccellente l'intento compositivo del leader.

L'eleganza lineare di Song for Sara esalta l'interplay del quartetto. La struttura manieristica è opportunamente vitalizzata dall'interpretazione pianistica e sottolineata dai soli di contrabbasso di Robinson allorquando utilizza l'archetto.

E' sicuramente un album di ricerca. Un altro passo importante verso la maturità da parte di questo giovane talento che ha "colto" i diversi momenti musicali della sua formazione fondendoli con una costruttiva irrequietezza.
Alceste Ayroldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
12/10/2014

Ipso Facto (Edge)- Nina Molica Franco

02/11/2012

Spinoza (Girardi, Recchia, Senni, Burk)- Gianni Montano

15/07/2012

The Path Here (Greg Burk) - Francesco Favano

08/04/2012

East Side (Vito Di Modugno Organ Combo)- Gianni Montano

06/03/2011

Look To The Neutrino (John Tchicai Lunar Quartet)- Giovanni Greto

02/05/2010

Laurent Cugny Quartet plays Joe Zawinul + Forum "Miles Davis"; Adam Nussbaum meets Riccardo Del Fra, Hervé Sellin, Pierrick Pedron; Jerry Bergonzi Trio. Tre concerti al Sunset/Sunside Club di Parigi (Luca Civelli)

17/11/2006

Soul Mission (Brian Dickinson e Jerry Bergonzi)

24/04/2006

Intervista a Jerry Bergonzi in occasione del concerto per Jazle: "Penso che mentre si suona il jazz si sia sempre 'sull'improvvisazione'. E' l'improvvisazione che ti porta nel tempo presente, in qualsiasi cosa tu faccia, ed a qualsiasi cosa tu pensi, non solo alla musica..."

07/12/2003

Il sax di Jerry Bergonzi incanta Bollate: "Una platea gremita ed entusiasta di appassionati di jazz ha decretato il successo del concerto che il grande sassofonista americano Jerry Bergonzi ha tenuto all'Auditorium Don Bosco, in apertura della sua tourneè italiana.". (Giordano Minora)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 4.389 volte
Data pubblicazione: 20/02/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti