Jazzitalia - Gianni Di Crescenzo: Do It
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ravenna Jazz 2019. Il festival ravennate raggiunge la 46ma edizione, caratterizzata da una programmazione ad ampio raggio: ben dieci giorni di musica con concerti diffusi su tutto il territorio cittadino..

Il compositore e arrangiatore Luigi Giannatempo, invitato al Birdland di New York per collaborare ad un Tributo a Clark Terry..

I 50 anni di Woodstock: fu vera gloria? Incontro gratuito col giornalista e critico musicale Alceste Ayroldi per un'analisi dei momenti chiave che ne hanno fatto un evento simbolo di una generazione..

JAZZ e Cinema: la storia della musica jazz nel cinema attraverso aneddoti, proiezioni a cura di Alceste Ayroldi con la band di Mike Zonno.

Bargajazz Festival 2019 - Pubblicati i bandi per partecipare alla XXXI edizione del concorso internazionale per orchestra jazz dedicato alla musica del trombettista Dave Douglas..

Premiato a livello internazionale il film Claudio Fasoli's Innersounds, un viaggio nei processi creativi del jazzista Claudio Fasoli.

Rosario Giuliani Hammond Trio per il prosieguo della rassegna Boogie Jazz Season a Roma, curata da Gabriele Buonasorte.

Lorenzo Vitolo, pianista jazz, vince il prestigioso concorso per solisti Leiden Jazz Award 2019.

"La batteria jazz, strumento per...tamburi e griot", libro a cura di Enzo Lanzo con 21 assoli di batteristi jazz che hanno rivoluzionato il jazz drumming.

Concorso il Jazz ed i Colori della Musica: Concorso di composizione e arrangiamento riservato a giovani musicisti residenti nella Regione Campania, scadenza 31 marzo 2019.

Al via la prima edizione di Boogie Jazz Season, rassegna curata da Gabriele Buonasorte, che ospita il grande Jazz italiano e internazionale sul palco del BOOGIE CLUB..

Quest'anno la ECM compie 50 anni, mentre la Ducale, distributrice in Italia, ben 60! Ancora oggi il catalogo si arricchisce con una costanza unica.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PILATO Frank (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Gianni Di Crescenzo
Do It



Phantom recordings 2009

1. Blues for Ade (G. Di Crescenzo)
2. Ingenious (G. Di Crescenzo)
3. Very Early (B. Evans)
4. Puerto Antico (G. Lusi)
5. Michelle (Beatles)
6. The Cat (G. Di Crescenzo)
7. One Party for Notes (G. Di Crescenzo)
8. You Smell of Music (G. Di Crescenzo)
9. To Fly Up (G. Di Crescenzo)

Gianni Di Crescenzo - Pianoforte & arrangiamenti
Albert Wing - Sax tenore
Lee Thornburg - Tromba
Dave Carpenter - Contrabbasso
Brandon Fields - Sax tenore e sax soprano
Gianluca Lusi - Sax tenore e sax soprano
Peter Erskine - Batteria
Simon Phillips - Batteria


Il repertorio jazz è sempre stato materia di confronto per il pianista Gianni Di Crescenzo, e la realizzazione nella sua carriera di questo interessante disco era evidentemente solo questione di tempo. "Do It" è un lavoro filologicamente raffinato in cui gli spazi dedicati ai soli e allo scritto sono calibratamente inanellati in un equilibrato disegno sinusoidale ricco di note articolate. Queste agili scritture si fondano interamente sulla tradizione strutturale dell'Hard Bop, sull'ardita libertà esecutiva perpetrata dagli esponenti di questo genere portante per l'evoluzione delle Blue Notes, sottolineando implicitamente quanto la vena creativa in seno a questa cultura musicale abbia ancora molto da riservare.

La qualità tecnica delle esecuzioni è altissima, complice la presenza di strumentisti di livello mondiale, autentici veterani dei più importanti palcoscenici internazionali quali i batteristi Simon Phillips (uno dei cardini della storica band dei Toto) e Peter Erskine (Weather Report, Chick Corea), i sassofonisti Albert Wing (Frank Zappa, Diana Ross) e Brandon Fields (George Benson, Earth Wind & Fire, Ray Charles), il trombettista Lee Thornburg (Jaco Pastorius, Supertramp, Willy de Ville), il contrabbassista Dave Carpenter (Buddy Rich, Herbie Hancock). Unico italiano oltre a Di Crescenzo ad aver partecipato alla registrazione è l'eclettico virtuoso del sax Gianluca Lusi.

L' evidente cifra tecnica ed il grande affiatamento nell'interplay dimostrato da questo cast all stars si insinuano fra le fini linee disegnate da Di Crescenzo, completandone il disegno. Segmenti melodici accesi e filamentosi, alternati fra momenti di tensione sonora, come nel brano di apertura "Blues For Ade" in cui Albert Wing tratteggia col sax tenore squillanti e rapidissime evoluzioni di senso coltraniano e rollinsiano, ed altri più ragionati e pensosi, che si mantengono legati con l'ardua logica strutturale dell'album.

Molto interessante in questo senso l'arrangiamento lusiano in "Puerto Antico", con le sue intense cromature di caldo pathos ove lo stesso sassofonista riesce a brillare con un suono dolce e ovattato lasciandosi dietro tenui scie di una luce calda ed emozionante. Molto interessante il lavoro di background eseguito dal pianista con uno stile morbido ed emozionante.

L'ensemble propone anche una cover della "Michelle" dei Beatles, in cui il contrabbasso di Dave Carpenter e le spazzole di Simon Phillips, leggere e pulite nel levigare rullante e charleston, sostengono uno squisito accompagnamento per le geometrie limpide e le sincopi sempre meticolosamente elaborate da Di Crescenzo.

Inciso in America, nella sala di registrazione dei Toto, "Do It" subisce con positività l'influenza del panorama musicale d'oltreoceano portando l'esperienza europea ed in particolare italiana; un universo culturale dove il jazz non è solo mero tecnicismo, non è una scala o un arpeggio messo in questa o quello posizione, ma è qualcosa di più: è sentimento, emozione, empatia totale con lo strumento e con l'interplay, un intero mondo musicale e sociale che può apparire, una volta tanto, privo di fratture stilistiche e di lezioni accademiche.

Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante per Jazzitalia







Articoli correlati:
15/07/2017

Beat Onto Jazz Festival 2017 - XVII Edizione: Marque Lowenthal e le uniche tappe pugliesi del nuovo combo del leggendario batterista Peter Erskine, il quartetto della pianista e vocalist statunitense Diane Schuur e il gruppo capitanato dal bassista abruzzese Maurizio Rolli con Otmaro Ruiz nel ricco programma del festival pugliese.

11/09/2016

Trio Grande (Massimo Colombo, Peter Erskine, Darek Oleszkiewicz)- Gianni Montano

04/05/2016

Trio M/E/D (Marcotulli, Danielsson, Erskine)- Alceste Ayroldi

25/10/2015

Trace Elements (Paolo Di Sabatino, Janek Gwizdala, Peter Erskine)- Niccolò Lucarelli

29/05/2011

Pursuit of radical rhapsody (Al Di Meola) - Alessandro Carabelli

24/12/2010

Aqua (Jeff Richman)- Stefano Corbetta

04/09/2010

Rune (Lusi / Masciari Quartet) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

26/09/2009

Rolli's Tones (Maurizio Rolli Big Band) - Giuseppe Mavilla

14/02/2009

Gotha 17 (Lusi / Masciari Quartet)

16/09/2007

Decima edizione di "Jazz in parco" a Nocera Inferiore che ha "dato al pubblico un'offerta di differenti modalità e impronte della musica jazz contemporanea, con artisti provenienti trasversalmente da nazioni ed esperienze completamente differenti." (Luigi Spera)

14/03/2007

I Bass Desires a Etnafest: "Grande musica grazie alla statura musicale dei componenti del gruppo ... ma rimane qualche piccola perplessità in chi credeva nella possibilità di ascoltare qualcosa di più della somma di quattro grandi protagonisti del jazz che si incontrano per il gusto di suonare insieme." (Enzo Fugaldi)

01/08/2006

ELB Trio, ovvero Peter Erskine, Nguyên Lê e Michel Benita: "Quando suoniamo, oltre ad ascoltarci molto, cerchiamo sempre il contatto visivo tra di noi..." (Massimiliano Cerreto)

06/01/2006

Viaggio (Gianluca Lusi Trio)

09/07/2005

LEZIONI (Trascrizioni): Duo, un fenomenale dialogo tra il corroborante sax di Bob Mintzer e la fluida batteria di Peter Herskine. (Orazio Maugeri)





Video:
Erskine, Oles and Colombo Ft. Bob Mintzer - We All Love Burt Bacharach
"We All Love Burt Bacharach", performed by the band Erskine, Oles & Colombo, which contains No.13 hits of the american composer among th...
inserito il 17/10/2016  da PLAY Record Company - visualizzazioni: 1634
Victor Bailey Solo w/ Weather Uptade
...
inserito il 22/08/2009  da luccabf - visualizzazioni: 2315


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 2.774 volte
Data pubblicazione: 24/12/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti