Jazzitalia - Carl Woideck: Charlie Parker - Vita e musica
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Carl Woideck

Charlie Parker - Vita e musica
EDT/Siena Jazz
pagine: 336
novembre 2009
prezzo: € 20.00

Quando si avverte di aver a che fare con "una mente musicale", un musicista i cui soli possono definirsi "meraviglie di coordinamento istantaneo tra concezione ed esecuzione" non si può non avere altresì il desiderio di approfondirne gli aspetti artistici e biografici. Charlie Parker è stato un "magistero strumentale" che ha saputo definire condizioni molto alte dinanzi alle quali qualsiasi musicista deve (e dovrà) sempre porsi.

I
l musicologo e musicista Carl Woideck in "Charlie Parker – Vita e Musica" offre un'opportunità molto interessante per calarsi all'interno del mondo parkeriano. Nella prima parte del libro si affronta uno "schizzo biografico" che in realtà è denso di dettagli. Basato su numerose interviste e conversazioni private oltre che ricerche tra i dati delle incisioni, documenti prelevati da ospedali e uffici vari, il capitolo dedicato alla vita di Parker consente di seguire, passo dopo passo, tutta l'esistenza del grande sassofonista. Sembra di vivere al suo fianco, come un'ombra. Dall'inizio negativo e addirittura impacciato, all'incontro determinante con Gillespie, il suo arrivo a New York City, il rapporto con Earl Hines, la tradizione, e Joy McShann, la voglia di andare avanti, e poi via via gli altri incontri con Max Roach, Sarah Vaughan, Miles Davis, Norman Granz, la sua inclinazione alla poesia. Dato che "ci sono molti aspetti vaghi, poco chiari e contraddittori nella sua storia", non poteva non esser analizzato ogni frammento e testimonianza ma a volte, a parere di chi scrive, v'è il dubbio se sia davvero sempre importante determinare una circostanza, sentire la stessa versione dei fatti per bocche diverse, individuare con estrema precisione un luogo, una data che in fondo non hanno influenzato più di tanto l'aspetto artistico di Parker. Ovvio anche che di un simile personaggio si vorrebbe probabilmente rivivere ogni attimo, ogni respiro per potersi illudere di sapere tutto, forse perché si pensa che avere la consapevolezza del suo pensiero (comunque spesso soltanto ipotizzato), possa modificare la percezione della sua grandezza. Al di là di tutto, rimane lo spaventoso livello della sua musica da un lato e la profonda tristezza di una tragedia annunciata dall'altro. Riguardo questo aspetto, Woideck è riuscito nell'intento encomiabile di raccontare l'artista lasciando ai margini, per quel che fosse possibile, l'effetto dirompente della droga se non quando direttamente collegato ad esiti che avevano impatto sulla sua arte.

Di grande pregio il capitolo dedicato alla musica suddiviso in periodi: dall'apprendistato alla maturità, dalla creatività/innovazione, fino al calo finale. Confrontare il suo stile offre un ottimo elemento di comprensione evolutiva del suo pensiero musicale e ascoltarlo a fronte di questo approfondimento consente di identificare automaticamente gli "stilemi" parkeriani in relazione alla sua crescita tecnico-musicale. Lavoro ottimo sulla datazione delle sue incisioni, fondamentale per la ricostruzione stilistica, lo studio, le influenze, la tecnica. E' un'opera "audiovisiva" e, quindi, è molto importante munirsi dei brani! In appendice sono elencate le collane da cui sono tratti tutti gli esempi e posizionarsi al minuto esatto indicato, ascoltare la frase analizzata, consente di percepire in toto tutti gli aspetti che hanno reso grande Parker e che Woideck riesce a rendere evidenti: sostituzioni, frasi cromatiche, richiami stilistici, connessioni con influenze in virtù di frasi ripetute, citazioni, ragionamento armonico, intenzioni ritmiche, approccio all'improvvisazione, tecniche di esposizione del tema, tecniche strumentali, tecniche interpretative, la straordinaria capacità di raddoppiare e quadruplicare il tempo continuando ad inserire accenti e sincopi e così via; un vero e proprio museo. Un piccolo appunto anche qui, però, sull'eccesso: la determinazione delle influenze di Parker è effettuata prevalentemente attraverso le citazioni inserite durante i suoi soli, e così emergono frammenti che lo collegano a Lester Young, Buster Smith, Coleman Hawkins, Art Tatum, addirittura anche New Orleans. In alcune circostanze però ci si spinge (forse) un po' oltre raffrontano frammenti dei soli di Parker, divenuti veri e propri pattern, con canzoni di ogni estrazione. Parker si sa che amava le citazioni, pertanto ogni più microscopica sovrapposizione, anche a tempi diversi, in differenti tonalità e persino in strutture armoniche distanti, tra Parker e il resto dello scibile, ne diventa oggetto di riflessione. Sebbene ciò sia molto utile nella maggioranza degli esempi riportati, in altri casi è un eccesso che indebolisce l'attendibilità.

Molto efficace tutta la consecutio che delinea l'evoluzione stilistica di Parker dalla "comunicazione telepatica" con Dizzy Gillespie, all'inserimento del giovane Miles Davis, fino all'approdo alla musica classica e al suo amore verso compositori come Sostakovic, Beethoven, Debussy, Stravinsky, Prokofev, Hindemith, Ravel, Wagner, Bach. Questo tentativo (non supportato dai produttori, Norman Granz in testa) di dirigersi al di là della propria cultura si può certamente considerare come un primo sintomo di desiderio di contaminazione. Eppure aveva a disposizione molti generi musicali americani, ma avvertiva attrazione nei confronti della musica europea senza dubbio più colta. Alla fine, però, appare anche evidente e condivisibile la considerazione secondo cui Parker non ha mai condotto un vero e proprio progetto musicale ma è da considerarsi un istinto incredibilmente avvezzo alla musica, lasciato libero di agire e di andare là dove la ragione, forse, non lo avrebbe mai condotto.

Non possiamo terminare senza sottolineare l'eccellente lavoro svolto da Francesco Martinelli che ha curato l'Edizione italiana per la EDT. La cura della traduzione è evidente per l'utilizzo di termini appropriati e per determinazione linguistica. Infine, l'appendice riporta anche un capitolo, presente solo nell'edizione italiana, dedicato a Dean Benedetti nel quale la sua figura viene finalmente descritta come dovrebbe, cancellando ogni allusione esclusivamente negativa.

Un libro davvero eccellente, non una "mera" traduzione, ma un'attenta e seria operazione divulgativa.

Marco Losavio per Jazzitalia






Articoli correlati:
03/12/2016

LEZIONI (Articoli): Rhythm Changes (Claudio Angeleri)

26/02/2015

LEZIONI (Trascrizioni): Out of Nowhere - Charlie Parker. Seduta del 4 novembre 1947 insieme a Miles Davis, Max Roach, Duke Jordan e Tommy Potter (Paolo Mannelli)

01/12/2013

Quattro chiacchiere con...Luca Bragalini: "...gli standard appartengono tanto al passato quanto al presente e molto probabilmente rimarranno al loro posto anche nel futuro." (Alceste Ayroldi)

20/10/2013

Quattro chiacchiere con...Attilio Berni: Una collezione di sax unica al mondo: ogni strumento vintage è "vittima" della propria evoluzione ed è plasmato dall'alito vitale insufflato al suo interno da chi lo ha posseduto. (Alceste Ayroldi)

06/02/2011

Improvvisazione: sua natura e pratica in musica (Derek Bailey)- Marco Losavio

09/05/2010

Jazz! (John F. Szwed)- Alceste Ayroldi

06/02/2010

Altre x-roads (Franco Minganti)- Franco Bergoglio

06/02/2010

Hard To Find - Tribute To Leroy Vinnegar (Giovanni Sanguineti)- Roberto Biasco

31/05/2009

Intervista a Ray Mantilla: "In America abbiamo davvero un grosso problema con l'economia. E per chi suona jazz è anche peggio. Per il tipico musicista di jazz le cose vanno male oggi...Ce ne sono tantissimi che non trovano lavoro e ingaggi in America. E gli americani sono spaventati. Ma ora, grazie a Dio! E' arrivato Obama. Ora che Obama è presidente le cose andranno sicuramente meglio. La gente poi lo ama davvero, almeno tanto quanto ultimamente odiava Bush." (Franco Bergoglio)

09/05/2009

Jazz poesia civile - Jazz '68 - A Charlie Chân piace il jazz? (Guido Michelone)

11/04/2009

LEZIONI (chitarra): Bird's Eye View (by Greg Howe), Jazz minor blues substitutions (Francesco Bonfanti)

10/04/2009

Bare Bones (Madeleine Peyroux)

14/03/2009

About Time (Anders Bergcrantz )

23/11/2008

Il Giganti del Jazz (Studs Terkel)

12/08/2008

Intervista a Luigi Campoccia. Pianista, cantante, arrangiatore, da trentanni sulle scene internazionali a fianco dei pi� grandi musicisti. Quindici anni passati con Giorgio Gaber e con la musica d'autore, tra i fondatori di Siena Jazz, direttore artistico di Elba Jazz... (Alceste Ayroldi)

23/02/2008

Una vita in quattro quarti (Giuseppe Barazzetta)

10/02/2008

LEZIONI (chitarra): Improvvisazione Blues-Jazz, Fraseggi, Lezione 1 (Pietro Nicosia)

04/01/2008

The Color of Jazz (Pete Turner)

02/12/2007

Siena Jazz Reunion, Trent'anni di Jazz in Italia: "Due intense giornate che hanno visto confluire musicisti, studiosi, critici, jazzofili provenienti da diverse zone d'Europa ed anche dagli Stati Uniti d'America. Una girandola perfettamente sincronizzata di convegni, presentazione di libri e concerti." (Alceste Ayroldi)

27/04/2007

Le Opere in Digital Art di Bruno Pollacci sui grandi del Jazz.

27/04/2007

LEZIONI (Violoncello): Donna Lee, istruzioni per l'uso... (Lucio Franco Amanti)

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

27/12/2006

LEZIONI (Storia): Bird, analisi del grandioso film di Clint Eastwood: "Rispetto alla tradizione del cinema biografia, Bird è un autentico capolavoro, dove il ritmo, continuamente mutato nei frequenti cambiamenti spazio-temporali sembra seguire quel ritmo interno che ha scosso la vita del vero Charlie Parker e che ha scosso inevitabilmente la storia del jazz." (Cinzia Villari)

16/05/2006

A Tribute to Charlie Parker (Francesco Cafiso & Strings)

17/04/2006

LEZIONI (Trascrizioni): Un favoloso solo di Charlie Parker sul brano Scrapple from the Apple (Marcello Zappatore)

15/10/2005

I concerti all'Enoteca di Siena Jazz 2005: "...L'atmosfera che si respira è magica...ci si nutre di musica tutto il giorno, si instaurano rapporti di amicizia e di lavoro, si conoscono più da vicino le esperienze di grandi musicisti e didatti e tanto altro ancora può succedere in quei giorni!" (Dino Plasmati)

21/09/2005

Claudio Fasoli "Gamma Trio" e Marco Tamburini Quintet a Siena Jazz 2005: "...una rassegna ricca e densa di appuntamenti, di attività. Ma in maniera molto ordinata e corretta. Non v'è una confusione travolgente di concerti e d'incontri tanto da far scorrere oltremodo l'adrenalina in corpo per il timore di perdere qualcosa o qualcuno..." (Alceste Ayroldi)

03/09/2005

Intervista a Gianluigi Trovesi: "...Dico sempre che se non vado dall'analista è perché soffio in un tubo! Penso solo ed unicamente a soffiare nel tubo e quindi alla nota che emetto e non penso a vincere un concorso oppure ad avere un posto fisso, oppure alle realtà della vita..." (Alceste Ayroldi)

28/08/2005

24 luglio, prima giornata di Siena Jazz 2005: la straordinaria Piazza del Campo, i concerti di Pietro Tonolo Quartet e Gianluigi Trovesi Ottetto (Alceste Ayroldi)

30/04/2005

LEZIONI (Trascrizioni): Bird of Paradise, improvvisazione di Charlie Parker sull'armonia di "All The Things You Are". (F. Perina, N. Fazzini)





Video:
NPR Live at the Village Vanguard Webcast: Joe Lovano - January 12
On January 12th, celebrate the release of Joe Lovano's new Blue Note Recording, "Bird Songs" with a live webcast from the Village Va...
inserito il 09/12/2010  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 3761
Joe Lovano - Bird Songs
Joe Lovano's new Blue Note recording, "Bird Songs," an exploration of the music of Charlie Parker featuring Us Five, drops January 1...
inserito il 09/12/2010  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 4272
Enrico Rava Quintet Standards "Scrapple From The Apple" - Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in Scrapple From The Apple (C. Parker) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnrico R...
inserito il 04/12/2010  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 3582
DARY -GRASSO Quintet "Sunday"
Nicolas DARY:tenor saxLuigi GRASSO:alto saxPasquale GRASSO: guitarMathias ALLAMANE:bassPhilippe SOIRAT:drumsLive Caveau de la Huchette 21/02/2010...
inserito il 16/03/2010  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2898
Anthropology - Dizzie GIllespie / Charlie Parker - Davide Benecchi & The Jazz Masters
Davide Benecchi has achieved the diploma in "Mastering Jazz Guitar", a course held by Bebo Ferra at Accademia del Suono., "The Jazz Mas...
inserito il 04/10/2009  da accademiadelsuono - visualizzazioni: 3689
Bill Evans Trio Time Remembered The Jazz Set 71
...
inserito il 19/04/2009  da Drjisra - visualizzazioni: 2628
Musica d'insieme di Kurt Rosenwinkel 2
Kurt Rosenwinkel con il gruppo di musica d'insieme del corso In.Ja.M....
inserito il 16/01/2009  da SIENAJAZZfondazione - visualizzazioni: 3305
Charlie Parker and Coleman Hawkins, Lester Young, et al 1950) - 1 of 2
This is one of two surviving sound films of Charlie Parker playing (and certainly the longest; the other is only 52 seconds long). Until recently, thi...
inserito il 14/12/2008  da kenjames64 - visualizzazioni: 2449
Bird, Bean, and Prez, et al (1950) - 2 of 2
Personnel:1. Ad Lib: Hank Jones (p), Ray Brown (b), Buddy Rich (d)2. Pennies From Heaven (unrecognizable): Bill Harris (tb), Lester Young (ts), Jones ...
inserito il 14/12/2008  da kenjames64 - visualizzazioni: 3630
Stan Getz: Out Of Nowhere
Stan Getz leads his quartet into somewhere else. Recorded in Dusseldorf, March 28, 1960 with Jan Johansson (piano), Ray Brown (bass) and Ed Thigpen (d...
inserito il 22/11/2008  da pixaninny - visualizzazioni: 3300
Charlie Parker - All the things you are
Charles "Bird" Parker, Jr. (1920.08.29.-1955.03.12.) All The Things You Are...
inserito il 25/06/2008  da antonnio200 - visualizzazioni: 2656
Dizzy Gillespie Ornithology
Ray Sneed Tap Dancing...
inserito il 24/05/2008  da ColJimQ - visualizzazioni: 1669
Charlie Parker - "My old flame"
Charlie Parker (alto sax), Miles Davis (tromp.), Duke Jordan (piano), Tommy Potter (g), Max Roach (drums)...
inserito il 29/02/2008  da caoamarelo - visualizzazioni: 2961
Charlie Parker - "Groovin' High"
Charlie Parker (alt. sax),, Herbie Williams (tromp.), Rollins Griffith (Piano), Jimmy Woode (bass), Marquis Foster (drums), Dec. 1953...
inserito il 29/02/2008  da caoamarelo - visualizzazioni: 2756
Charlie Parker - "Moose the Mooche"
Charlie Parker (alt. sax), , Red Garland (piano), Billy Griggs (bass), Roy Haynes (drums), Live at Storyville Club, 10th March, 1953...
inserito il 29/02/2008  da caoamarelo - visualizzazioni: 2992
Bireli lagrene - donna lee - ( charlie parker)
bireli tocando en en jazz vienne festival, el tema de charlie parker donna lee, con gipsy project....
inserito il 16/01/2008  da alejandrojazzmetal - visualizzazioni: 3150
Charlie Parker - Summertime (Jazz Instrumental)
Muy buena pieza...Summertime y el gran maestro Charlie Parker...que la disfruten...
inserito il 27/10/2007  da seann588 - visualizzazioni: 3181
Charlie Parker Sessions
Charlie Parker Sessions....
inserito il 06/02/2007  da servitecafe - visualizzazioni: 2147
Charlie Parker-Coleman Hawkins: Ballade
Norman Granz: Presents,Improvisation 1950...
inserito il 06/02/2007  da razalatinaPeru - visualizzazioni: 2252
The Death of Charlie Parker
Charlie Parker's death in 1955 was one of jazz's great tragedy's....
inserito il 06/11/2006  da flydguzmon - visualizzazioni: 2439
Oscar Peterson Trio Live at Newport
Ray Brown + Ed Thigpen...
inserito il 21/07/2006  da jazzclassic - visualizzazioni: 2087


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 4.390 volte
Data pubblicazione: 06/03/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti