Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Click here to read the english version


cd acquistabile su http://www.giuliorisi.com/compra_on_line.htm
Giulio Risi
Deep down where the heart beats no more


1. Aria
2. Walking at the Alhambra
3. Pay me peanuts (but let me play)
4. Deep down where the heart beats non more
5. Song for Carmelo Bene
6. Passati Presenti
7. Calipsocongo
8. Piano & Bit / Il Cuore il Fiore
9. Just to let you know
10. La Fata
11. Scala dal paradiso in giù (Canzone per Papà)

Giulio Risi - ac.piano, keyboards,Hammond organ,FenderRhodes, Vocoder, Samples
Koby Israelite, Nick Marangoni, Asafs Sirkis - Drums
Nick Haward - Double Bass
Henry Thomas - Electric Bass
Henry Thomas, Silvio Galasso - Fretless Bass
Gael Bilger, Kevin Briggs, Antonio OnoratoRocco Zifarelli - ac. Guitar
Antonio Onorato, Nico Sabatini - electric guitar
Andreas Borg - Flamenco guitar, Cajon & Palmas
Cousin Alice - Ukulele
Gilad Azmon - Tenor, Alto & Soprano Saxes
Nathan Mansfield - Trumpet
Roberto Casaburi - Violin & Viola
Pierluigi Marotta - Cello
B.atwell - Rap Voice


Tradurre in note le parole, o tradurre in parole le note, operazione simile per Giulio Risi, tanto che si sarebbe tentati di argomentarne i pensieri proposti nel booklet: il pianista ha in animo un'opera che possa incorporare più forme d'arte assieme, musica oltre la musica, foto in forte chiaroscuro, notturne, d'improvviso lampi di luce come sussulti interiori. Giulio dice:"provo difficoltà a scrivere di ciò che faccio…questo cd ha accompagnato la mia vita in una fase che ha alternato il tragico al tragicomico…io non riesco a parlare di musica. Riesco forse a farla." Sì, ci riesce, ed è la voce più intima quella che si ode, frammenti di sensibilità che si fanno luce nella meditazione sul pentagramma che è "il risultato di un lungo e fortemente voluto periodo di solitudine. Un arco sabbatico per un necessario confronto con me stesso,con ciò che sono o credo di essere…I brani composti sono un mero tentativo di liberarmi di quelle voci,quelle melodie,quelle armonie che mi hanno attraversato per anni…convinto che qualsiasi cosa noi si crei,lo si faccia per soddisfare l'urgenza primaria di sradicarla dalla mente affinché non ne si sia più tormentati."



Ma siamo qui per parlare di musica, innanzi tutto. Il pianismo di Giulio risulta colto, versatile, creativo; meditato, soprattutto. Il cd è concepito come un viaggio attorno al mondo: dall'Africa di "Aria" al Flamenco di "Walking at the Alhambra", dal Samba ("Deep down") al Bolero ("Passati presenti"), dall'Hip hop ("Piano &Bit") al Be bop ("Just to let you know"). Nell'avventura il pianista è in compagnia di molti e validi musicisti, tra i quali danno prova particolarmente convincente Henry Thomas e Asafs Sirkis, che fanno parte della Band di Risi, Rocco Zifarelli, chitarrista estroso e tecnicamente agile, Gilad Atzmon, sassofonista raffinato e particolarmente congeniale alle scelte estetiche del Nostro.

Le armonie giungono eteree, fluttuanti, animate da una sensibilità molto personale sia quando Giulio s'accosta al multietnico sia quando, in modo poliedrico, più briosamente esibisce prove di diversa complessità, come in "Pay me peanuts". Poi "Song for Carmelo Bene", andamento classicheggiante, i versi di Dino Campana: toni elegiaci ma non banalmente nostalgici, anzi, una memoria felice, un rimando al passato, amplificato dal timbro scelto per le corde. Echi di memoria, lontani, frequenti nell'album di Giulio, ma anche un calipso ("Calipsocongo") in cui prepotenti ed ariose giungono note, prorompenti di vitalità e passione, secondo un fraseggio, un tempo di "lettura" discreta, con una piacevole ironia di fondo, sottolineata dal sax e dagli inserti sia vocali sia strumentali. Echi di memoria, ma anche "Just to let you know", una prova di stile, un post-bop in cui tutti gli artisti possono emergere nei propri assoli, secondo il linguaggio jazzistico più riconoscibile.

La decima track, "Scala dal paradiso in giù (Canzone per papà)": commuove il tocco silenzioso, l'eco intima di qualche notte ventosa in cui dover dare spazio all'anima, uno spazio che non basta mai, che corre alle stelle, alla Luna, nell'"autostrada del cielo" che fugge via ("Stairway from Heaven", il sottotitolo), lontana eppure al Nostro accanto, nell'anima del ricordo, nell'elegia costante e necessaria d'una musica che non conosce pause, letta secondo forme emozionali pacate, luminose, ancora una volta "silenziose", tanto da non poterle mai perdere, anche a cd finito.
Fabrizio Ciccarelli per Jazzitalia







Articoli correlati:
10/11/2009

Intervista a Giulio Risi, nemesi fra musica, arte e filosofia: "Credo che il jazz abbia perso la connotazione dirompente che ne ha caratterizzato il periodo più glorioso. La rivolta del Be Bop contro l'humus razzista, la lotta per uscire dal ghetto. La musica intesa come veemente arma da guerra." (Fabrizio Ciccarelli)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 3.567 volte
Data pubblicazione: 24/05/2006

Bookmark and Share


Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti