Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

AIRES TANGO
EN VIVO

1° CD:
1. La luna (J. Girotto) 14:45
2. La luz (J. Girotto) 6:47
3. La poesia (J. Girotto) 10:08
4. Tierra del fuego (J. Girotto) 9:31
5. L'amico di Cordoba (P. Servillo/J. Girotto) 7:08
6. Cronologia del '900 (J. Girotto) 3:26
7. Retrato tanguero (J. Girotto) 9:34

2° CD:
1. Ciudad de frontera (A. Gwis) 5:15
2. Mariao (J. Girotto) 11:09
3. Pichuco (J. Girotto) 4:18
4. El dia que me quieras (C. Gardel/Lepera) 3:44
5. Madres de Plaza de Mayo (J. Girotto) 5:42
6. DV (A. Gwis/M. Rabbia) 3:46
7. Ajedrez (A. Gwis) 4:15
8. Mi niño (J. Girotto) 13:07

Javier Girotto
sax
Alessandro Gwis
piano
, tastiere
Marco Siniscalco
basso elettrico
Michele Rabbia
percussioni


C.A.M. S.r.l.
Via Cola di Rienzo, 152 - 00192 Roma (ITALIA)
TEL: +39-066874220 FAX: +39-066874046
www.CamJazz.com
E-MAIL:
info@CamJazz.com


“Dedichiamo questo disco a tutto il pubblico che ci ha sostenuto con affetto
in questi 8 anni di vita del gruppo. Con molto affetto di tutto cuore”.
(Javier Girotto)

photo by Francesco TruonoOtto anni di concerti, un numero sempre crescente di estimatori ed appassionati, oltre a 5 CD ed alcune colonne sonore per il cinema ed il teatro.
Queste sono le basi sulle quali nasce il doppio CD "
EN VIVO" degli Aires Tango, registrato dal vivo durante i loro 3 concerti lo scorso aprile al "la palma club" (www.lapalmaclub.it) di Roma.

1
5 brani che possiamo definire una sorta di "il meglio di" ("best of") di questo gruppo fondato nel 1994 dal sassofonista e compositore argentino Javier Girotto. Accanto a lui suonano Alessandro Gwis al pianoforte, Michele Rabbia alle percussioni e Marco Siniscalco al basso elettrico.

L
a musica degli Aires Tango può essere definita un "Tango contaminato". Nasce infatti dalla fusione delle melodie del tango con l'improvvisazione jazz. Il risultato é un tango trattato, dal carattere altamente latino per la melodia ed il ritmo, ma meno vincolato ai suoi canoni tradizionali e per questo terreno fertile per le improvvisazioni jazzistiche dei suoi componenti. In questo modo gli Aires Tango raggiungono una grande libertà espressiva nella quale gli echi del passato si fondono con la necessità di un linguaggio più moderno.

Data 24/07/2002
Testata Il Giornale
Titolo L'ultima evoluzione del tango all'italiana
Autore Fabrizio De Feo

Da questa sera alla ‘Palma’ gli Aires Tango che proporranno le canzoni del loro nuovo cd
E’ sinonimo dell’identità nazionale di un Paese, l’Argentina, che ne ha addirittura chiesto la tutela e il riconoscimento da parte dell’Unesco. Una sorta di ‘marchio doc’, a tutela della memoria di un popolo che non vuole farsi scippare l’anima musicale. Ma è anche un fenomeno sociale che si diffonde impetuosamente nel mondo tra dischi, film, corsi di ballo, concerti. In una parola: il tango. Una moda travolgente che, talvolta in maniera sofisticata, talvolta con operazioni in saldo e in offerta speciale, ha ormai conquistato l’Italia. Certo ci sono i parvenu, quelli che fiutata l’aria buona hanno deciso di soffiare sul fuoco già acceso e scoppiettante dell’invitante business. Ma ci sono anche quelli che, partiti in anticipo, hanno preso in mano la materia del tango con convinzione sincera ed intima adesione alla causa.
L’esempio più classico è quello degli Aires Tango. Il quartetto fondato dal sassofonista e clarinettista Javier Girotto, in cartellone a ‘La Palma’ di via Mirri stasera, domani e venerdì – iniziò a suonare tango-jazz nel ’94, prima che la grande onda si infrangesse sul nostro paese. Una operazione apparentemente difficile ma coronata da un successo straordinario, grazie alla forza dei quattro musicisti – oltre a Girotto, Alessandro Gwis al piano, Marco Siniscalco al basso e Michele Rabbia alle percussioni – e al meccanismo del passaparola. Ora, a otto anni dal debutto, gli Aires Tango sono più forti che mai e più che mai sulla cresta dell’onda. Sono diventati un classico gruppo ‘riempi-locali’, capace di legare a sé i propri fan e reclutarne costantemente di nuovi. Un successo che assomiglia molto a quello di un gruppo pop, ma che non spinge affatto Girotto & company a svendere la propria ispirazione. I quattro, infatti, sembrano tutt’altro che decisi a sedersi sugli allori. E questa sera rilanceranno, presentando il loro doppio disco live ‘En vivo’, che grazie alla collaborazione tra il responsabile della CamJazz, Ermanno Basso, e il patron del locale di Portonaccio, Flavio Severini, sarà possibile acquistare, insieme con il biglietto del concerto, a 20 euro (l’alternativa è 10 euro per il biglietto settimanale, ma senza disco). Un set da 15 brani. Un contenitore ampio in cui racchiudere la grande energia che i quattro strumentisti sprigionano dal vivo. Ma anche un ‘disco-bilancio’ per mettere il punto su otto anni di concerti e dirigersi verso nuovi territori. "Da tempo coltivo l’idea di prendere in mano la materia del folklore musicale. Sogno, ad esempio, di fare un disco di ninne-nanne, ovviamente rivisitate alla mia maniera. Credo che i tempi siano maturi" spiega Girotto. A settembre arriverà il primo segnale di cambiamento. ‘Usciremo con un album orchestrale. Un disco registrato a Sofia con una orchestra sinfonica ridotta, in cui ci saranno soltanto tre pezzi vecchi, tratti da ‘Cronologia del ’900’, e tutti brani nuovi. Una bella sfida. Un modo per attingere a nuovi materiali e continuare un percorso di crescita e contaminazione’. Senza, però, dimenticare la ‘nobile arte del sobborgo’, quel ‘pensiero triste che si balla’, in una parola il tango, che è da sempre la piattaforma musicale di Javier Girotto.
 

Data 12/07/2002
Testata Venerdì di Repubblica
Titolo Aires Tango, l'ironia è nascosta in un sicus
Autore Enzo Siciliano

Aires Tango a Roma, concerto al Club La Palma, fine dell'aprile scorso: un album CamJazz, En Vivo, due cd. Javier Girotto, con Alessandro Gwis alle tastiere, Marco Siniscalco al basso elettrico e Michele Rabbia alle percussioni, dà spazio ai fiati che adopera, sax soprano e baritono, clarinetto basso, in più sicus e mohseno, con tutta la fantasia possibile. Ma è poi la pasta ritmica che i quattro manipolano a sedurre: un suono smagliante di sfrontatezza, lucido, ironico, ma anche capace di mistero.
 

Data 28/07/2002
Testata La Nacion
Titolo Live in Rome 2002 Aires Tango
Autore Cesar Pradines

La luna, La luz, La poesía, Tierra del Fuego, L´amico di Córdoba, El día que me quieras, Madres de Plaza de Mayo y otros (Cam Jazz).
Aires Tango es el grupo del saxofonista soprano cordobés Javier Girotto, músico formado en Berklee y residente en Roma. Compositor y excelente intérprete, Girotto se reúne aquí con Alessandro Gwis en piano, Marco Siniscaldo en bajo eléctrico y Michele Rabia en percusión. Si bien es otro trabajo que toma al tango como núcleo, lo que a estas alturas no encierra novedades, el cuarteto tiene puntos muy fuertes tanto en el sonido colectivo como en las formas de expresión individuales. Aires Tango tiene su identidad, bastante localizada en el sonido del saxo soprano de Girotto, que sabe combinar fraseos de una belleza crepuscular y feeling profundo, con un estilo basado en la intensidad de contrastes. No podemos dejar de lado el sonido colectivo, como otro punto de interés. Excelente conjunción tímbrica, exhaustivamente expuesta a través de complejas sintaxis armónicas que redundan en benéfica melodía. Una placa sin desperdicio y que logra atrapar al oyente del comienzo al fin.

Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 14.566 volte
Data pubblicazione: 02/09/2002





Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti