Jazzitalia - Tommaso Starace Quartet: Don't Forget
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Music Center - 2009
Tommaso Starace Quartet
Don't Forget


1. Prelude to Isfahan
2. Isfahan
3. Divieto di Sosta
4. Seven Blues
5. Overjoyed
6. Farewell Capa
7. Confused
8. Go Tom!
9. Bohemia After Dark
10. Don't Forget

Tommaso Starace - sassofono
Michele Di Toro - pianoforte
Attilio Zanchi - contrabbasso
Tommy Bradascio - batteria



Alla sua terza produzione discografica come leader, Tommaso Starace si presenta alla testa di una formazione di tutto rispetto formata dal talentuoso pianista Michele Di Toro e da due colonne storiche del jazz italiano come Attilio Zanchi al contrabbasso e Tommy Bradascio alla batteria.



I
l disco impressiona per tutte le qualità che Starace mette in bella mostra sia al soprano che all'alto con discrezione e sagacia. Non delude nemmeno la formula più convenzionale del modern mainstream proposto, con un quartetto che suona magnificamente bene e offre freschezza, esuberanza e un fantastico interplay.

Prodotto ottimamente registrato, "Don't Forget" raccoglie standards poco sfruttati (come la bella "Isfahan" di B. Strayhorn o la title track "Don't Forget" di P. Metheny), che ispirate composizioni (come la dolcissima "Farewell Capa" dello stesso Starace, l'irruente "Confused" di M. di Toro o la geniale "Go Tom" di Zanchi) costruite con un'architettura originale e ben definita che permette eccellenti ed originali sviluppi solistici che esaltano le notevoli qualità dei musicisti.

Tutto è molto preciso, intenso, in alcuni momenti affascinante, con il leader che sa come muoversi sulla ritmica con assoli che ne svelano l'assoluta padronanza dello strumento e una tecnica invidiabile dotata di un fraseggio rapido, lucido, tagliente. Ogni sua nota colpisce nel segno, ma non solo, rivela anche capacità di leadership notevoli e grande senso organizzativo.

Michele Di Toro è preziosissimo sia negli accompagnamenti, creando trame ricche di pregiate intuizioni armoniche, che negli assoli, snocciolando incantevoli frasi in cui le note sembrano file di perle che sgocciolano da un contenitore colmo di idee, precise ad inanellarsi nella logica dei brani eseguiti. Tutto questo grazie anche alla presenza di una ritmica precisa oltre ogni limite, fantasiosa ed estremamente solida ed al contempo elegante, garantita da due veri "mostri sacri" come Attilio Zanchi e Tommy Bradascio.

Questo è davvero un lavoro impeccabile degna testimonianza di un gruppo ben amalgamato, dal sound efficace che cattura ed ammalia l'ascoltatore per la finezza della ricerca e per i temi proposti, coerenti e ricchi di contenuti narrativi.

Alessandro Carabelli per Jazzitalia







Articoli correlati:
07/08/2016

Vittoria Jazz Festival: "Il festival diretto da Francesco Cafiso, giunto alla nona edizione, ha cambiato formula: nove giorni consecutivi presso la consueta cornice di Piazza Enriquez ma anche presso altri suggestivi spazi della cittadina in provincia di Ragusa." (Vincenzo Fugaldi)

22/02/2016

Play (Michele Di Toro Trio)- Niccolò Lucarelli

19/09/2015

Roccella Jazz Festival - African Noises: "Edizione numero trentacinque per lo storico festival della provincia di Reggio Calabria, tornato a riempire le serate d'agosto dopo un'annata 2014 in versione ridotta." (Vincenzo Fugaldi)

10/05/2015

Red Note: il Jazz ad "Alli Due Buoi Rossi": "Il "rinato" Alessandria Jazz Club continua la programmazione cambiando location e impostazione: un concerto l'ultimo giovedì di ogni mese con formazioni di musicisti italiani - dal trio al quartetto: Inside 4et, Francesca Ajmar 4et e Fabio Giachino Trio" (Andrea Gaggero)

01/06/2014

Torino Jazz Festival 2014: "...terza edizione, la seconda con la direzione artistica di Stefano Zenni ed è premiato ancora una volta da un lusinghiero successo di pubblico." (Gianni Montano)

15/02/2014

Echolocation (Michele Di Toro Piano Solo)- Marco Buttafuoco

17/06/2013

Simply Marvellous (Tommaso Starace)- Francesco Favano

25/05/2013

Places (Eva Simontacchi)- Alceste Ayroldi

10/02/2013

The Silver Lining (Maria Patti)- Matteo Mosca

19/12/2010

Blood & Champagne (Tommaso Starace)- Alessandro Carabelli

21/11/2010

The Blue Note Years (Paolo Fresu)- Vincenzo Fugaldi

01/11/2010

Le tre trombe Enrico Rava, Paolo Fresu, Dave Douglas e il "Megalitico" di Gavino Murgia al festival Jazz di Nuoro. (Cinzia Guidetti)

11/08/2010

Songlines / Night & Blue (Paolo Fresu Quintet) - Alceste Ayroldi

10/05/2010

Promemoria (Ars 3) - Marco Buttafuoco

05/10/2008

A Sagliano Cavour (LE) il Locomotive jazz festival 2008. In questa terza edizione, sotto la direzione artistica di Raffaele Casarano, Sheila Jordan con Billy Drummond, Roberto Cipelli, Attilio Zanchi e Alborada quartet; Franco Califano, Cuncordu e Tenore De Orosei, Nguyen Le; e ancora Massimo Manzi, Bebo Ferra, Maria Pia De Vito, hanno incontrato il meglio del jazz pugliese e salentino. (Mariagiovanna Barletta)

24/03/2008

Pure Ecstasy (Eva Simontacchi)

22/12/2007

Imprinting (Francesco Chebat)

01/11/2007

Il passo del gatto (Michele Di Toro)

21/10/2007

Distanze (Castiglioni – Grossi – Zanchi )

08/07/2007

Rosso, Verde, Giallo e Blu (Paolo Fresu Quintet)

11/03/2006

Il Paolo Fresu Quintet alla Maison Musique

04/06/2005

Encanto (Attilio Zanchi - Naco - Bebbo Ferra)

02/04/2005

Playing with Music (Michele Di Toro)





Video:
Paolo Fresu Quintet backstage 2007
Il backstage del Paolo Fresu Quintet al Vasto festival 2007...
inserito il 06/12/2007  da jazzconvention - visualizzazioni: 3851


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 2.279 volte
Data pubblicazione: 01/01/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti