Jazzitalia - Recensioni - Koinè Jazz: Everything's in the roots
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Giordano in Jazz Autunno/Inverno 2019, edizione del segno delle donne e del piano solo internazionale. Apertura affidata a Linda May Han Oh e poi si continua con Rickie Lee Jones e Brad Mehldau..

Ventisettesima edizione per l'EFG London Jazz Festival, uno dei più importanti festival europei in programma dal 15 al 24 Novembre prossimi con una line up stellare, disseminata fra le principali (e prestigiose) venues della capitale britannica. .

Sotto le stelle del Gianicolo, prosegue la terza edizione del Festival "GIANICOLO IN MUSICA 2019 con grandi protagonisti del Jazz.

Il leggendario chitarrista Kenny Burrel in gravi difficoltà di salute e finanziare. Lettera della moglie per poterlo aiutare!.

Ecco la segnalazione di tutti i pezzi mancati dalla prestigiosa Collezione Attilio Berni a seguito del furto subito lo scorso 20 aprile 2019. Diamo un contributo al ritrovamento..

Il compositore e arrangiatore Luigi Giannatempo, invitato al Birdland di New York per collaborare ad un Tributo a Clark Terry.

Bargajazz Festival 2019 - Pubblicati i bandi per partecipare alla XXXI edizione del concorso internazionale per orchestra jazz dedicato alla musica del trombettista Dave Douglas..

Premiato a livello internazionale il film Claudio Fasoli's Innersounds, un viaggio nei processi creativi del jazzista Claudio Fasoli.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            CALIGIURI Francesco (sax)
            COLI Alessio (sax)
            D'AVERSA Vanessa (arpa)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FABBRINI Franco (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INTUITION QUARTET (gruppo)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MILONE Federico (sax)
            RAVERA Leo (piano)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            SIRAGUSA Nino (chitarra)
            THE JIM DANDIES (gruppo)
            VISCARDI Paolo (chitarra)
Koinè Jazz
Everything's in the roots



(BA 303 CD 2011, Music Center / I.R.D.)


1. Roots
2. Out of Nowhere
3. Triscaidecafobia
4. Spring
5. Nocturnal
6. Astrea

Fabrizio Fogagnolo - double bass
Enrico Penazzi - piano & el. piano
Alessandro Gorna - drums
Mattia Cigalini - alto sax on #2, #6


Un linguaggio comune per una storia che parla a tutti noi. A sillabarlo è il Koinejazz, trio formato da Enrico Penazzi, Alessandro Gorna e Fabrizio Fogagnolo, alla sua prima uscita discografica con questo "Everything's in the roots". Un titolo eloquente che indica già le coordinate entro le quali si muovono i quasi 50 minuti di musica del trio.

Il brano d'apertura, "Roots" è in effetti la pietra angolare dell'intero lavoro: un viaggio nella storia del trio jazz lungo il quale si attraversa l'intera stilistica di questo tipo di formazione. Non è un caso che la parola "roots", "radici", dia anche il titolo all'album. Tutto è nelle radici, tutto è già nella storia della propria musica, che solo conoscendo può essere proseguita. D'altronde, la presentazione del progetto spiega chiaramente che quella racchiusa «tra gli estremi Scott Joplin e Robert Glasper è la tradizione a cui il trio sente di appartenere».

Un jazz minimalista, che al "chiacchiericcio" musicale preferisce una rarefatta comunicazione. Questa poetica si esprime al meglio nel quinto brano, "Nocturnal", a firma Penazzi, che è autore di ben quattro dei sei pezzi che compongono il disco: totalmente privo di fronzoli, ma allo stesso tempo evocativo, capace di raccontare una storia, merito anche della scelta del piano elettrico e dell'interplay tra i musicisti.

Il pericolo di eccessivo cerebralismo o di una musica tanto cesellata da risultare stucchevole è dietro l'angolo ma, di questo, il trio ne è cosciente: brani come "Out of Nowhere", unico standard di Everything's in the roots o la lunga e creativa "Astrea", sono un antidoto alla mancanza di calore in cui un progetto come questo rischia di scadere facilmente. Ma si potrebbero evidenziare anche altri momenti simili, come l'assolo di contrabbasso di Fogagnolo su "Spring".

Da notare anche il contributo di Mattia Cigalini, ormai qualcosa in più d'una semplice bella promessa del sax contralto, che su "Out of Nowhere" e "Astrea" dimostra un'ottima padronanza della koinè che ispira l'azione musicale del trio.

Con questo lavoro assai equilibrato, la prima prova del progetto Koinejazz è superata; è lecito aspettarsi, per il futuro, ancora di più. Con la certezza che questa formazione non dimenticherà tanto facilmente la storia a cui guardare e nella quale inserirsi: i suoi riferimenti, le sue origini, le sue radici.

Giuseppe Andrea Liberti per Jazzitalia







Articoli correlati:
15/08/2016

Initiation (Cigalini, Tessarollo, Dalla Porta, Roche Quartet)- Niccolò Lucarelli

12/01/2015

Conversation With My Soul (Giovanni Tommaso Consonanti Quartet)- Alceste Ayroldi

11/01/2015

ParmaJazz Frontiere Festival: "...per il diciannovesimo anno consecutivo, si conferma come uno dei festival più interessanti d'Europa." (Andrea Grossi)

08/12/2013

Beyond (Mattia Cigalini)- Enzo Fugaldi

13/10/2013

Roccella Jazz Festival 2013: Trentatreesima edizione per il festival calabrese che, con una nuova direzione artistica, e' stato dedicato quest'anno alla tema della pace. (Vincenzo Fugaldi)

27/01/2013

Mattia Cigalini in duo con Andrea Pozza e il "Pepper Legacy" di Gaspare Pasini: La "musica verace e libera da schemi" del duo Cigalini-Pozza e i "fraseggi coloriti e sanguigni" nel triputo ad Art Pepper del sassofonista Gaspare Pasini. (Francesco Favano)

26/05/2012

"Concerto che riesce a tenere desto l'interesse e l'attenzione per il valore dei singoli, per l'equilibrio timbrico-dinamico e per la varietà che aggiunge all'abusato schema tema/assolo/tema con cadenze, chorus stop-time, parti in duo e altro." (Andrea Gaggero)

06/11/2011

Res Nova (Mattia Cigalini) - Alceste Ayroldi

01/08/2011

Circle trip (Alex Bioli Quartet)- Alessandro Carabelli

15/05/2010

Arriving Soon (Soul 4 & Mattia Cigalini) - Marco Buttafuoco





Video:
Mattia Cigalini - Flavio Boltro - Tullio De Piscopo - Andrea Pozza - Riccardo Fioravanti pt. 2
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 27/03/2010  da 84Plaza - visualizzazioni: 3598
Mattia Cigalini - Flavio Boltro - Tullio De Piscopo - Andrea Pozza - Riccardo Fioravanti
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 24/03/2010  da 84Plaza - visualizzazioni: 3621
Mattia Cigalini - Andrea Pozza Duo
Il duo composto da Mattia Cigalini ed Andrea Pozza, in concerto al Milestone Jazz Club....
inserito il 13/01/2010  da carlojazzsax - visualizzazioni: 2362


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 538 volte
Data pubblicazione: 15/08/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti