Jazzitalia - Recensioni - Filippo Cosentino: Tre
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

E' morto Jimmy Cobb.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Aldo Bassi, trombettista, direttore d'orchestra, insegnante e leader di varie band, è venuto a mancare a Latina..

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Addio a Giorgia Mileto, Con grande dolore apprendiamo della scomparsa della responsabile ufficio stampa del Saint Louis College of Music di Roma e di vari festival internazionali della capitale. .

Vic Juris, chitarrista jazz, noto soprattutto per il suo importante ruolo nella band di Dave Liebman, è mancato il 31 dicembre 2019. Era ricoverato al St. Barnabas Medical Center di Livingston, New Jersey..

E' morto Mario Guidi, uno dei più illuminati manager del mondo del jazz, padre del pianista Giovanni e titolare della MGM Produzioni Musicali, agenzia tra le migliori e serie a livello internazionale.

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Filippo Cosentino
Tre



milk Records (2016)

1. Erythros
2. Quiet Song
3. Family
4. Migranti
5. The Path
6. East Of The Stars
7. Blues For P
8. Impro#1

Filippo Cosentino - chitarra baritona


E' vero, ci vuole coraggio nel confrontarsi in solitudine con uno strumento, seppur lo si possa padroneggiare con sicurezza. Ma, oltre a una buona dose di coraggio, ci vuole una perfetta padronanza sia del medium che della musica; ed è necessario anche un altro ingrediente: l'amore per entrambi, strumento e note, perché altrimenti diventa solo e unicamente un esercizio di stile.

Filippo Cosentino è riuscito a gettare nell'angolo quest'ultima evenienza, sarà anche per il fatto che tutti i brani in scaletta sono da lui firmati. Ed è riuscito a conferire un suono caldo, adamantino, umano alle corde pennellate con tatto e maestria, decorando le composizioni con cadenze argentee. Il paesaggio sonoro compositivo del musicista albese è frutto del suo vissuto artistico: l'italica melodia si affaccia con prepotente frequenza, così come la metrica mitteleuropea tra pause, silenzi e stimolanti ripartenze ("Erythros", "Quite Song", "East Of The Stars"). Declina il vocabolario del melting pot tra le tracce di storia del songwriting e le romanze della fusion, con nuances di classicismo barocco: così in "Family"; e anche intinti nei caldi suoni mediterranei ("Migranti"). Cosentino ha una indubbia capacità narrativa, e la sua chitarra riesce a declamare a voce alta poemi d'altri tempi, storie senza tempo ("The Path"). E anche il blues trova nuove sorgenti, tra arpeggi spezzati, un ritmo sempre presente mai pressante ("Blues For P").

Alceste Ayroldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
26/04/2020

Baritune (Filippo Cosentino)- Marco Losavio

26/12/2018

Andromeda (Filippo Cosentino)- Gianni Montano

11/08/2018

Intervista a Filippo Cosentino: "I miei brani sono pensati come una storia, un racconto e sarebbe interessante e ne sarei felice se ci fosse occasione di mettere delle parole sopra la mia musica." (Marco Losavio)

30/01/2016

Intervista a Filippo Cosentino: "...non perseguo il virtuosismo fine a sè stesso, che dal mio punto di vista non gratifica nè il musicista nè chi l'ascolta." (Nina Molica Franco)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 859 volte
Data pubblicazione: 07/01/2017

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti