Jazzitalia - Nobu Stowe: Confusion Bleue
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ottava edizione del Torino Jazz Festival, un omaggio al jazz in tutte le sue declinazioni espressive. In cartellone, insieme ai grandi nomi internazionali, artisti di ricerca ed eccellenze del territorio. .

Grace DB lancia "Donna 3.0": Il suo primo album d'esordio parla del ruolo della donna nella società contemporanea, di scelte personali ed equilibri che si trasformano.

New Echoes. Rassegna di Nuova Musica Svizzera a Venezia (4a edizione) con realtà musicali che si muovono attorno ai linguaggi contemporanei del jazz, della ricerca multidisciplinare, dell'indie-rock e dell'elettronica..

Prospettive Sonore a Foggia: 5 eventi di Jazz Crossover, progetti inediti e di ricerca con, tra gli altri, Roberto Ottaviano, Tom Kirkpatrick e Brian Charette..

Addio a Giorgia Mileto, Con grande dolore apprendiamo della scomparsa della responsabile ufficio stampa del Saint Louis College of Music di Roma e di vari festival internazionali della capitale. .

Vic Juris, chitarrista jazz, noto soprattutto per il suo importante ruolo nella band di Dave Liebman, è mancato il 31 dicembre 2019. Era ricoverato al St. Barnabas Medical Center di Livingston, New Jersey..

Musica, poesia, racconti e tanto altro per la V Edizione di Case Ospitanti a Matera, una suggestiva iniziativa che riempie la città di cultura e di conviviale stare insieme..

E' morto Mario Guidi, uno dei più illuminati manager del mondo del jazz, padre del pianista Giovanni e titolare della MGM Produzioni Musicali, agenzia tra le migliori e serie a livello internazionale.

Bergamo Jazz: Maria Pia De Vito firma l'edizione del 2020 con un cartellone che rende la manifestazione tra le migliori per respiro e profondità a livello europeo.

Pianisti di altri mondi, 7 + 1 concerti dal jazz alle sonorità contemporanee. Tornano a Milano i concerti delle domeniche mattina in una rassegna ideata da Gianni Morelenbaum Gualberto in collaborazione con la Società del Quartetto di Milano e il Teatro Franco Parenti.

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Umbria Jazz Winter 2019: Cinque giorni di musica da mezzogiorno alle ore piccole, novanta eventi, sette location nel centro storico di Orvieto, trenta band, più di centocinquanta musicisti, una rappresentanza di altissimo livello del jazz italiano. .

Songwriting Camp. Il Saint Louis sostiene le idee di giovani artisti, musicisti e cantautori con un corso gratuito e a numero chiuso realizzato con il sostegno del MiBAC e di SIAE, nell'ambito del programma "Per Chi Crea"..

Sotto le stelle del Gianicolo, prosegue la terza edizione del Festival "GIANICOLO IN MUSICA 2019 con grandi protagonisti del Jazz.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            THE JIM DANDIES (gruppo)
Nobu Stowe
Confusion Bleue



Soul note 2010

1. Introduction
2. Premier Mouvement
3. Intermede I
4. Deuxieme Mouvement
5. Intermede II
6. Blue In Green
7. Troisieme Mouvement
8. Intermede III
9. Quatrieme Mouvement
10. Epilogue:Dans La Confusion Bleue

Nobu Stowe - grand piano, Wurlitzer electric piano, glockenspiel, nanbu-tetsu bell
Lee Pembleton - sound
Ross Bonadonna - electric guitar, acoustic guitar, alto saxophone
Tyler Goodwin - 5-string,double-bass
Ray Sage - Drums & percussion



IREC S.r.l.
Home of The Unique Jazz Labels.... BLACK SAINT, SOUL NOTE & DDQ
Via Monte Grappa, 44 - 20020 ARESE (MI) - Italy
tel. ++ 39 02 36541814 fax ++ 39 02 91971506
e-mail: soulnote@blacksaint.com
web: http://www.blacksaint.com
 


"Total improvisations": è questo il contenuto dichiarato già nel titolo del cd. Nobu Stowe esprime chiaramente il suo intendimento. Vuole proporre una musica che raccolga tanti elementi diversi, ma amalgamati in un discorso unico, omnicomprensivo. E' un procedimento che lo avvicina alla "Instant composer's pool" di Misha MengElberg, ma anche all'estetica di Wayne Shorter e del suo ultimo quartetto o al recente progetto di Enrico Rava: "Tribe". Shorter e Rava lavorano, infatti, in maniera tutto sommato similare. Non prendono accordi in precedenza con i partners, ma fanno riferimento a un repertorio o a cliché comuni da rielaborare ogni volta in modo differente. Il pianista giapponese, però, è più integralista: non prevede punti di contatto o stazioni intermedie in anticipo. Estremizza l'assunto, lasciando libero il flusso della composizione spontanea da parte dei suoi musicisti, che diventano in tal modo attori e autori, tanto che i vari segmenti del disco sono tutti a firma collettiva, tranne un pezzo. "Non si tratta, però, di una vera "free improvisation", in cui vengono privilegiate l'atonalità e l'aritmia" come dichiara in un'intervista a "All About Jazz" lo stesso leader. Qui abbiamo la ripresa e la contaminazione di materiali legati alla storia del jazz, ma pure al rock progressivo degli anni settanta, filtrati attraverso una sensibilità assolutamente contemporanea e presentati "all'impronta", come vengono fuori di getto. Buona la prima, insomma. In questo modo Nobu Stowe sa cogliere l'essenza medesima del jazz: una musica che muove sempre da esperienze pregresse individuali e comuni per arrivare ad una sintesi ad un livello più avanzato, oltre le premesse, gli stili da cui ha preso spunto, attraverso la pratica dell'improvvisazione. Il disco, pur essendo molto omogeneo, spiazza l'ascoltatore per una serie di passaggi o di "scollegamenti" fra un brano e l'altro che percorrono strade divergenti, con una facilità di trasferimento da un clima sonoro ad un altro veramente mirabile.

Nobu Stowe suona in modo aggraziato con un approccio neoromantico il pianoforte in certi momenti, oppure lo percuote con veeemenza quando la situazione lo richiede. E' capace di punteggiare i suoi interventi con un numero limitato di note ben scandite o di lanciarsi in articolate o volutamente disarticolate scorribande sulla tastiera. Fa pensare alternativamente ad un torrente in piena o ad un fiume che transita calmo in un letto ampio sul fondovalle.

Ross Bonadonna suona il sax alto secondo i dettami dell'avanguardia afro-americana, producendo un ambiente sonoro particolarmente teso. Con la chitarra, invece, sottolinea l'anima contemporanea, urbana dei vari brani per mezzo di un eloquio essenziale ed un uso funzionale del distorsore.

Basso e batteria sono particolarmente svincolati da obblighi di sorta. Possono accompagnare gli strumenti armonici o lavorare in parallelo da solisti. Tyler Goodwin e Ray Sage si adeguano al compito con perizia e sagacia. A questo punto il band leader dispone di tutta una serie di possibilità, di scelte percorribili e le sfrutta al meglio con una direzione apparentemente blanda. In realtà il tastierista è ben consapevole e determinato rispetto al risultato finale, al suono complessivo che vuole costruire. E riesce perfettamente a raggiungere il suo obiettivo.

I brani migliori del disco sono "Premier mouvement" per le parti tonali e atonali che contiene, il piano percussivo o romantico, il basso archettato in bella evidenza e la chitarra distorta ad aggiungere colori cupi. "Blue In Green" è realizzato in maniera eterodossa, pur conservando la struttura portante dello stesso "standard" e rispettandone, tutto sommato, lo spirito originario.
"Confusion bleue" offre una lusinghiera conferma per quanti già conoscono Nobu Stowe. Per tutti gli altri può costituire, invece, una graditissima scoperta.

Gianni B.Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
24/04/2010

Current Views (Roberto Magris & The Europlane Orchestra)- Alessandro Carabelli

14/09/2008

R-Evolution Suite (Giovanni Falzone Contemporary Orchestra)

09/12/2006

Isis (Enrico Pieranunzi feat. Art Farmer)

07/10/2006

Il bello del Jazz (Roberto Magris Europlane)

17/09/2006

Repetition (Clifford Jordan Quartet)

12/09/2006

Soulscape (Five for Jazz)

06/09/2006

Gaslini plays Sun Ra (Giorgio Gaslini)

02/09/2006

Manhattan (Art Farmer Quintet)

11/04/2006

The Magic Circle (Mirko Signorile Synerjazz Trio)

13/01/2006

A strange day (Carla Marciano 4tet)

11/05/2005

Nevermore (Cecilia Finotti)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.805 volte
Data pubblicazione: 06/01/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti