Jazzitalia - Roberta Gambarini: Easy To Love
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Groovin' High/Kindred Rhythm 2006
Roberta Gambarini
Easy To Love


1. Easy To Love
2. Only Trust Your Heart
3. Lover Man
4. On The Sunny Side Of The Street
5. Porgy, I's Your Woman Now / I Loves You, Porgy
6. Lover Come Back To Me
7. Two Lonely People, The
8. Centerpiece
9. Guess I'll Hang My Tears Out To Dry - (with James Moody)
10. No More Blues
11. Smoke Get's In Your Eyes / All The Things You Are
12. Too Late Now
13. Mulyi-Colored Blue - (Bonus Track)
14. Monk's Prayer / Looking Back - (Bonus Track)

Roberta Gambarini - vocals
James Moody - tenor sax and vocals (3,8)
Tamir Handelman - piano (all except 2)
Gerald Clayton - piano (2)
John Clayton - bass (2,3,5,8,11)
Chuck Berghofer - bass (1,4,6,7,9,10,13,14)
Willie Jones Iii - drums (1,2,3,5,8,11,14)
Joe Labarbera - drums (4,6,7,9,10,13)


Che bello sentire lo swing "camminare" così fluidamente, in modo così spontaneo da sembrare un fenomeno naturale, quasi "scontato". E già, quando nella musica jazz vi sono equilibri millimetrici, cambi dinamici continui con ingressi e uscite degli strumenti che non flettono mai l'andamento del brano ma, anzi, forniscono ancora maggiore bellezza all'esecuzione, allora l'ascoltatore si sente "miracolosamente" a proprio agio. E l'amalgama del tutto è fornita dalla voce chiara, suadente di una Roberta Gambarini in grandissima forma, vera regina di questo lavoro e, a sua volta, perfettamente a suo agio tra alcuni trai i più quotati "session man" della New York jazzistica.

Tamir Hendelman (nominations al Grammy e membro del trio di Jeff Hamilton) accompagna al piano la jazz singer fornendo classe, raffinatezza. Rilevante anche la mano del giovanissimo Gerald Clayton (figlio del grande John e vincitore di varie competition universitarie). Al contrabbasso due vere e proprie colonne. Il già citato John Clayton (recentemente "faro" dei live di Diana Krall) e Chuck Berghofer, contrabbassista della "retroguardia" di artisti come Art Pepper, Shelly Manne, Herb Ellis, Ella Fitzgerald… davvero perfetti in ogni istante, veri groovemakers di questo album e assoluti maestri nei momenti di duo con la voce. Alla batteria il contributo di un pezzo da 90 come Joe La Barbera che, oltre ad aver suonato con personaggi come Jim Hall, Phil Woods, Art Farmer, Gary Burton, Art Pepper, Kenny Wheeler, John Scofield, Bob Brookmeyer, Toots Thielemans è stato, insieme a Marc Johnson, l'ultima sezione ritmica di Bill Evans. Ad alternarsi, un altro "debuttante" come Willie Jones III con esperienze che vanno da Wynton Marsalis a Kurt Elling, da Hank Jones a Roy Hargrove. Ultimo, ma non ultimo, un James Moody (*) che non ha bisogno di alcuna presentazione e che tra voce e sax può considerarsi come un rubino su un gioiello già prezioso.

Doverosa quindi questa introduzione dei musicisti dell'album della Gambarini anche perché, senza dubbio, sarà stato un onore cimentarsi con artisti di questo calibro ma anche una sfida di notevole difficoltà vinta col merito di aver saputo dominare la scena senza intimidirsi mai e dando sfoggio di intelligente disinvoltura. Come su On the sunny side of the street e Lover Come Back To Me dove lo scat è abilità di saltellare sul tempo come una danzatrice che piroetta sul ghiaccio atterrando con grazia ed eleganza senza mai cadere grazie ad un notevole controllo dell'emissione e una padronanza dei propri registri. Oppure in ballad sul "filo" della tensione come "Lover Man", "Guess, I'll Hang My Tears Out of Dry", "Porgy, Is your woman now/I Love you, Porgy", "The Two Lonely People", "Smoke Gets in your Eyes/All the things you are", "Monk's Prayer/Looking Back" dove si avverte ancora di più la capacità di Roberta Gambarini di saper dosare il sustain del proprio strumento, supportata da una pronuncia non forzata. E ancora il mainstream con swing trascinanti e scorrevoli come Easy To Love e Centerpiece, la piacevolezza latina di No More Blues e Only Trust Your Heart e il caldo tepore delle blue note di un blues come Multi-Colored Blue.

Easy To Love ha ricevuto una nomination al Grammy Award 2006 e questo fornisce ulteriore prestigio al lavoro ma…poco importa, perché è musica di qualità che andrà ben oltre il premio e saprà conquistarsi consensi e attenzioni collocandosi comunque ai vertici internazionali del vocal jazz.
Marco Losavio per Jazzitalia

(*) Citazione di James Moody: "Remember this name, R-O-B-E-R-T-A G-A-M-B-A-R-I-N-I. She'll be the best singer around for quite awhile."






Articoli correlati:
12/10/2014

Intervista con Roberta Gambarini : "...a me interessa il pubblico, altrimenti resterei a casa, mi interessa portare questa musica agli altri perchè se la musica non la porti agli altri muore lì." (Laura Scoteroni)

08/09/2014

BAM, Il Jazz oggi a New York City (Nicola Gaeta)- Marco Losavio

07/04/2013

Cedar Walton presents Piero Odorici (Piero Odorici with Cedar Walton Trio)- Gianni Montano

07/10/2012

Intervista a Roberta Gambarini: "Quello che facciamo è un mezzo, mentre il fine è l'espressione di una verità che è dentro la musica, di più grande dell'individuo. È qualcosa di universale." (Michela Lombardi)

25/09/2011

Roccella Jazz Festival 2011 - "Unitàlia In-Attesa": Come tante altre rassegne, jazzistiche e non, l'edizione 2011 di Rumori Mediterranei, con la direzione artistica di Paolo Damiani, ha reso omaggio ai 150 anni dell'unità d'Italia con alcuni progetti mirati e la consueta kermesse di artisti internazionali di primissimo piano provenienti da culture di ogni dove e capaci di rendere unica anche questa trentunesima edizione che, purtroppo, rischia di sparire. (Vincenzo Fugaldi)

11/09/2011

Nevertheless (Valerio della Fonte)- Enzo Fugaldi

01/11/2010

Roberta Gambarini - Dado Moroni - Rosario Bonaccorso - Nicola Angelucci: "Serata all'insegna dell'amicizia e dello star bene quella che ha visto il caldo timbro vocale di Roberta Gambarini sublimare un debordante uditorio avido di emozioni, in una magica Villa Carpegna, in occasione della rassegna 'Odio l'estate'" (Daniele Camerlengo)

23/10/2010

La vita è bella (Mintzer / Moroni / Fioravanti /La Barbera)- Alessandro Carabelli

27/08/2010

Lennie's Pennies (Rosario Giuliani)- Franco Bergoglio

25/07/2010

Due week end ad Umbria Jazz: viaggio per parole ed immagini. Daniela Crevena e Daniela Floris, "l'una fotografando l'altra prendendo spasmodicamente appunti durante ore e ore di musica dal vivo", raccontano due week end ad Umbria Jazz: "Sono stati due week end in cui abbiamo viaggiato tra grandi nomi all'Arena Santa Giuliana, incredibili batteristi, pianisti, sassofonisti, trombettisti, straordinarie voci femminili e personaggi leggendari come Sonny Rollins e Ron Carter, che sono il jazz e che hanno talmente emozionato con la loro musica da farci uscire anche qualche lacrima..." (Daniela Floris e Daniela Crevena)

16/01/2010

Umbria Jazz Winter 2009: "Dedicata essenzialmente alla chitarra, la diciassettesima edizione di Umbria Jazz Winter ha consegnato agli archivi numeri da record e una sentita dedica a Gianni Basso...atmosfera come sempre unica nella deliziosa cittadina etrusca...una eccellente qualità artistica, che ha avuto nei concerti del quartetto guidato da Jim Hall e Bill Frisell, nel duo fra John Scofield e Larry Goldings e, quindi, nel quintetto accreditato a Kurt Elling, alcuni momenti di pura estasi." (Vittorio Pio)

01/01/2009

European Jazz Expo 2008, 26a edizione del Festival Internazionale Jazz in Sardegna: "Consiste in una splendida "pietra sonora" di Pinuccio Sciola il premio alla carriera conferito ad Antonello Salis nell'edizione 2008 dell'European Jazz Expo di Cagliari. Il cinquantottenne musicista sardo ha ricevuto così, con l'umiltà e la timidezza che lo contraddistinguono, un meritato riconoscimento del suo personalissimo e inconfondibile talento." (Enzo Fugaldi)

02/11/2008

Appunti di Viaggio (Roberta Gambarini)

18/05/2008

Bergamo Jazz 2008, Arve Henriksen Trio e Roy Hargrove Quintet: "Giunto alla sua trentesima edizione, il longevo e felice Bergamo Jazz vede esibirsi sul palco, per la serata conclusiva, due fra i più eloquenti trombettisti attualmente in circolazione, in un concerto che sembra voler sondare le potenzialità espressive di questo strumento nei più diversi contesti, tradizionali o sperimentali." (Achille Zoni)

27/01/2008

Clayton Brothers Quintet al Dizzy's Club, Coca-Cola: "Il quintetto non solo si è esibito mostrando una qualità ed una versatilità eccezionali, ma John e Jeff hanno dialogato col pubblico con calore e umorismo, raccontando anche aneddoti relativi al jazz e alla sfera personale della loro famiglia." (Roberta Zlokower)

17/11/2007

Sticks and Strings (Joe Locke Quartet)

02/11/2007

Jazz a' Juan 2007: "Il programma interessante e variegato di proposte musicali interpretate da alcuni dei gruppi più degni di nota nel panorama mondiale ha suscitato apprezzamento e consenso tanto da garantire il "tutto esaurito" ogni serata..." (Bruno Gianquintieri)

19/08/2007

Eric Reed Quartet al Dizzy's Club Coca-Cola Jazz di New York: "Reed è leggero, sospeso, progetta le sue frasi accentuando le linee melodiche e le lascia correre mentre queste - pure in un mood che per la sua quasi impalpabile leggerezza parrebbe poco incisivo - solcano il percorso sonoro segnandolo in modo indelebile..." (Alessandro Giamatti Fubini)

11/06/2007

Intervista a Roberta Gambarini: "...quello che io ricerco e che ho imparato dai grandi musicisti con cui ho lavorato è la comunicazione. Lo stile e il tipo di brani che tu utilizzi, magari partendo anche da un genere pop o classico, sono un mezzo, ma la cosa più importante è lo spirito, lo stato d'animo che tu comunichi, le storie che tu racconti." (Mario Livraghi)

11/05/2007

Nuova gallery per le foto di Elena Venier

09/02/2007

Umbria Jazz Winter: "La quattordicesima edizione di Umbria Jazz Winter è stata contrassegnata dall'incontro tra il jazz e la canzone d'autore: un binomio che molti anni fa negli Stati Uniti ha prodotti quei famosissimi standards su cui i jazzisti di tutto il mondo continuano ancora oggi ad improvvisare. Questo "fenomeno" ha raggiunto ormai da anni anche nel nostro paese, ed ha contribuito a rafforzare un'identità troppo spesso condizionata dagli stereotipi d'oltre oceano." (Marco De Masi)

15/07/2006

Hank Jones & Roberta Gambarini Quartet a Jazz In Parco 2006 (Francesco Truono)

11/07/2006

La gallery di Umbria Jazz 2006 di Giorgio Alto.





Video:
Ray Brown & John Clayton - Five O'Clock Whistle
Ray Brown & John Clayton - Five O'Clock Whistle à Cologne en 1994...
inserito il 21/07/2010  da savelonp - visualizzazioni: 2177
Roy Hargrove
Acclaimed trumpeter, composer, and bandleader Roy Hargrove realizes a lifelong dream with the August 25th release of Emergence (Groovin' High/Emarcy),...
inserito il 18/08/2009  da decca - visualizzazioni: 4697
Roberta Gambarini Roy Hargrove "Everytime We Say Goodbye" @ North Sea Jazz 2008
Hank Jones 90th Birthday Concert., note: Hank Jones got sick just before his concert and flew back to New York., , The most beautifull solo on flugelh...
inserito il 13/08/2008  da harryhaarlemjazzfan - visualizzazioni: 3082
Willy Ketzer Quartet feat. Roberta Gambarini
Roberta Gambarini live in the german TV Show "Kölner Treff" - "on the sunny side of the street", Roberta Gambarini - voc, Wil...
inserito il 11/06/2008  da beleza175 - visualizzazioni: 3109
Bill Evans Trio - My Romance (tune3)
Iowa 1979. With Marc Johnson - bass & Joe Labarbera - drums....
inserito il 29/10/2006  da fopstra - visualizzazioni: 2774


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 12.461 volte
Data pubblicazione: 16/12/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti