Jazzitalia - Recensioni - Colin Vallon - Patrice Moret - Julian Sartorius: Danse
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Tour americano di Fabrizio Bosso con il suo quartetto, da Chicago a New York, passando per Greensboro e Washington.

Anteprima Beat Onto Jazz Festival 2018: Presentazione del libro "Puglia, le età del jazz" di Ugo Sbisà e tributo a Michel Petrucciani con Nico Marziliano.

Mast Bari organizza un workshop di Legislazione musicale e dello spettacolo con Alceste Ayroldi.

Serata all'insegna del groove per la rassegna Special Guest. Di scena il Soul Train R-Evolution di Michele Papadia con Fabrizio Bosso & Serena Brancale.

Siae & Co.: workshop di Alceste Ayroldi che illustra le leggi fondamentali del settore musicale e dello spettacolo.

Cammariere, Paoli e Rea, Chano Dominguez e il progetto Hudson di Jack Dejohnette &, John Scofield per la 29ma edizione di Notti di Stelle, il festival jazz della Camerata Musicale Barese.

Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Serena Brancale, Javier Girotto e Martin Bruhn per la II edizione del Festival Special Guest nato dalla collaborazione tra il Teatro Eliseo e il Saint Louis College of Music.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Click QUI per fare pubblicita' su Jazzitalia
Jazzitalia sbarca in Russia! Tradotti in cirillico alcuni articoli esclusivi.
Ultimi aggiunti:

            AUTINO Adriano (chitarra)
            CAIAZZA Igor (perccussioni)
            CIMINO Lorenzo (tromba)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            ESPOSITO Sergio (chitarra)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MENEGOTTO Mauro (batteria)
            NASONE Antonio (chitarra)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RONCA Marco (piano)
            SCARAMELLA Giulio (piano)
            VENTUROLI Danilo R. (piano)
            VIGNALI Michele (sax)
Colin Vallon - Patrice Moret - Julian Sartorius
Danse



ECM (2017)

1. Sisyphe
2. Tsunami
3. Smile
4. Danse
5. L'onde
6. Oort
7. Kid
8. Reste
9. Tinguely
10. Morn
11. Reste (var.)

Colin Vallon - pianoforte
Patrice Moret - contrabbasso
Julian Sartorius - batteria


Come tenere in ballo la gravità, accarezzarla, giocarci e restituirla elegantemente vestita. Il trio capitanato dal pianista svizzero Colin Vallon, sa tenere in ballo i suoni, immergendoli in una bolla d'aria, giocando con i timbri – sempre caldi e rubizzi – e liberando una creatività che appartiene alla vague mitteleuropea.

La partenza con "Sisyphe" è il degno proemio di un disco dalla solida struttura di un altrettanto solido trio: tre musicisti che si conoscono a meraviglia e condividono le stesse pieghe sonore. E' Vallon a fare la parte da leone nelle composizioni, punzonando con la sua cadenza pensosa e sicura buona parte degli undici brani in scaletta. Con "Tsunami" il fraseggio del pianista si fa ancora più colto, nell'ostinato percuotere ritmico-armonico dell'apertura e nel dispiegare una melodia che si perde nei secoli scorsi, per ritrovarsi dinanzi alle maglie contemporanee, sorretta dalle abili bacchette di Sartorius sui piatti e dalle cadenzate linee di basso di Moret. "Tinguely" è l'unico episodio firmato dal contrabbassista e l'incedere agogico sul ritmo, saltellando sulle corde di grana grossa del basso, tiene banco conferendo al brano quell'ironia che rende ancor più sapido il lavoro. "Morn" cattura i sensi, per il suo espressionismo, per le costruzioni ritmiche suggerite dagli orpelli utilizzati da Sartorius e per il romanticismo chopiniano del pianista di Losanna. "Kid" alza i volumi, il movimento che troneggia nei tamburi di Sartorius, nel periodare lucente di Vallon e nelle cuciture armoniche di Moret.

Un lavoro arioso, dal respiro immortale: di quelli che non hanno tempo. E neanche la voglia di abbandonarsi al tempo.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
01/01/2017

Dallëndyshe (Elina Duni 4tet)- Alceste Ayroldi

18/12/2011

Colin Vallon Trio all'Auditorium per il Roma Jazz Festival: "...un mix originale e sorprendentemente coerente di musica colta, jazz nordico e gusto melodico balcanico." (Dario Gentili)

24/04/2011

Rruga (Colin Vallon Trio) - Alceste Ayroldi

23/10/2010

The crystal paperweight (Ann Malcolm)- Alessandro Carabelli







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 430 volte
Data pubblicazione: 09/12/2017

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti