Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


ABJZ 018 - Distributed by IRD

Antonio Zambrini
Due Colori


1. La pallina di Ligeti
2. Caetano
3. Tema per S.
4. Garrincha
5. Salgado
6. Natale a Rimini
7. Antènore
8. Mordecai
9. Non studio più
10. Tito suona Garrincha

Antonio Zambrini piano
Stefano D'Anna
sax tenore e soprano
Tito Mangialajo
contrabbasso
Ferdinando Faraò
batteria


Via Pasubio, 6
21058 Solbiate Olona (VA)
tel/fax +39 0331 376380

Dopo la pubblicazione nel 2001 del fortunato cd Quartetto (Abeat ABJZ 006), votato ai primissimi posti nella categoria migliori dischi dell'anno al top referendum jazz 2001, Zambrini si riconferma straordinario. La doppia anima di compositore e musicista ora vicino al free ora melodico (nel senso più struggente), trova in questo disco la più completa ed esauriente manifestazione. Un'anima fortemente romantica si alterna maestosamente ad uno stile impressionista. L'uso dell'enarmonia accomuna Zambrini a livello ideale con musicisti che pure appartengono a sfere stilistiche assai lontane dalla sua, come Ivan Lins, Antonio Carlos Jobim e Djavan, oltreché a figure cardine della musica del Novecento come Maurice Ravel. Franco Fayenz sottolinea in alcune note di copertina: "in questo album le dieci composizioni-esecuzioni sono tutte belle, e i collaboratori di Antonio (D'Anna, Mangialajo e Faraò) sono impeccabili come sempre". Disco di eccezionale bellezza e caratura artistica.


Antonio Zambrini è un evocatore di immagini attraverso la musica che poi prende forma proprio partendo dalle immagini. Le sue composizioni sono state utilizzate per colonne sonore di documentari ed egli stesso ha anche accompagnato dal vivo il film di Chaplin "The Kid". Nel descrivere i brani Zambrini evoca immagini e personaggi che lo hanno ispirato nel definire i due colori che identificano il CD. Quando si vuole indicare un contrasto, si indicano spesso due colori come il bianco e il nero. In questo caso i due colori non sono così cromaticamente distanti ma si rincorrono: l'uno cerca di somigliare all'altro pur rimanendo ben distinti, l'uno diventa complementare all'altro accentuandone le caratteristiche. Mi riferisco al suono che può essere ascoltato dal trio o dal quartetto con la presenza del sax, alle composizioni leggermente più destrutturate alcune, più canoniche altre. In ogni caso il filo conduttore è proprio quel senso di narrazione che si deve cogliere ascoltando i brani come dei racconti in cui ogni musicista ha ampio spazio per imprimere la propria sfumatura cromatica.

I pezzi, in generale, ruotano intorno al suono del piano che dà loro forma, spazio, tempo, anima. La composizione è un'idea che cresce sempre più e acquista una sua identità sin dal titolo fino a diventare storia, sequenza di immagini, insieme di sensazioni. Come in
Caetano dedicato al grande Veloso o Garrincha (splendido nel suo andamento in 7/8. Il più bello del CD, a mio parere...) che non può non essere colonna sonora ideale per le immagini del campione brasiliano, scomposto ma perfetto e armonioso al tempo stesso. Antènore, dedicato al principe troiano che, fuggito all'incendio di Troia, fondò Padova. Salgado, irruento, che cerca di rappresentare la sensazione suscitata dalla visione delle incredibili, bellissime fotografie di Sebastião Salgado. Il piano sostiene il brano con un riff sui bassi continuo, rafforzato da contrabbasso e batteria, dando libero sfogo al sax di Stefano D'Anna fino a lasciare sola la batteria di Faraò che conclude con quella sospensione che potrebbe suscitare proprio la visione di un'immagine che colpisce nell'animo: rimane sempre qualcosa dentro di non chiaro, non definito, non giustificato. Anche in Mordecai, nato per la Blast Unit Orchestra ed eseguito qui in quartetto, si avvertono le tensioni e le sfaccettature presenti nella tradizione Yiddish del mondo ebraico europeo.

Rimini e Fellini sono un binomio oramai eterno e il brano
Natale a Rimini ha suscitato in Zambrini proprio un sapore felliniano disegnando su questo 3/4 un inverno natalizio nella città della riviera romagnola, magari nel salone del Grand Hotel, come una fiaba. E proprio ad una fiaba è ispirato Non gioco più con un bel suono di soprano di Stefano D'Anna autore anche di un'eccellente improvvisazione. L'andamento del brano, la sua atmosfera, sono ispirati o ispirano, Pinocchio e il suo desiderio di non studiare e non andare a scuola.
Marco Losavio





Articoli correlati:
12/11/2017

Different Standards - Short Stories (Lo Greco Bros)- Alceste Ayroldi

28/09/2014

Plays Nino Rota (Antonio Zambrini)- Antonella Chionna

30/03/2014

Quattro chiacchiere con...Tito Mangialajo Rantzer: "Nell'album "Dal basso in alto" Mangialajo Rantzer riesce a tirare fuori un sound così corposo che appare orchestrale." (Alceste Ayroldi)

30/09/2012

La Belle Vie (Simona Severini)- Enzo Fugaldi

20/02/2011

Time To Change (Diego Ruvidotti)- Rossella Del Grande

30/05/2010

Songs From The Procol Harum Book (Antonio Zambrini Trio) - Marco Buttafuoco

20/08/2009

It's a Gadget World… (Ron Horton feat. Antonio Zambrini) - Alceste Ayroldi

06/01/2008

Il Lee Konitz Quartet al Barletta Jazz Festival: "Il trio Zambrini-Tavolazzi-Manzi è stato assolutamente superlativo! Gli interventi dell'ottimo pianista Zambrini, in particolare evidenza per intelligenza e purezza espressiva, sono stati apprezzati dal pubblico per la chiarezza delle linee melodiche e ritmiche." (Pasquale Stafano)

12/09/2006

Intervista ad Antonio Zambrini: "Non ci sono delle difficoltà particolari nell'avviare una carriera nel jazz: è proprio la carriera che è difficile, per mille motivi..." (Rossella Del Grande)

05/08/2006

Il Nick La Rocca Jazz Festival 2005 in uno scenario con un'atmosfera semplicemente incantevole, una perfetta organizzazione, una manifestazione che ha offerto sicuramente più luci che ombre. (Francesco Peluso)

24/05/2006

Musica (Antonio Zambrini)

15/03/2006

Ron Horton Quartet alla Salumeria della Musica: "Il grande jazz può essere anche molto fresco e giovane. Questa è la sensazione che ho provato fin dall'inizio, ascoltando Ron Horton, Ben Allison, Mike Sarin ed Antonio Zambrini..." (Rossella Del Grande)

01/11/2005

I concerti di Viggiano 2005: Aula, Vigorito e Zambrini con intervista, Zegna, Marcotulli, Bonvini, Giammarco e l'Orchestra Laboratorio diretta da Mario Raja... (Francesco Peluso)

09/02/2003

Antonio Zambrini (piano)

12/12/2001

Quartetto di Antonio Zambrini







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 8.966 volte
Data pubblicazione: 23/08/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti
 
ENTER>