Jazzitalia - Recensioni - Ada Rovatti: Disguise
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ravenna Jazz 2019. Il festival ravennate raggiunge la 46ma edizione, caratterizzata da una programmazione ad ampio raggio: ben dieci giorni di musica con concerti diffusi su tutto il territorio cittadino..

Il compositore e arrangiatore Luigi Giannatempo, invitato al Birdland di New York per collaborare ad un Tributo a Clark Terry..

I 50 anni di Woodstock: fu vera gloria? Incontro gratuito col giornalista e critico musicale Alceste Ayroldi per un'analisi dei momenti chiave che ne hanno fatto un evento simbolo di una generazione..

JAZZ e Cinema: la storia della musica jazz nel cinema attraverso aneddoti, proiezioni a cura di Alceste Ayroldi con la band di Mike Zonno.

Bargajazz Festival 2019 - Pubblicati i bandi per partecipare alla XXXI edizione del concorso internazionale per orchestra jazz dedicato alla musica del trombettista Dave Douglas..

Premiato a livello internazionale il film Claudio Fasoli's Innersounds, un viaggio nei processi creativi del jazzista Claudio Fasoli.

Rosario Giuliani Hammond Trio per il prosieguo della rassegna Boogie Jazz Season a Roma, curata da Gabriele Buonasorte.

Lorenzo Vitolo, pianista jazz, vince il prestigioso concorso per solisti Leiden Jazz Award 2019.

"La batteria jazz, strumento per...tamburi e griot", libro a cura di Enzo Lanzo con 21 assoli di batteristi jazz che hanno rivoluzionato il jazz drumming.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Ada Rovatti
Disguise



Piloo Records (2014)

1. Ghost Stories
2. Alone in Traffic
3. TBA
4. Smile (Sax Solo Intro)
5. Smile
6. Moving Forward
7. Halfway
8. Tripping Step
9. Stairway to Heaven
10. Gentle Giant

Ada Rovatti - sopranino saxophone, soprano saxophone, tenor saxophone
Dean Brown, Adam Rogers - guitar
Zach Brock - violin
Anne Drummond - flute
Janek Gwizdala - electric bass
Randy Brecker - trumpet, flugelhorn
Leo Genovese, Oli Rockberger - piano
Dana Hawkins - drums

Ada Rovatti è una musicista pavese di talento che risiede da parecchi anni negli Stati Uniti, dove ha ottenuto credito e considerazione nell'ambiente jazzistico. "Disguise" è il suo ultimo disco ed è inciso da un manipolo di strumentisti ferrati tecnicamente e disponibili a seguire le indicazioni della bandleader. Il cd è formato da composizioni originali, oltre che da uno standard e da un brano dei Led Zeppelin tra i più noti. La Rovatti ha un modo elegante di organizzare la musica con arrangiamenti leggeri, non particolarmente costrittivi, in grado di porre nelle migliori condizioni i solisti riuniti per l'occasione. I temi sono esposti spesso all'unisono dai fiati, poi si aprono parentesi solistiche ben sostenute dal combo, con richiami, rimandi, dialoghi a due o a tre voci e riprese del refrain per riannodare i fili del discorso. Tutto con una certa semplicità di tratto, mentre la sezione ritmica è rigogliosa, pressante e orientata verso un funky piuttosto controllato, soft. Gli strumenti elettrici, chitarra e fender rhodes, contribuiscono, inoltre, a creare colori timbrici vicini ad una fusion moderata, volutamente dentro alle righe. L'album nel complesso ha una fisionomia molto americana, nel sound globale e nel tipo di approccio agli interventi solistici. Non ci sono sbrodolamenti, cioè, o giri viziosi attorno ad un'idea ripetuta senza sviluppi apprezzabili. Si va al sodo, evitando i fronzoli e puntando all'essenziale. Fra gli altri componenti del gruppo si segnala Randy Brecker per alcuni sfolgoranti assoli, tanto caldi quanto lucidi ed efficaci. La Rovatti gli risponde con un eloquio che vuole distinguersi probabilmente da quello di Michael Brecker. Il confronto con il compianto co-leader dei Brecker Bros è, a conti fatti, inevitabile, visto il contesto e i precedenti del compagno trombettista che ha costituito coppia fissa con il fratello in tanti dischi e concerti. Sia al tenore che al soprano la sassofonista lombarda dimostra, infatti, faccia tosta e personalità, tanto da permettersi il lusso di eseguire l'intro di Smile in completa solitudine. In questa situazione tira fuori le unghie e dimostra una volta di più di che pasta sia fatta. Il suo fraseggio è nervoso e conciso, come cifra stilistica, pur snocciolando tante note, tutte necessarie.

Il brano migliore è senz'altro una versione jazz del cavallo di battaglia dei Led Zeppelin "Stairway to heaven", che passa da toni solenni a un andamento accelerato, non presente nell'originale, fino a gratificare chitarra e tromba di spazi adeguati dove esaltarsi in sortite sfavillanti, mentre alle spalle la macchina ritmica procede sicura e spedita.

"Disguise" è, in sintesi, un album di modern jazz internazionale e conferma che con la qualità e l'applicazione, anche partendo dalla provincia italiana, si può arrivare a realizzare produzioni che possano ben figurare in questo genere, accanto a quelle di maestri celebrati e famosi in tutto il mondo.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
25/10/2015

Trace Elements (Paolo Di Sabatino, Janek Gwizdala, Peter Erskine)- Niccolò Lucarelli

02/06/2015

Black Orpheus (Nilson Matta's)- Alessandra Monaco

29/03/2015

Redhorn Collection (Nils Landgren)- Alceste Ayroldi

22/12/2012

Soul Blueprint (Gianni Bardaro Feat. R. Brecker)- Gianni Montano

08/12/2012

Kenny Werner feat. David Sanchez, Randy Brecker, Scott Colley e Antonio Sanchez: "Siamo una squadra talmente affiatata che ognuno è attento al modo di suonare dell'altro e lo completa." (Gaetano Petronio)

02/11/2012

Crystals (Alessandro Bertozzi)- Vincenzo Fugaldi

27/11/2010

Chamber Music Society (Esperanza Spalding)- Roberto Biasco

01/06/2010

Green Factor (Ada Rovatti)- Roberto Biasco

30/05/2010

Sabe Azul (Sofia Rei Koutsovitis) - Pietro Scaramuzzo

05/04/2010

Nal Tarahara (Bruno Marinucci Trio)- Rossella Del Grande

08/12/2009

Alt 88 (Andrea Lombardini Trio)- Alessandro Carabelli

17/09/2009

Big Neighborhood (Mike Stern) - Marco Losavio

03/07/2009

Why Stop Now! - Great Songs From The 20° Century (Minnie Minoprio)- Alceste Ayroldi

15/03/2009

Esperanza (Esperanza Spalding)

13/04/2008

Jazzitalia all'IAJE Annual Convention 2008: "E' un vantaggio ed uno svantaggio al tempo stesso il fatto che all'Annual Convention dell'IAJE vi sono così tanti concerti, clinics, masterclasses a cui partecipare, persone da incontrare, strumenti da provare, stand da vedere e chiacchiere da fare..." (Jamie Baum)

16/03/2008

Airbop (Ada Rovatti)

17/02/2008

Urban Tribe (Anne Ducros)

10/11/2006

Nuova gallery direttamente dal Blue Note di Milano (Enrico Barberis)

31/12/2005

Ogni martedì sera, all'Iridium Jazz Club di New York, la Mingus Big Band, gestita da Sue Mingus, si esibisce all'insegna della musica del grande Charles ospitando artisti di fama sempre diversi come, in questo caso, è stato per Randy Brecker...(Roberta E. Zlokower)

31/03/2004

Intervista a Ada Rovatti: "Nella musica cerco me stessa...e credo che sia un'eterna ricerca! Voglio migliorare, e tentare di mantenere un certa semplicità: poter tradurre le emozioni e le mie esperienze di vita in musica senza nessuna pretesa ma per la pura gioia e fortuna di fare quello che mi piace." (Marco Losavio)

09/02/2004

Intervista a Stefano Bollani: "...Il primo amore per me è stato Oscar Peterson ... poi mi sono appassionato ad Art Tatum ... e finalmente intorno ai 15 anni mi sono innamorato di Bill Evans..." (Ada Rovatti)

11/01/2004

Under the Hat (Ada Rovatti)

30/12/2003

For Rent (Ada Rovatti & The Elephunk Band)





Video:
Ada Rovatti - presenting DISGUISE
Ada Rovatti - DISGUISE, Available on JULY 22nd, 2014 - on Itunes, Amazon and stores !, Featuring : Randy Brecker, Dean Brown, Adam Rogers, Zach Brock,...
inserito il 23/09/2014  da birbat12345 - visualizzazioni: 4162
Don Grolnick Quintet wt/ Joe Henderson - The Cost Of Living #1 [1991]
Messepalast, Jazzfest Wien/Austria 7th July 1991 , , Don Grolnick - Piano, Randy Brecker - Trumpet & Fluguelhorn, Joe Henderson - Tenor, Eddie Gom...
inserito il 20/06/2009  da nunoalpi - visualizzazioni: 3087


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 849 volte
Data pubblicazione: 13/12/2015

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti