Jazzitalia - Carla Marciano Quartet: Change of Mood
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Prodotto da Carla Marciano e Alessandro La Corte
Produttore esecutivo: Fabio Bonandrini
Registrato da Piero De Asmundis il 3 e 4 luglio 2006 presso l’Hypnocampo Studio di Napoli
Masterizzato da Aldo Borrelli presso il Wizard Studio di Merlino (Milano)
Grafica di copertina: Maria Bonandrini
Codice: 120194-2
Carla Marciano Quartet
Change of Mood


1. Hypnotic Touch 8.35
2. Change of mood 7.34
3. In front of my eyes 8.35
4. Unaware 8.17
5. Podgorica Bridge 9.12
6. Blues at 2PM 6.52
7. Sunday Morning 7.09
8. Red Blossom 7.23

Carla Marciano - sax
Aldo Vigorito - contrabbasso
Alessandro La Corte - pianoforte
Gaetano Fasano - batteria



Tu sei la tua musica
di Massimiliano Cerreto

Ci vuole coraggio. Un gran coraggio. A dare vita ad un proprio quartetto, e a guidarlo con quella fermezza di cui solo le donne sono capaci. A credere che abbiano importanza solo le ragioni dell'arte, ed esse soltanto. Ma Carla Marciano è fatta così. Ed è proprio per questo che, nell'attuale panorama del jazz italiano, in cui convivono e sopravvivono talenti eccezionali e musicisti di scarso spessore (una minoranza, per fortuna), la straordinaria sassofonista salernitana è riuscita ad imporsi. Grazie anche ad intensi anni di studio (è diplomata in clarinetto, ma il sax lo ha imparato a suonare da sola, Nda) e a tre dischi: "Trane's Groove", "A Strange Day" e l'ultimissimo "Change of Mood". A dispetto di quella sin troppo diffusa logorrea discografica, sintomo più evidente della profonda crisi che investe tutto il mondo della musica.



A
scoltare "Change of Mood", quindi, significa vivere in tempo reale un momento felice della storia del nostro jazz. E l'aggettivo "nostro" merita davvero di essere sottolineato. Certo, non bisogna dimenticare che Carla Marciano, Aldo Vigorito (contrabbasso), Alessandro La Corte (pianoforte) e Gaetano Fasano (batteria) sono alcuni degli esponenti migliori della scuola salernitana di jazz, la più affine alla tradizione afro-americana. Ma i riferimenti consapevoli e inconsapevoli agli artisti di oltreoceano (il talento di Carla Marciano, grazie al tour americano del 2006 e al legame con la prestigiosa etichetta Black Saint, è conosciuto e riconosciuto anche negli Stati Uniti, Nda), e in particolar modo al grandissimo John Coltrane, rappresentano solo una parte della sua musica. A dominare è il suo autentico modo di essere, ricco di piacevolissime contraddizioni. Fragile e forte, timida ed estroversa, determinata e sempre pronta a mettersi in discussione. Del resto, è sua la frase scelta come titolo per iniziare il racconto di "Change of Mood": "Tu sei la tua musica". E la sua musica è anche la nostra!

Non meno interessante il significato del titolo che ha scelto per questo ultimo album. Se "Trane's Groove" stava ad indicare la volontà di seguire il solco tracciato dal celebre musicista, non nel fraseggio quanto nell'atteggiamento verso la musica, e se "A Strange Day" prendeva spunto dai momenti vissuti in occasione della seduta di registrazione (alla quale io stesso ebbi la fortuna di partecipare, Nda), in quel "Change of Mood" c'è una vera e propria dichiarazione d'intenti. Il cambiamento di umore cui lei accenna, infatti, sta a ricordare che il suo stile esecutivo e compositivo si fonda propria alternanza di momenti diversi, tra tonalità e modalità, tra ballads e up-tempo.

"Intendo il titolo del mio ultimo disco nel suo significato più letterale. Non vi è sottinteso un cambiamento nella musica, né in merito al quartetto. La verità è che credo di essere una persona meditativa e, allo stesso tempo, istintiva. Questa ambivalenza si riflette anche nella mia musica: brani modali e ballads. Talvolta, poi, avviene anche una fusione tra entrambi". (Carla Marciano)

Come è facile immaginare, viste queste premesse, si tratta di un disco impegnativo, sia a livello emozionale sia strumentale. Tanto impegnativo quanto sincero, visto che tutte le incisioni che ascolterete sono delle first takes. Merito anche dell'ottimo lavoro di Piero De Asmundis al banco di regia. Inoltre, particolare di non minore importanza, molte delle composizioni non erano mai state eseguite dal vivo prima della registrazione.

Un'analisi tecnica molto dettagliata dei singoli brani è ad opera di Steve Holtje, autore delle splendide note di copertina. Questo mi da la possibilità di esprimere semplicemente le mie sensazioni, e senza nessuna pretesa di oggettività. Si può, forse, razionalizzare l'emozione?

Hypnotic touch
Porre questo blues modale ad inizio del disco è quanto di più azzardato un musicista possa fare. Perché è stupendamente complesso, armonicamente e ritmicamente. Ma è anche tra quelli più difficili ad un primo ascolto. Eppure, è la composizione che più di ogni altra esprime la forza e l'energia del quartetto. E promette, per via delle frequenti sortite solistiche, di essere una delle più interessanti in un'esecuzione dal vivo. Assolutamente da riascoltare.

Change of Mood
Siamo sempre noi, con il nostro quartetto e con la nostra musica: ecco il senso della title track, di cui si è discusso anche precedentemente. Sarebbe potuta essere solo una ballad, oltretutto con delle sonorità piacevolmente scure che evocano quella profondità del sentire tipica di Carla Marciano. Ma proprio perché ne riflette la personalità, il sax sopranino, strumento poco usato per via della sonorità aspra, assume un ruolo di primo piano, finendo con il portare tutti i musicisti verso una direzione inaspettata. Quasi una sorta di un catartico ritorno alla luce.

In front of my eyes
Un amore che dura da tanti anni, quello che lega Carla Marciano al pianista Alessandro La Corte (qui in uno stato di grazia). Il tutto raccontato con grande intensità, anche se è "solo" una ballad tonale. Da ascoltare con attenzione il finale con il sax alto in bella evidenza. Davvero superfluo aggiungere altro. (Non che sia davvero importante dirlo, ma è tra i miei brano preferito, Nda)

Unaware
"Ho scelto questo titolo, che significa inconsapevole, perché ho composto questo brano in momenti diversi e si muove in molteplici direzioni". (Carla Marciano). Da aggiungere che ci sono delle sonorità a dir poco spettacolari, e raramente ascoltate nel jazz. Io vi ho ravvisato alcune affinità con la musica progressive. Unico anche il drumming di Gaetano Fasano.

Podgorica Bridge
Un fiume, un ponte e la capitale del Montenegro. L'ispirazione nasce spesso da frammenti del quotidiano. Perché diventino arte è necessaria una grande sensibilità. E qui c'è tutta! Tra le più belle ballad mai ascoltate.

Blues at 2pm
Molto più di un blues in 12 misure. Per via dell'intenzione be-bop e dei riferimenti alla musica di Charlie Parker. All'interno dell'album, si distingue dalle altre tracce non solo per lo stile esecutivo, ma anche per la scelta per essere stato suonato in trio, senza pianoforte. Ecco una delle tante direzioni che, un giorno, la musica di Carla Marciano potrebbe prendere.

Sunday Morning
"E' un brano che avevo composto molto tempo fa, a differenza degli altri. In tutti i miei dischi ci sono almeno due brani con il sax sopranino. Qui, a differenza dei precedenti, però uso il sopranino su dei brani tonali" (Carla Marciano). In evidenza la tecnica di Carla Marciano, e non solo per il frequente uso del trillo, e bellissimo anche il sound di Aldo Vigorito (ma questa non è una novità)

Red Blossom
Anche se continua ad esercitarsi al sax tante ore al giorno, senza dimenticare che molte delle sue composizioni nascono al pianoforte, Carla Marciano ha anche una grande passione per la pittura e per i fiori di colore rosso. Qui è in duetto con Aldo Vigorito. Da notare come, durante il solo di contrabbasso, è il sax a svolgere una funzione di "accompagnamento". Sarò solo una mia opinione, ma le atmosfere di questo brano ricordano alcuni film sull'America degli anni 30.

Una conclusione? No. "Change of mood" è solo una delle pagine più belle della storia del jazz italiano. Grazie a musicisti come Carla Marciano, Aldo Vigorito, Alessandro La Corte e Gaetano Fasano, per fortuna, ce ne saranno altre…

Massimiliano Cerreto per Jazzitalia

Per maggiori informazioni:
www.carlamarciano.it
www.myspace.com/carlamarciano


Le foto sono state scattate in occasione del concerto del Carla Marciano Quartet presso il B.A.G. di Bacoli (Napoli), il 6 Dicembre 2007. Tutte le foto sono di Massimiliano Cerreto.










Articoli correlati:
15/08/2016

Rag Trio (Giovanni Scasciamacchia)- Niccolò Lucarelli

05/01/2015

Hope (Giovanni Scasciamacchia Trio with Fabrizio Bosso)- Alessandra Monaco

12/05/2013

Carla Marciano e il suo Quartetto : "Carla Marciano è una delle più notevoli artiste del jazz contemporaneo nostrano, orgoglio femminile al sax in Italia e all'estero dotata di fraseggi articolati, passionali e che danno vita a notevoli immagini sonore variegate." (Francesco Favano)

28/04/2013

Nuevas Huellas (Alfonso Deidda & Cuban Stories)- Francesco Favano

07/04/2013

Il Viaggio di Sindbad (Giuliana Soscia & Pino Jodice Quartet)- Gianni Montano

06/09/2009

Ispani Jazz 2009, "Una coraggiosa svolta internazionale" con Bob Mintzer, John Abercrombie, Flavio Boltro: "La macchina organizzativa dell'Ispani Jazz Festival ha rivelato, in questa settima edizione 2009, una concreta ed encomiabile evoluzione che, tanto nella coraggiosa, quanto interessante svolta internazionale, ha riscosso un palpabile gradimento dei numerosi appassionati accorsi." (Francesco Peluso)

06/06/2009

Orfeu Negro (Effetto Musica Ensemble Incontra Claudia Marss)

27/09/2008

Cantabile (Trio di Salerno)

10/08/2008

Jazz in Parco XI Edizione "Oltre il Jazz": "Allargare gli orizzonti, spingere un po' più in là il confine costituito dalla consuetudine e della tradizione. Andare un passo oltre il Jazz più tradizionale nei colori e nel linguaggio, mantenendo però un altissimo livello musicale, di spettacolo e di arte...." (Luigi Spera)

23/12/2007

Palavras de Amor (Effetto Musica Ensemble e Claudia Marss)

11/08/2007

Nella Tana del Coniglio (Giuseppe Onofrietti Trio)

08/07/2007

L'urklang della Salerno Jazz Orchestra: "La neo-nata formazione che ha debuttato al teatro Verdi mercoledì sera 9 maggio 2007, in assenza del sindaco Vincenzo De Luca, ha ricevuto la benedizione del contrabbassista Giovanni Tommaso." (Olga Chieffi)

10/05/2007

Stagione invernale del Brass di Palermo: "Molto ricco, e davvero molto aperto è stato quest'anno il cartellone del Brass Group palermitano...altrettanto ricca è stata la rassegna intramuraria del Blue Brass presso il ridotto dello Spasimo..." (Antonio Terzo)

11/03/2007

25 foto...dal seminario e concerto di Gaetano Fasano: "Un seminario di batteria la dove c'è davvero bisogno di musica. Per chi suonava già e per chi vedeva uno strumento musicale per la prima volta. Ecco, in estrema sintesi, il senso dell'evento che ha visto protagonista Gaetano Fasano." (Massimiliano Cerreto)

26/02/2007

European Jazz Expò, International Talent Showcase a Cagliari: "Antonello Salis con la sua musica, la magia delle note che scorrono dalle sue mani al pianoforte, ha di nuovo incantato gli spettatori...La salita, come al solito, silenziosa sul palco e subito a sfiorare, schiacciare, percuotere, i tasti bianchi e neri..." (Enzo Saba)

04/12/2006

All the Way (Francesca Leone)

22/08/2006

Smile Again (Miles Griffith & Tony Pancella Trio/Quartet)

13/01/2006

A strange day (Carla Marciano 4tet)

01/11/2005

I concerti di Viggiano 2005: Aula, Vigorito e Zambrini con intervista, Zegna, Marcotulli, Bonvini, Giammarco e l'Orchestra Laboratorio diretta da Mario Raja... (Francesco Peluso)

04/01/2004

Intervista a Aldo Vigorito: "Sono uno con le orecchie molto aperte; un musicista che desidera ancora imparare da ciò che mi circonda...In me convivono molte anime; non amo la staticità. ". (Massimiliano Cerreto)

28/12/2003

Napolitanìa (Aldo Vigorito)

27/08/2003

Trane's Groove (Carla Marciano)

13/08/2003

Carla Marciano Quartet e Renato Sellani & Max De Aloe Quintet, chiudono il Beat Onto Jazz festival. Due bei concerti con momenti di alta classe (Ernesto Losavio)





Video:
Quisisana Jazz Events 2010 Part2.mov
Quisisana JAZZ Events 2010 - Direzione Artistica Peppe De RosaPeppe De Rosa GroupGerardo Di Lella Bigband guest star Bob Mintzer (leader degli yellow ...
inserito il 13/10/2010  da totoderosafilmmaker - visualizzazioni: 3639


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 4.362 volte
Data pubblicazione: 23/02/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti