Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


DDQ – 128033-2

Luigi Martinale Quartet
Eyes and Stripes

1. Disappointment
2. Eyes and Stripes

3. A gleam of hope
4. Alagitz
5. Maybe

6. Sardastic
7. Billow
8. Rhyno

9. Waiting for leaving
10. Alternando
11. Hot love

All compositions by Luigi Martinale

Luigi Martinale piano
Fabrizio Bosso
trumpet
, flugelhorn
Nicola Muresu
bass
Alessandro Minetto
drums

Facciamo un passo indietro… Sì, perché questo Eyes and Stripes viene pubblicato dal Luigi Martinale Quartet un paio d'anni prima del già recensito Urka, dove il pianista torinese pure si sarebbe avvalso di Nicola Muresu al contrabbasso, Alessandro Minetto alla batteria e Fabrizio Bosso ai fiati, qui ancora fresco di riconoscimento come "Miglior Nuovo Talento" per il referendum di Musica Jazz (1999). E già Eyes and Stripes presenta, nella complessa semplicità della verve compositiva di Martinale e nella sua smagliante formazione, tutti i presupposti caratteriali del suo concept musicale.

Fin da subito il cd colpisce per la limpidezza della registrazione, declinando via via all'ascoltatore, nel corso della stessa, i tratti salienti del lavoro, tutti riconducibili alla fantasia dell'autore ed alla sua personale cifra musicale. Così in Disappointment, Martinale raccolto nel suo pianismo ben rifinito, e Bosso alla tromba, suono profondo e spedito fraseggio, o più ancora nella take in presa diretta della lead-track Eyes and Stripes, tanto swing ed un beat cadenzato, Bosso alla mute-trumpet, determinato e coerente il tocco di Martinale, un soliloquio di Muresu con lessico degno di uno strumento a fiato, e si intravede pure un po' dell'ironia musicale che caratterizzerà ancor di più lo spirito del successivo disco. O ancora in A gleam of hope, suggestivamente romantica, con un canonico cenno introduttivo che sfocia in una struggente ballad di cui il flicorno si appropria con buona compenetrazione interpretativa. Di ampio respiro il solo del pianista sull'accompagnamento sabbiato delle spazzole di Minetto, ed anche Muresu si ritaglia un proprio spazio, per un'efficace narrazione improvvisativa dai tempi molto riflessivi. Brano che forse soffre della "sindrome del finale". Quindi un medium-fast aperto da un giro di basso e a ruota parte Alagitz, con progressioni blues che viaggiano su modulazioni pluritonali, arricchite nell'inciso da un andamento armonico più variegato ed un variopinto drumming di Minetto. Melodicamente meno incisivo, qui Bosso sembra prestare più attenzione alle sfumature dinamico-espressive del proprio intervento che non alla stesura dello stesso. Pregnato da una beffarda incertezza Maybe, un distensivo brano melodico in tempo dispari ben inquadrato dalla ritmica, con un intimo racconto del contrabbasso, ma che un arioso motivo del flicorno sembra invece far viaggiare inizialmente sui quarti, creando una continua falsa alternanza ritmica senza soluzione di continuità, che confluisce in un incalzante finale in crescendo. L'unisono di contrabbasso, piano e tromba dà il via a Sardastic, subito svolta in un'improvvisazione sciolta del piano, e a seguire il vicendevole dialogo fra il volteggio "calabronesco" di Bosso, il contrabbasso andante e le quattro misure affidate alle colorite pulsioni ritmiche di Minetto rende il pezzo uno dei più freschi, vari e leggeri di tutto il set. Quindi Billow, dove si rileva il ben riuscito connubio fra l'anima romantica del compositore torinese ed il delicato timbro del flicorno del fiatista, elegante l'assolo del primo, carezzevole quello del compagno, come pure sentito è il solo di contrabbasso, per un frangente particolarmente rilassante. Di diverso piglio Rhyno, allegro tema boppeggiante scandito dalle precise sticks di Minetto e sviluppato da un fluido fluire di tasti pianistici, cui si sovrappone il ricco monologo di Bosso, adesso alla tromba. Atmosfera più melanconica quella di Waiting for leaving, tipica dei ricordi che indugiano prima di una partenza, dove la voce calda del contrabbasso contribuisce con il suo break a delineare il mood del brano… Pacata intro di piano per Alternando, slow bossa sbarazzina il cui ritmo dondolante è soltanto pretesto per le evoluzioni solistiche dei singoli musicisti, quindi, in finale, omaggio al magistrale Cole Porter con Hot love, song che infatti liberamente si muove sulla stessa griglia armonica di What is this thing called love?: è Bosso a svelarne il gioco, con una chiara citazione alla fine del suo sviso, ma diventerà una sorta di marchio del quartetto, ancora più evidente nel successivo disco, quello di rimettere la chiusura delle sequenze discografiche a brani dalla struttura divertente.

Ancora non tanto smaliziato quanto nel lavoro successivo, già comunque Martinale mostra qui il suo carattere di musicista completo, compositore sensibile ed autoironico, con una propria linea stilistica tradotta esecutivamente in atto dal terzetto di validi e brillanti musicisti-solisti che compongono il suo gruppo.
Antonio Terzo






Articoli correlati:
18/09/2010

Come se i pesci (Roberto Demo)- Morena Ragone

02/01/2010

Passi Leggeri (Tino Tracanna, Luigi Martinale)- Rossella Del Grande

21/11/2009

Intervista a Luigi Martinale: "...il mio obiettivo è la liricità, da tempo la mia ricerca va verso l'essenzialità melodica, sostenuta da un percorso armonico che non sia banale e non artificioso allo stesso tempo. Una buona idea compositiva deve comunicare e lasciare un segno..." (Franco Bergoglio)

22/02/2009

Radio Waves (Alberto Varaldo - Luigi Martinale)

04/08/2006

Simple Memory (Luigi Martinale Trio)

13/10/2005

Stella (Luigi Martinale Standard Quartet)

30/12/2004

Jazzinaria Quartet (Dipinto di Blu)

13/04/2003

Urka (Luigi Martinale Quartet)

12/04/2003

Sweet Marta (Luigi Martinale Trio)

13/03/2003

Links (Luigi Martinale Quartet)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 5.180 volte
Data pubblicazione: 22/12/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti