Jazzitalia - Dinamitri Jazz Folclore & Sadiq Bey: Congo Evidence
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Caligola - #2076
Dinamitri Jazz Folclore & Sadiq Bey
Congo Evidence


1. Congo Evidence
2. Boogie Stop Shuffle
3. Concentrazione
4. Her Short Way'n
5. Rhythmic Chance
6. O
7. Dim Laden
8. Pee Wee's Dream

Dimitri Grechi Espinoza - sax alto
Emanuele Parrini - violino
Mirco Mariottini - clarinetti
Mirco Rubegni - tromba
Beppe Scardino - sax baritono
Gabrio Baldacci - chitarra elettrica
Pee Wee Durante - organo Hammond, tastiere
Andrea Melani - batteria
Simone Padovani - percussioni
Sadiq Bey - voce, poesie


Il secondo disco del Dinamitri Jazz Folclore, un nonetto ben affiatato, ospita in 3 degli 8 brani (tempo totale 43 minuti e 26 secondi) il poeta e rapper afroamericano Sadiq Bey, che ha scritto i testi dell'Otello di Uri Caine, andato in scena in anteprima mondiale alla Biennale Musica di Venezia nel 2003. 5 degli 8 brani sono composti dal leader Dimitri Grechi Espinoza, sassofonista contralto, uno dal tastierista Peewee Durante, mentre gli altri due sono "Congo Evidence" di Duke Ellington e Thelonious Monk e Boogie Stop Shuffle di Charlie Mingus.



L' intenzione del gruppo è infatti quella di esplorare il linguaggio jazzistico dal suo interno, in un viaggio a ritroso: dalla modernità di Ornette Coleman ed Eric Dolphy, al jazz modale del primo John Coltrane; dalla complessità ritmico – armonica del bebop, alle polifonie dello stile New Orleans; dal retaggio del blues rurale all'Africa. In questo caso il gruppo si sofferma sulla scrittura mingusiana, riproponendo con molto rispetto il veloce ed aggressivo 4/4, mentre unisce in una medley, arricchita dal testo recitato di Sadiq Bey, due grandi figure del passato creando, grazie anche a suoni molto bassi dei tamburi, percossi con le bacchette con la punta di feltro, un'atmosfera misteriosa, quasi a riprendere una celebre composizione del "genius of modern music".

Altrettanto interessanti i pezzi originali, a cominciare da quelli in cui spicca la voce di Bey: Concentrazione, un semplice giro di chitarra ripetuto ad libitum, sottolineato da un tempo ostinatamente e ordinatamente mantenuto dalla batteria, arricchita da interventi discreti degli altri strumenti – violino, fiati, percussioni – e riscaldata dal suono dell'Hammond e Dim Laden, una veloce melodia arabeggiante risolta in un funky moderato che fa da base ad una recitazione, crescente per intensità. Her Short Way'n è invece, ipotizziamo, un sentito omaggio del leader alla scrittura di Wayne Shorter – il titolo è quasi un anagramma del nome – che accenna ad alcuni temi del sassofonista americano in una struttura simile ai brani dello splendido periodo Blue Note.

Una ossessiva bossanova funkeggiante, inserisce invece O, brano ad ampio respiro, che risulta il più lungo del disco. Da sottolineare come i molti e diversi strumenti riescano a coesistere in un preciso equilibrio. Merito, riteniamo, della direzione del leader e della capacità di ognuno degli altri musicisti, che avviciniamo in un comune elogio: Emanuele Parrini al violino; Andrea Melani alla batteria; Simone Padovani alle percussioni; Gabrio Baldacci alla chitarra elettrica; Mirco Mariottini ai clarinetti; Beppe Scardino al sax baritono e Mirco Rubegni alla tromba. Last, but not least, Peewee Durante, che inserisce gradevolmente in quasi tutti i brani il suono dell' Hammond ed è anche autore dell'ultima traccia, Pee Wee's Dream, oniricamente ossessiva e densa di suoni liquidi. Come si può notare, nel nonetto manca il basso (elettrico od acustico), ma non se ne avverte l'assenza, anche perchè la tastiera o la chitarra ne svolgono a volte il ruolo con un semplice pedale.
Giovanni Greto per Jazzitalia







Articoli correlati:
27/05/2018

Exwide - Live (Dinamitri Jazz Folklore)- Lavinia Testi

05/01/2015

Il giro d'Italia a bordo di un disco - Claudio Donà, Caligola Records: "E' cresciuto di molto il livello tecnico esecutivo delle incisioni, ma sono drasticamente venute meno le urgenze e necessità espressive, la voglia di rischiare, di faticare..." (Alceste Ayroldi)

08/06/2014

Young Jazz Festival 14: "Dieci anni di Young Jazz a Foligno, celebrati con un'edizione densa di appuntamenti, che ha puntato a valorizzare il centro storico della cittadina umbra con una serie di momenti musicali di notevole spessore." (Vincenzo Fugaldi)

25/05/2014

Suoni, Parole, Ritmi del mondo - V Edizione: "...quattro appuntamenti dignitosissimi, malgrado l'attuale periodo di crisi generalizzata, collegati dall'idea dell'omaggio a personaggi che hanno fatto la storia della musica afroamericana." (G. Montano - A. Gaggero)

30/03/2014

Quattro chiacchiere con...Tito Mangialajo Rantzer: "Nell'album "Dal basso in alto" Mangialajo Rantzer riesce a tirare fuori un sound così corposo che appare orchestrale." (Alceste Ayroldi)

08/09/2013

Slight Imperfection (Paolo Botti Quartet with Betty Gilmore)- Marco Buttafuoco

17/06/2013

La Società Delle Maschere (Dinamitri Jazz Folklore)- Gianni Montano

17/03/2012

When We Forgot The Melody (Dimitri Grechi Espinoza, Tito Mngialajo Rantzer)- Gianni Montano

27/11/2010

Large (Silvia Bolognesi Open Combo)- Vincenzo Fugaldi

31/07/2010

Progetto Macchiaioli (Quintetto di Livorno) - Cinzia Guidetti

13/02/2010

Are U Standard? (Minardi - Grechi Espinoza - Pintori - Mangialajo Rantzer - Spina)- Rossella Del Grande

27/12/2006

Artistic Alternative Music (Dimitri Grechi Espinoza)

18/01/2006

Rosso Fiorentino (Alessandro Fabbri)

03/09/2005

Two days in New York (Marco Tamburini)

05/09/2003

Folklore in black (Dinamitri Jazz Folklore avec Tony Scott)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 3.776 volte
Data pubblicazione: 05/01/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti