Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Splasc(h) Records, 2002 – CDH 742.2

Arundo Donax
Dancers in Love

1.Dancers in Love (Duke Ellington) Arr. P. Tonolo
2.Meditation (Duke Ellington) Arr. M. Raja
3.The Mooche (Duke Ellington/Irving Mills) Arr. M. Raja
4.Ein Bokek (Rossano Emili)
5.UMMG Variations (Pietro Tonolo)
6.Wall Street Wail (Duke Ellington) Arr. M. Raja
7.Dido Four (Mario Raja)
8.Sonnet for Caesar (Duke Ellington/Billy Strayhorn)
9.After the Kiss (Pasquale Laino)
10. T.G.T.T. (Duke Ellington) Arr. Mario Raja
11. Your Brown Eyes are Blue (Marvi La Spina)
12.The Star Crossed Lovers (Duke Ellington/Billy Strayhorn)

Pasquale Laino sax soprano
Pietro Tonolo
sax alto
Mario Raja
sax tenore
Rossano Emili
sax baritono

 

Un lavoro che spicca nell'ambito dell'attuale panorama jazz per l'originalità dell'idea, lontano dagli ermetismi di certe orchestre pur eminenti ma di difficile fruibilità, innovativo ed allo stesso tempo ben piantato nella profonda conoscenza della tradizione. Proprio per questo, ancorché una recensione, si vuole in questa sede proporre un invito all'ascolto per questo cd.

Terza uscita per questo gruppo – il quale, attivo dal 1983, trae il proprio nome dalla denominazione scientifica della canna con cui sono fabbricate le ance dei sax, – questo Dancers in Love possiede infatti tutti i requisiti per un piacevole ascolto: quattro jazzisti di ottima formazione, eccellente livello tecnico e navigata esperienza alle spalle, tutti anche compositori, i quali, avvalendosi di brani di propria fattura ovvero tratti dal repertorio jazz ellingtoniano, li interpretano adattandoli a quella che figura essere la particolarità della loro formazione. Tutti sono infatti sassofonisti, Mario Raja al sax tenore, Pasquale Laino al sax soprano, Pietro Tonolo al sax alto e Rossano Emili al sax baritono, ed in tal modo danno origine ad un universo parallelo dove il jazz si fonda con la qualità del concept e la pregevole esecuzione, per quello che potrebbe essere definito "jazz da camera".

Gli stessi componenti pongono l'accento più sul versante classico della loro musica, sorta di digressione rispetto a ciò di cui, normalmente, ciascuno di essi si occupa: Tonolo è tenorista di fama internazionale, spesso chiamato a latere di veterani quali Joe Chambers o, di recente, Miroslav Vitous, Mario Raja, già membro dell'Orchestra RAI, oggi è autorevolmente alla testa di una propria band, la Big Bang e co-autore di vari progetti musicali, Laino suona a fianco del cantautore Mango ed Emili presta la voce del proprio baritono a If Six Was Nine e ad altre band di rilievo.

Molto gustosi gli arrangiamenti di Raja e Tonolo, che con grande sensibilità e notevole visione armonica, riescono a rendere il carattere ora spiritoso e swingato di Dancers in Love, condito da schiocco di dita, o il mood romantico di Meditation, o l'impulso languido di The Mooche o ancora lo scanzonato stride anni '20 in Wall Streeet Wail con sopranino di Tonolo, per citare solo alcuni dei brani del Duca inseriti in sequenza. Ma anche nelle composizioni originali, per par conditio una per membro, il singolare e brillante quartetto suona bene le sue note, non lasciandosi andare ad avanguardistiche tentazioni free che la sua natura pure ammetterebbe, per restare invece in una calma atmosfera di accattivante e fresca cantabilità in Dido Four, di Raja, rispettando l'ideale filo conduttore di tutto l'album anche nei brani con maggiore tensione emotiva come Ein Bokek, di Emili, o nei pezzi con più spiccato approccio orchestrale come nelle preziose combinazioni timbrico-dinamiche di After the Kiss, di Laino, o nello stile squisitamente contrappuntistico che le quattro differenti voci riescono a creare in UMMG Variations di Tonolo. Lo stesso avviene per Your Brown Eyes are Blue, brano della pianista Marvi La Spina, ballad perfettamente in sintonia con lo spirito del disco grazie tanto al tono intimo della prima parte, una sorta di first take, quanto alla rilettura swing più ritmica ed agile della seconda, prestandosi anch'esso ad arricchire la tavolozza d'espressioni cromatiche già presenti nel cd.

Un lavoro curato pure nel panning, il gioco stereofonico dell'assegnazione dei canali alle singole voci strumentali, in modo da poter seguire i disegni melodici di ciascuno, tanto nelle linee tematiche che nell'intreccio della loro struttura armonica.

Invito all'ascolto, allora, perché a qualcuno potrebbe sembrare un disco per addetti ai lavori, rischiando così di perdersi, invece, un interessante album, di buon gusto, che vale quel po' di attenzione in più che merita.
Antonio Terzo


Si segnalano i precedenti:
1996
Arundo Donax "
C'era una volta" (Splasc(h) Records)
1998
Arundo Donax "
Arundo Donax" (BMG Records)

Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 6.954 volte
Data pubblicazione: 12/06/2003





Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti