Jazzitalia - Consuelo Orsingher: Emozionarsi a vivere
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Riparte il San Severo Winter Jazz Festival. Annunciata la XI^ Edizione 2020/21 a cura del direttore artistico Antonio Tarantino.

Il Saint Louis College Of Music presenta Master di I Livello in Music Business & Management (60 CFA).

Arduino Jazz 2020. Al Parco Archeologico dell'Appia Antica il grande jazz tra nomi internazionali e sperimentazione con la rassegna ‘Dal Tramonto all'Appia: Around Jazz'.

Corso in Rebranding e Self-Promotion nel Music Business. A cura di Fiorenza Gherardi De Candei e Alceste Ayroldi.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            GADDI Piero (pianoforte)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Consuelo Orsingher
Emozionarsi a vivere



Alessio Brocca Edizioni Musicali 2010

1. Emozionarsi a vivere
2. Passeggiata in musica
3. Sì, io vorrei
4. The gift
5. Winter lullaby
6. Fatti vivere
7. Foglie d'alberi
8. Poi scopro che
9. C'est la vie
10. There's more to live

Consuelo Orsingher - voce
Stefano Sposetti - pianoforte
Corrado Stuffo - chitarra
Miriam Cipriani - flauto
Maria Cristina Mayer - violoncello
Massimo Gini - sax tenore
Ludwig Anton Wilhalm - tromba
Andrea Balgera - contrabbasso
Francesco D'auria - batteria


"Emozionarsi a vivere" è il primo album della cantante, pianista e compositrice Consuelo Orsingher che ha curato anche tutte le tracce di questo lavoro, a esclusione di "The gift" e "Winter Lullaby" dove la musica è del pianista Stefano Sposetti.

Le canzoni raccontano la vita di Consuelo Orsingher, e dalle parole delle sue canzoni si evince una forza e un'energica voglia di vivere; anche dove la tristezza sembra prendere il sopravvento come in "C'est la vie" poi emerge la sua vitalità. Manifesto di tutto ciò è la traccia che apre l'album: "Emozionarsi a vivere", dove il titolo già dice tutto. Consuelo Orsingher racconta il quotidiano come in "Passeggiata in musica" o "Sì, io vorrei" dai ritmi sudamericani, o come l'intimista ninna nanna "I winter lullaby" sottolineata dal dolcissimo flauto Miriam Cipriani. Si passa così dalla ritmica "Fatti vivere", a "Foglie d'alberi" sottolineata dal melanconico violoncello, fino a chiudere l'album con il brano "There's no more to live" dove Consuelo duetta con il sax di Massimo Gini.

Dieci tracce dove la poesia delle parole di Consuelo Orsingher, che canta anche in inglese con una dizione scolastica, si mescola alle melodie dei suoi musicisti. Brani che si avvicinano più al pop che al jazz sia nei temi che negli arrangiamenti, ma non per questo restano meno godibili.

Cinzia Guidetti per Jazzitalia







Articoli correlati:
31/01/2016

Three Spirits (Blue Chorale)- Niccolò Lucarelli

12/02/2012

'S Wonderful (Lara Iacovini Quartet)- Rossella Del Grande







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 2.583 volte
Data pubblicazione: 31/07/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti