Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Dreyfus Jazz FDM 36617-2

Michael & Toni Petrucciani
Conversation

1 – Summertime
2 - Sometime Ago
3- All the things you are
4 – My funny Valentine
5 – Nuages
6 – Nardis
7 – Michel’s blues
8 – Someday my price will come
9 – Billie’s bounce
10 – Satin doll

Michel Petrucciani -
piano
Toni Petrucciani -
chitarra

 

Michel Petrucciani è stato uno dei più grandi pianisti (europei), nella storia del jazz, nato a Orange in Francia il 28 dicembre 1962 era dotato di una grande tecnica pianistica e di un sound accattivante. Purtroppo era anche tristemente conosciuto per la sua malattia ossea, la Osteogenesis Imperfecta, meglio nota come "Ossa di Vetro", che fin dalla nascita gli ha portato non pochi problemi fisici, fino alla morte nel Gennaio 1999 a New York.

Conversation, disco registrato dal vivo il 10 Novembre 1992 presso la Maison de la Danse a Lione (Francia), contiene un'ora e poco più di grande musica eseguita insieme al padre, il chitarrista Tony Petrucciani.

Il concerto inizia con la famosissima Summertime di George Gershwin: dopo l'esposizione del tema da parte della chitarra inizia il "solo" di Michel ingegnosamente ben strutturato. Già dall'inizio possiamo avvertire la sua aggressività nel percuotere i tasti del pianoforte. Il secondo brano è Sometime Ago, una composizione di grande bellezza in 3/4 di Sergio Mihanovach.

La registrazione prosegue con l'eterno standard All the things you are. Anche qui, dopo l'esposizione del tema, Petrucciani esegue un gran bel "solo" in cui va notato l'intreccio ritmico che si crea tra la mano sinistra che esegue i voicing e la mano destra che esegue le note dell'improvvisazione.

Il tempo di apprezzare questa esecuzione per ascoltare già le note di My Funny Valentine, che nella reinterpretazione di Michel è quasi irriconoscibile. In questo pezzo si possono realmente esaltare le grandi doti di questo pianista nel reinventare il tema sull'armonia del brano, quasi a riscriverlo, ma senza mai allontanarsi troppo da quello che è il tema originale.

La quinta traccia del disco è Nuages, di Django Reinhardt, interpretato questa volta da Tony Petrucciani, il quale con successo riesce a rievocare il modo di suonare di Django.

Dopo Nardis, di Miles Davis e Michel's Blues troviamo Someday My Price Will Come, indimenticabile canzone Disneyana. La chitarra esegue il tema a cui subentra il piano di Michel il quale si produce in un solo notevole, strutturato a block chords, quasi come uno special eseguito da una sezione di fiati, stilisticamente molto vicino alle sonorità di Bill Evans.

Il penultimo brano è Billie's Bounce di Charlie Parker, il tema in chara atmosfera be bop si svolge all'unisono piano-chitarra. Da notare qui, come del resto in gran parte dell'album, l'agilità di esecuzione del walking bass al piano senza tradire mai alcuna indecisione, dando sempre il senso dello swing, quasi come se ci fosse il sostegno reale di un contrabbasso.

La chiusura del concerto è affidata a Satin Doll, di Duke Ellington. Lo swing è formidabile e nel "solo", si avverte il respiro tra una frase e l'altra, come se Michel cercasse, in quest'ultima performace del live, di frenare la sua impulsività e aggressività mostrata sin dall'inizio.

Conversation è un disco da avere nella propria audioteca, non perché come alcuni cd noti, abbia segnato un certo cambiamento nel modo di pensare, di suonare il jazz, o di rivoluzionarlo con uno stile nuovo, ma per ciò che può insegnare un suo ascolto ben accurato. Il fatto di eseguire degli standard in duo non è cosa nuova, ma in questo disco è chiaro come nel jazz due strumenti di questo tipo possano dialogare.

Ascoltando attentamente le soluzioni adottate da Michel e Tony Petrucciani nel momento in cui si alternano all'accompagnamento, si può notare come essi tendono a creare un "tappeto" musicale ben definito e non lasciato al caso, senza il quale il brano cadrebbe nella banalità. L'interplay tra i due è fenomenale e i cambi tra l'accompagnamento e i "solo" si succedono in maniera spontanea.

Non credo ci siano molte parole per esaltare le capacità di quel grande pianista quale era Michel Petrucciani, la cui espressione artistica ha confermato i valori espressi dall'ottimo maestro, suo padre.
Paolo Meinardi per Jazzitalia






Articoli correlati:
09/06/2018

Beat Onto Jazz Festival 2018: Anteprima del noto festival pugliese: presentazione del libro "Puglia, le età del jazz" di Ugo Sbisà e, a seguire, tributo a Michel Petrucciani con Nico Marziliano

15/08/2016

Tienimi dentro te (Paolo Di Sabatino)- Alceste Ayroldi

31/03/2014

Flashback (Michel And Louis Petrucciani)- Alceste Ayroldi

11/12/2013

Jim Hall (1930 - 2013): "Listening is still the key" - Jim Hall

20/04/2009

Petrucciani/NHOP (Michel Petrucciani & Niels-Henning Ørsted Pedersen )

24/11/2008

A French Man in New York (Kekko Fornarelli)

15/09/2007

The Complete Concert In Germany (Michel Petrucciani)

27/05/2007

Gillespie, Blakey, Baker, Petrucciani, Rollins...le jazz pictures di Paolo Ferraresi

12/04/2007

"Corpi Liberi in Concerto, teatro e danza su ritmi jazz". In un'anteprima tenutasi per la stampa, un progetto in cui la musica di Bollani, Jarrett, Marcotulli, Mehldau e Petrucciani anima una "inusuale piece di teatro e danza". (Alceste Ayroldi)

29/11/2006

LEZIONI (Trascrizioni): "Home", lirismo, virtuosismo, tecnica e cuore in questo solo di Michel Petrucciani (Marcello Zappatore)

12/08/2006

LEZIONI (Trascrizioni): "Miles Davis' Licks", da "Playground": il groove, il mood e la fantasia di Michel Petrucciani. (Gabriele Zanchini)

27/06/2006

LEZIONI (Trascrizioni): "C-Jam Blues", da "Promenade with Duke": funambolico e poetico al tempo stesso come solo Michel Petrucciani sa essere. (Davide Falcone)

28/03/2004

So What - Best of (Michel Petrucciani)

31/12/2002

Niccolina al mare (Stefano Cocco Cantini)

29/09/2002

Michel Petrucciani ricordato da Stefano "Cocco" Cantini: "...Il suo era sempre un dare, dare tutto in ogni pezzo. Se il pubblico era un po' freddo o applaudiva un po' meno lui si chiedeva perchè.".

14/10/2001

Pianism (Michel Petrucciani)





Video:
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 1
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 4370
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 2
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 3474
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 3
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 3372
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 4
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 3339
Caravan - MICHEL PETRUCCIANI solo live
Michel Petrucciani live in Stuttgart, 1993 - fantastic Jazz Piano...
inserito il 15/01/2009  da boogieonlineat - visualizzazioni: 3637
Charles Lloyd - Tone Poem
Charles Lloyd - Tone Poem - with Charles Lloyd (tenor sax), Michel Petrucciani (piano), Cecil McBee (bass), Jack DeJohnette (drums)....
inserito il 11/05/2008  da footcheck - visualizzazioni: 3421
KIRK LIGHTSEY trio - Mal Waldron / Archie Shepp jazz club
Associative jazz club created and run by Richard Bréchet. The greatest jazzmen meet there since 25 years: Mal Waldron Oliver Johnson Glenn Ferris...
inserito il 13/03/2008  da chindetbrechet - visualizzazioni: 3439


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 14.191 volte
Data pubblicazione: 06/01/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti