Jazzitalia - Stefano Clemente: Desiderata
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Riparte il San Severo Winter Jazz Festival. Annunciata la XI^ Edizione 2020/21 a cura del direttore artistico Antonio Tarantino.

Il Saint Louis College Of Music presenta Master di I Livello in Music Business & Management (60 CFA).

Arduino Jazz 2020. Al Parco Archeologico dell'Appia Antica il grande jazz tra nomi internazionali e sperimentazione con la rassegna ‘Dal Tramonto all'Appia: Around Jazz'.

Corso in Rebranding e Self-Promotion nel Music Business. A cura di Fiorenza Gherardi De Candei e Alceste Ayroldi.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            GADDI Piero (pianoforte)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Stefano Clemente
Desiderata



dodicilune (2011)

1. How Deep is the Ocean
2. Stella By Starlight
3. Desiderata
4. All or Nothing at All
5. BBBlues
6. Soul Eyes
7. Sphere
8. Speak No Evil
9. My Romance

Stefano Clemente - chitarra
Dario Di Lecce - contrabbasso
Fabio Delle Foglie - batteria
Renato D'Aiello - saxophone



Via Ferecide Siro 1/e
73100 LECCE
Tel. +39 0832.091231 - 0832.092478
Fax +39 0832.1831054
email: ufficiostampa@dodicilune.it
web: www.dodicilune.it


Per Dodicilune Dischi ecco "Desiderata", opera prima del chitarrista barese Stefano Clemente, che conferma l'ottimo stato di salute di cui gode in questi tempi il jazz nostrano. Clemente, che ha già all'attivo esperienze con mostri sacri del calibro di Avishai Cohen e Chris Potter, e qui sapientemente accompagnato da Dario Di Lecce al double bass e Fabio Delle Foglie alla batteria, alterna con gusto standard immortali come "Stella By Starligh"t o "Speak No Evil" e composizioni proprie quali "BBBlues" e "Sphere", ottenendo una tracklist che intriga e invoglia all'ascolto. Il disco si apre con un'intensa interpretazione di "How Deep is The Ocean", che ruota vorticosamente attorno ai chords carichi di tensione di Clemente, che guida letteralmente il discorso musicale (perfettamente supportato dai suoi compagni di viaggio, in special modo dal drumming dinamico e vivace dell'ottimo Fabio Delle Foglie). L'atmosfera è appena più pacata, (ma non per questo meno efficace) in "Stella By Starlight", dove l'elegante fraseggio di Clemente (che per quanto già maturo e personale non può non riportare alla mente alcuni passaggi scofieldiani) permette al trio di cambiare lentamente ma costantemente il mood del brano, tenendo sempre viva l'attenzione dell'ascoltatore. La formazione da trio diventa quartetto in "Desiderata", composizione che da il nome all'intero album e che gira attorno al dialogo tra il caldo e voluttuoso sax tenore di Renato D'Aiello (pregevole il suo apporto al sound generale del disco) e la chitarra di Clemente, qui estremamente abile nello sfumare il proprio suono, nel nascondersi, nel sussurrare sensazioni lontane per lasciar spazio al sax, mentre sullo sfondo Delle Foglie e Di Lecce tessono le trame della loro efficace tela ritmica. "Desiderata" culla l'ascoltatore, onda sonora in un mare armonico ora quieto e rassicurante (è il caso di Soul Eyes), ora teso e intrigante, come nella riuscita riproposizione del classico di Wayne Shorter. Il viaggio arriva alla fine con "My Romance", dove il sax di D'Aiello tocca corde interiori, sopite, in un brano che non può non far pensare all'amore.

E se nulla può essere detto riguardo a come "Desiderata" rappresenti per l'appunto l'amore (come afferma nelle note di copertina lo stesso Clemente), di certo è possibile asserire che rappresenta un riuscito esempio di buona musica.

Marco Sagliano per JazzItalia







Articoli correlati:
15/03/2015

Quattro chiacchiere con...Maurizio Patarino e Stefania Lonero: "...brani come "Maruzzella" e "Amaramente" non hanno nulla da invidiare alle ballads americane e lo swing che pervade "Tu vuo' fa l'americano" ne fa un monumento della musica jazz made in Italy." (Alceste Ayroldi)

17/11/2014

Epoca (Onofrio Paciulli)- Alceste Ayroldi

02/02/2013

Broadway (Di Leone, Macchia, Di Lecce)- Francesco Favano

14/01/2013

In Between (Eugenio Macchia)- Vincenzo Fugaldi

03/12/2011

Treni A Vapore (Max Monno)- Pierfrancesco Falbo

27/11/2010

Kenny Barron, uno dei tanti fenomeni della grande rassegna di Todd Barkan, ha fatto il pieno al Dizzy's Club di New York: musica intensa, trascinante ed eccitante. Per l'After Hours, si esibisce il pianista italiano Eugenio Macchia con il suo trio: una nuova possibilità per il Songbook Americano: i brani sono stati eseguiti con una intensità mozzafiato, in perfetto tono e senza orpelli. (Roberta E. Zlokower)

23/10/2010

Com os Violoes (Francesca Leone)- Alessandro Carabelli

23/04/2010

Il Mio Giardino (Toni Melillo)- Rosanna Perrone







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 2.179 volte
Data pubblicazione: 16/01/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti