Jazzitalia - Recensioni - Gustavo Cortinas: Esse
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Addio a Carlo Loffredo, tra i padri del Jazz in Italia.

Il sassofonista Roberto Ottaviano, a Tel Aviv per un omaggio al compositore Sasha Argov.

E' morto Roy Hargrove!! Il geniale trombettista statunitense è deceduto il 2 novembre 2018. Il cordoglio dei musicisti e della comunità tutta in ricordo del suo grandioso talento..

Giordano in Jazz Winter 2018: Bollani, Cincotti, Level 42, Alex Han e il gospel natalizio per l'edizione winter 2018, nella stupenda cornice del Teatro Umberto Giordano e non solo..

26ma edizione di Umbria Jazz Winter: nel cartellone i più bei nomi del jazz italiano e personaggi di culto del jazz americano. Una edizione che si segnala anche per alcune esclusive. .

Jazz Concept: Forme e Linguaggio Moderno del Jazz. workshop intensivo dedicato allo studio melodico del linguaggio jazzistico a cura del CEMM.

Simona Molinari, Maria Pia De Vito e il B&B Quartet per la 19a Edizione di Sorrento Jazz.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DI VEROLI Angelo (batteria)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FUMO Marco (piano)
            GALATRO Francesco (contrabbasso)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LI VOTI Dario (batteria)
            MUZZU Manuel (basso elettrico)
            PANTALEO Gianluca (basso e contrabbasso)
            PANTIERI Filippo (piano)
            PILATO Frank (chitarra)
            PISANELLO Donatello (chitarra)
            RAVERA Leo (piano)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            SPARTà Gaetano (pianoforte)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Gustavo Cortinas
Esse



OA2 rec. (2017)

1. Dialectics Of Freedom
2. Filosofia
3. The Allegory Of The Cave
4. Intro To Arète
5. Arète
6. Cogito ergo sum
7. Global Skepticism
8. On Certainty
9. Ubermensch
10. Intro To The Man Of Flesh And Bone
11. The Man Of Flesh And Bone

Justin Copeland - tromba
Roy Mcgrath - sax tenore (1, 3, 9, 11)
Artie Black - sax tenore (2, 5, 6, 7, 8)
Adam Thornburg - trombone
Hans Luchs - chitarra
Joaquin Garcia - pianoforte
Kitt Lyles - contrabbasso
Gustavo Cortiñas - batteria


Alla seconda prova da leader, con il suo progetto Snapshot, Gustavo Cortiñas mette nero su bianco, su carta da musica, la sua concezione e conoscenza della filosofia, argomentata in un concept-album. E anche la concezione musicale cambia, anzi matura sempre all'interno di canoni di stile classico, ma con un brillante passo moderno e sicuro. Un disco che fa dell'esistenza, dell'atto di esistere cartesiano il suo fondamento principe. La dialettica hegeliana ("Dialectics Of Freedom") è ben rappresentata da un brano agile, con l'apertura gustosamente ombrosa dei soli tamburi del leader, che vede nella tromba di Justin Copeland la voce principale: pulita e accesa, attenta alle inclinazioni ritmiche e all'andamento sciolto della composizione. Il batterista di Città del Messico sa condurre senza voler acquistare la scena a tutti i costi: "Filosofia" si sviluppa su tempi lenti, aggraziati dal fraseggio sicuro e misurato del nostro e da la coralità dei fiati, perfetti nell'interpretare una linea melodica marcata. "The Allegory Of The Cave", riprende temi cari al passato, con la chitarra di Hans Luchs che ricalca il discorso melodico con una velocità perfettamente controllata e una irreprensibile precisione ritmica che da la stura al tornito solo del tenore di Roy Mcgrath.

"Arète" guarda al latino-americano, lasciando sfilare intorno al ritmo avvolgente gli assolo. La – più rispetto agli altri episodi – breve "Cogito ergo sum" è una pausa di riflessione – onomatopeica – con il lento fluire in crescendo dei fiati e l'implicitazione ritmica argutamente disegnata dal Nostro. La capacità compositiva di Cortiñas è di grande impatto, abile nel mettere in rilievo la coralità e rimarcare la bellezza degli assolo, come nella crepuscolare "Global Skepticism", che smonta il concetto di ballad per ricostruirlo intorno a ondivaghi movimenti nell'incrociare dei fiati. Piena di lirismo narrativo, e senso orchestrale è "On Certainly" che ibrida con acume il sound dei piccoli ensemble degli anni Cinquanta con gli arrangiamenti più contemporanei. "Ubermesch", prende a schiaffi il post-bop, con la tromba di Copeland a svolazzare su di un fast ben nutrito dalla sezione ritmica. "The Man Of Flesh And Bone", con il suo periodare gentile e romantico sottolineato dal tocco netto e delicato di Joaquin Garcia chiude la seconda riuscita prova d'autore di Gustavo Cortiñas.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
29/12/2013

Snapshot (Gustavo Cortinas)- Alceste Ayroldi







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 419 volte
Data pubblicazione: 09/12/2017

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti