Jazzitalia - Recensioni - Sandrine Monlezun: Don't Take My Head
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ottava edizione del Torino Jazz Festival, un omaggio al jazz in tutte le sue declinazioni espressive. In cartellone, insieme ai grandi nomi internazionali, artisti di ricerca ed eccellenze del territorio. .

Grace DB lancia "Donna 3.0": Il suo primo album d'esordio parla del ruolo della donna nella società contemporanea, di scelte personali ed equilibri che si trasformano.

New Echoes. Rassegna di Nuova Musica Svizzera a Venezia (4a edizione) con realtà musicali che si muovono attorno ai linguaggi contemporanei del jazz, della ricerca multidisciplinare, dell'indie-rock e dell'elettronica..

Prospettive Sonore a Foggia: 5 eventi di Jazz Crossover, progetti inediti e di ricerca con, tra gli altri, Roberto Ottaviano, Tom Kirkpatrick e Brian Charette..

Addio a Giorgia Mileto, Con grande dolore apprendiamo della scomparsa della responsabile ufficio stampa del Saint Louis College of Music di Roma e di vari festival internazionali della capitale. .

Vic Juris, chitarrista jazz, noto soprattutto per il suo importante ruolo nella band di Dave Liebman, è mancato il 31 dicembre 2019. Era ricoverato al St. Barnabas Medical Center di Livingston, New Jersey..

Musica, poesia, racconti e tanto altro per la V Edizione di Case Ospitanti a Matera, una suggestiva iniziativa che riempie la città di cultura e di conviviale stare insieme..

E' morto Mario Guidi, uno dei più illuminati manager del mondo del jazz, padre del pianista Giovanni e titolare della MGM Produzioni Musicali, agenzia tra le migliori e serie a livello internazionale.

Bergamo Jazz: Maria Pia De Vito firma l'edizione del 2020 con un cartellone che rende la manifestazione tra le migliori per respiro e profondità a livello europeo.

Pianisti di altri mondi, 7 + 1 concerti dal jazz alle sonorità contemporanee. Tornano a Milano i concerti delle domeniche mattina in una rassegna ideata da Gianni Morelenbaum Gualberto in collaborazione con la Società del Quartetto di Milano e il Teatro Franco Parenti.

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Umbria Jazz Winter 2019: Cinque giorni di musica da mezzogiorno alle ore piccole, novanta eventi, sette location nel centro storico di Orvieto, trenta band, più di centocinquanta musicisti, una rappresentanza di altissimo livello del jazz italiano. .

Songwriting Camp. Il Saint Louis sostiene le idee di giovani artisti, musicisti e cantautori con un corso gratuito e a numero chiuso realizzato con il sostegno del MiBAC e di SIAE, nell'ambito del programma "Per Chi Crea"..

Sotto le stelle del Gianicolo, prosegue la terza edizione del Festival "GIANICOLO IN MUSICA 2019 con grandi protagonisti del Jazz.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            THE JIM DANDIES (gruppo)
Sandrine Monlezun
Don't Take My Head



Art Dealer (2013)

1. Impro #1
2. Suite mauritanienne
3. La Tisserande
4. Tel Aviv beach, Winter 74
5. Poème de Bulleh Shah
6. Impro #2
7. Mon enfant
8. Deux haïkus

Sandrine Monlezun - composizione, voce, sintetizzatore microKORG
Théo Ceccaldi - violino, cori (2, 3, 4, 6, 8)
Meivelyan Jacquot - percussioni, cori (2, 3, 4, 6, 7, 8)
Mathieu Schild - contrabbasso (2, 3, 4, 6, 8)
Efrèn Lopez Sanz - ghironda (5)
Abdoulaye Traoré - chitarra acustica ed elettrica (2, 7)
Geoffroy Tamisier - tromba (3, 4, 8)
Raphaël Merlin - violoncello (3)
Kutle Khan - voce, karthal (5)
Nathoo Lal Solanki - nagara (5)
Lucas Gillet - basso (2, 3)
Smail Benhouhou - bendir..., karkabou, cori (2)
Awena Burgess - Mukaddas Mijit, Bouzhigmaa Santaro, Catherine Merle: coro (2, 5)


Un taccuino di viaggio colmo di narrazioni sonore. Pagine di musica e voce che materializzano, in filigrana, paesaggi, climi e traiettorie migranti offrendo, come una mappa, le coordinate per non perdersi tra suoni e suggestioni.

"Don't Take My Head", album d'esordio da solista di Sandrine Monlezun, sembra riscrivere in musica il percorso dell'artista, che dalle piccole voci del coro di Radio France, gli studi di etnomusicologia, i cori bulgari, giunge alla world music. Viaggi e contaminazioni che profumano anche questo album. Come nella "Suite mauritanienne" e il "Poème de Bulleh Shah", dove drums e nagara riverberano come passi su una terra bruciata dallo stesso sole. Tramonti d'Africa nella chitarra di Abdoulaye Traoré che, con la voce della Monlezun, si fa ‘culla' in "Mon enfant". Voce che a volte duetta col sintetizzatore e i suoni distorti dell'elettronica, e altre si moltiplica nei cori. Un diario che sfoglia culture diverse, intrecciando note originali con parole spesso dimenticate, inseparabilmente, come luci e ombre. Così sonorità mauritane fanno danzare l'Africa nel lamento pashtun dei campi di rifugio, la ‘seta' del violoncello è trama per il canto cinese de "La Tisserande"; in "Tel Aviv beach, Winter 74" la voce distorta affila ancor più i versi graffianti di Raquel Chalfi sul dopoguerra in Kippur. Una ricca compagine di strumenti tradizionali ritma i versi sufi di Bulleh Shah e quelli haiku di Bashô e Ransetsu. Impossibile costringere in associazioni lineari l'ampio ventaglio sonoro che, dalle pagine fitte, fa inevitabilmente scivolar via frequenti variazioni stilistiche, imprevedibili anche nello stesso brano. La Monlezun non smette di raccontare, nemmeno nelle due raffinate "Impro", pagine fuori brossura di questo lungo viaggio.

Esordio che prelude a nuove partenze, a nuove culture da accogliere e - neanche a dirlo - a nuovi diari sonori da scrivere.
 
Simonetta Salinari per Jazzitalia







Articoli correlati:
22/10/2017

Una Striscia di Terra Feconda: "XX Edizione per il Festival Franco-Italiano di Jazz e Musiche Improvvisate ideato da Paolo Damiani, che ne cura la direzione artistica insieme ad Armand Meignan" (Vincenzo Fugaldi)

23/07/2017

Südtirol Jazz Festival Altoadige 2017: "Dedicata agli artisti del Benelux la XXXV edizione del festival altoatesino che sempre più si caratterizza come una finestra sulla vasta scena del jazz europeo, e si svolge in alcune delle località più incantevoli." (Vincenzo Fugaldi)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 473 volte
Data pubblicazione: 28/05/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti