Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Tonolo - Goldstein - Birro - Ciancaglini
Farfalle

1. Farfalla (G. Goldstein)
2. Barchesse (P. Birro)
3. Tha Phoenicians (G. Goldstein)
4. Nivasio (P. Tonolo)
5. Panetelas (P. Tonolo)
6. Perugia (G. Goldstein)
7. Arco (P. Tonolo)

Pietro Tonolo -
sax
Gil Goldstein -
fisarmonica
Paolo Birro -
piano
Pietro Ciancaglini -
contrabbasso


EGEA Records
Via della Stella, 14
06123 Perugia
Tel: 075-5716337
Fax: 075-5717985
E-mail: info@egearecords.it
www.egearecords.it

«Legato alla melodia collettiva e a certe versificazioni rupestri, "Farfalle" si pone quasi come la lettura di un racconto sfogliato sotto gli alberi di un meriggio primaverile. Disco quietamente misurato e quotidiano insomma. Prova ne siano le attraenti allegorie di Birro in Barchesse o gli umori brillanti di Perugia, composta da Gil Goldstein (ultimo braccio destro di Gil Evans), fisrmonicista “montaliano” e in perfetta antitesi con l’introspettivo tratto semantico di Tonolo, il quale s’aggroviglia fitto nel tango di Panetelas o si disarma nel bell'epilogo di Arco».
Gianmichele Taormina

Crederci o meno non è obbligatorio e neppure così importante, nonostante la semantica si presenti con regolarità nel discorso musicale, quasi fosse un suo valore aggiunto. La semantica è un concetto filosofico che segue i tempi e i movimenti causati dal cambiamento - evolutivo o involutivo, dinamico o immobile - della società in cui viviamo. Per questo mentre alcuni credono che il suono sia un'entità chiusa in sé stessa (una vecchia e asettica speranza di alcune avanguardie del Novecento), altri considerano il descrittivismo come una fra le espressioni più pure dell'astrattismo musicale.
Altri ancora sono dediti, invece, a quella "musique d'ameublement" (oggi trasformatasi forse in new-age o ambient) che Satie avrebbe voluto imporre al pubblico, anticipando i gusti della fine del XX secolo, spesso nascosto in un suono anonimo e votato al sensazionalismo "in vitreo". Pietro Tonolo penso sia uno fra i pochi jazzisti in grado di perpetuare una ricerca che sappia ancora dare corpo e significato alle note. Un artista che si chiede, come faceva Max Weber: "Che cos’è la musica?". Difficile rispondere, anche se il suo essere descrittivo, accennatamente impressionista ma mai stravagante o fuggevole, legato al lato figurativo ma non semplicemente "divulgativo" delle note (capace di viverle, fotografandole) ci offre alcuni piccoli indizi su come poter considerate questa produzione.

L'impianto formale del disco è fatto di concretezza e aleatorietà (non consideriamo il termine musicalmente ma solo idealmente) dando il senso di una completezza e di un rigore che, però, non vogliono essere del tutto rifiniti o severi. In "
Farfalla", se di semantica vogliamo parlare, si immagina o l'immagine è un qualcosa di diverso, proiettato in noi? Esiste emozionalmente, negli "svolazzi" dei sax e in quella fisarmonica che Gil Goldstein governa con piglio puntillista, da artigiano di un suono da sagra popolare vista dalla finestrella della propria anima. Eppure non è così semplice: c'è un tango (Panetelas) e temi che tradiscono un'etnicità (The Phoenicians) colta con vigore e con la necessità di dare il via ad un gioco "dispettoso" di richiami, di passaggi dove l'improvvisazione è il naturale prolungamento della melodia.

Attraverso equilibri e timbrica il sassofonista indaga il suo mondo fatto di tenere ambiguità, di canzoni senza parole (ma la linea del cantabile è solida), di racconti senza pagine (basta la fantasia), di poesie fatte di accenti e mescolanze liriche. Lo spazio è un concetto determinante - l'ennesimo - perché induce a pensare ad una sorta di "marginalità", di inquietante lontananza, di una ricerca irrequieta. Questi sette brani scivolano l'uno nell'altro, le note che li compongono vivono di "spazialità", dei contrasti di questa entità fortemente mediterranea che considera il tempo con saggezza, come fanno gli assoli di Tonolo a volte "abbandonati" sull'interagire di piano, fisarmonica e contrabbasso che variano, riprendono, si riappropriano della magia dei temi. Pietro elabora, in tutti i suoi molteplici aspetti, la materia: lo fa tradendo sempre un interesse particolare nei confronti dei conflitti strutturali, delle chiose armoniche, delle sfumature. Il fascino del contrappunto, la levità dei rapidi passaggi d'impronta quasi cameristica (in
Arco), la pungente chiazzatura del tenore che fraseggia con un chiarore spregiudicato rinunciando a qual si voglia esercizio di stile trasformano "Papillion" in un piccolo capolavoro. E' una questione di piani sonori mutanti; di sintesi, azione e trasformazione in un continuo divenire, dove il senso della misura e della proporzione riveste un ruolo prioritario di "spinta".

Un lavoro, quindi, che non manifesta l’idea del folclore da bazar sottocasa, che non appiccica il jazz alla tradizione, che non svolge un compitino per compiacere. Un'opera, piuttosto, che utilizzando "processi di conversione" (i dati di partenza servono per superare il convenzionalismo sonoro) va alla deriva con coraggio, verso aperture dinamiche pronte ad accogliere un nuovo concetto di modernità che non sia sola espressione di un agire muscoloso e virtuosistico ma anche e soprattutto di interazione emozionale e umana. Ecco perché Paolo Birro, al piano, e Pietro Ciancaglini al contrabbasso, sono i conduttori di un ritmo di "spostamento" e non solo i protagonisti di un semplice accompagnamento. .
Davide Ielmini - Giugno
2002  






Articoli correlati:
26/04/2010

Itaca (Peo Alfonsi) - Alceste Ayroldi

18/04/2010

Miramari (Andre' Mehmari & Gabriele Mirabassi) - Alceste Ayroldi

26/05/2007

Stultifera navis (Jazzcom)

28/05/2006

Carillon (Riccardo Zegna)

05/03/2006

Italian songs (Pietro Tonolo)

27/01/2006

L'amico del vento (Stefano Cantini)

11/12/2005

Danza di una Ninfa (Storie di Tenco) (Enrico Pieranunzi e Ada Montellanico )

23/11/2005

Ladybird (Paolo Damiani)

22/09/2005

Sette e mezzo (Marco Zurzolo Band )

12/06/2005

New Old Age (J. Taylor - S. Swallow - G. Mirabassi)

27/12/2004

Les Amants (Enrico Pieranunzi)

17/07/2004

Oltremare (Pietro Tonolo)

02/04/2004

Mari Pintau (Bebo Ferra)

19/10/2003

Fuori le Mura (Gabriele Mirabassi - Luciano Biondini)

17/10/2003

Lirico (Danilo Rea)

12/10/2003

Il Circo (Raffaello Pareti)

16/05/2003

Trasnoche (Enrico Pieranunzi - Marc Johnson)

19/04/2003

Barcarola (Riccardo Zegna)

16/04/2003

La Bancarella (Gianni Coscia)

11/02/2003

Perugia Suite (Enrico Pieranunzi)

01/02/2003

Pulcinella (Marco Zurzolo)

12/09/2002

L'Archiliuto (Gianni Coscia)

02/07/2002

Racconti Mediterranei di Enrico Pieranunzi con Marc Johnson e Gabriele Mirabassi (Egea Records).

22/06/2002

Live at Umbria Jazz. Un eccezionale documento della grande Carmen McRae.

19/05/2002

Isole (Islands) di Paul McCandless, Bebo Ferra e Paolino Dalla Porta (Egea Records)





Video:
Stepping on stars - Joe Locke Rosario Giuliani Dado Moroni (Egea Records-Umbria Jazz)
Spot nuova uscita discografica 2011 "STEPPING ON STARS" J.LOCKE-R.GIULIANI-D.MORONI(EGEA RECORDS-UMBRIAJAZZ) www.egeamusic.comRegistarto dur...
inserito il 24/12/2010  da EgeaRecordsMusic - visualizzazioni: 4717


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 14.271 volte
Data pubblicazione: 16/11/2002

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti