Jazzitalia - Recensioni - Consolmagno, Salvatori, Spinaci: Flowing Spirits
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Nominations dei 63° Grammy Awards. Gerald Clayton, Joshua Redman, Regina Carter, Maria Schneider, Goznalo Rubalcaba, Kurt Elling, il "solito" Chick Corea, e poi Carmen Lundy, Ambrose Akinmusire, Kenny Washington.....

La Musica Italiana a sostegno del Rosetta Jazz Club di Matera.

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Riparte il San Severo Winter Jazz Festival. Annunciata la XI^ Edizione 2020/21 a cura del direttore artistico Antonio Tarantino.

Il Saint Louis College Of Music presenta Master di I Livello in Music Business & Management (60 CFA).

Arduino Jazz 2020. Al Parco Archeologico dell'Appia Antica il grande jazz tra nomi internazionali e sperimentazione con la rassegna ‘Dal Tramonto all'Appia: Around Jazz'.

Corso in Rebranding e Self-Promotion nel Music Business. A cura di Fiorenza Gherardi De Candei e Alceste Ayroldi.

Solo un arrivederci per Umbria Jazz. Costretti ad annullare l'edizione del 2020, sono già riprogrammati alcuni concerti esclusivi per l'edizione 2021!.

Saint Louis Club House, il nuovo salotto musicale ideato dal Saint Louis per ascoltare, vedere e degustare la musica comodamente dal divano di casa, in tempi di emergenza Covid-19. .

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            GADDI Piero (pianoforte)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEPORE Fabio (voce)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Consolmagno, Salvatori, Spinaci
Flowing Spirits



Red Records (2012)

1. Spiritual
2. Lion Heart
3. Lonely Woman
4. Baurimbé
5. Temi dei Sireni n.1
6. Segredo da Noite
7. Brother Wind

Nicola Salvatori - sax tenore
Simone Spinaci - chitarra, loops, voce
Peppe Consolmagno - percussioni, voce



Nasce dalla registrazione di un concerto del 2011 al Festival del Jazz Village di Pesaro l'album del trio marchigiano Consolmagno, Salvatori, Spinaci. Dato alla luce, nel suo packaging attuale ripulito e masterizzato, grazie alla passione che Sergio Veschi della Red Records ha nutrito subito dopo l'ascolto. Un trio caratterizzato dalla forte personalità artistica del percussionista Peppe Consolmagno studioso, amante appassionato e operaio delle percussioni, dopo anni di ricerca sui territori brasiliani, africani e asiatici ha iniziato a trasformare gli strumenti percussivi e a crearne di nuovi per adattarli alle sue esigenze ritmiche e melodiche, per renderli personali e affini alla sua visione di musica. Va da sé che l'album sia caratterizzato da una forte impronta etnica e improvvisativa, da richiami extraterritoriali. Un album che sconfina in territori lontani che prende giustamente il nome di "Flowing Spirits".

Una premessa che viene subito rinnegata dal primo pezzo dell'album, che può essere considerata l'eccezione che conferma la regola. In effetti la "Spiritual" di John Coltrane è un omaggio quasi preciso al limite dell'imitazione del bellissimo pezzo del sassofonista americano. Il tenore di Salvatori ha il marchio della scuola di Sonny Rollins, il brano è arricchito dalle percussioni e da altri oggetti che riprendono l'originale linea ritmica della batteria, senza stravolgere o prevaricare troppo sul solo del compagno. La chitarra dal canto suo, che in quest'album è chiamata al doppio lavoro ritmico, con le linee di basso, e melodico, segue il sax confondendosi con i suoi arpeggi.

Dal successivo "Lion Heart", firmato da Consolmagno, si viene trascinati in atmosfere e luoghi lontani. L'hang-drum, utilizzato dal percussionista, ne è il principale artefice, oltre al modo di utilizzare la voce quasi ancestrale e tribale. La sperimentazione dei tre musicisti ci porta quasi a non riconoscere il successivo capolavoro di Ornette Coleman "Lonley Woman" fino all'entrata del sax. Ma tutto il brano si articola in maniera alquanto libera. "Baurimbè" lo dice anche il nome stesso, è un'esecuzione di Consolmagno per berimbau, voce, e chitarra nel finale. L'arcaicità e l'etnicità del percussionista si fondono con le melodie più europee della chitarra di Spinaci, un incontro insolito ed evocativo. Le stesse atmosfere le ritroviamo nei successivi "Tema dei Sireni n.1", dove l'incontro tra i tre è preciso ed equilibrato, e "Segredo da Note" brano che rimarca le capacità tecniche e stilistiche del percussionista con il berimbau.
Finisce con "Brother Wind" di Garbarek questo interessante viaggio mistico tra paesi e ritmi inusuali da una parte, e dall'altra, un forte omaggio ai grandi del jazz del nostro secolo.

Valeria Loprieno per Jazzitalia







Articoli correlati:
30/05/2010

Come sto bene qui (Marangolo Quartetto Orizzontale)- Enzo Fugaldi

08/02/2009

Intervista a Peppe Consomagno: "Costruire i miei strumenti per me non è solo una cosa fondamentale, ma profondamente vitale. Sono oggetti sonori e per me è importante conoscerli, passare per le loro fibre, ascoltarli, dialogare con loro ed emozionarsi. Tutto suona è vero, ma un buon strumento è necessario farlo entrare in musica perché egli stesso è musica. La ricerca del suono mi ha sempre caratterizzato. Ritengo che uno strumento deve produrre un gran bel suono acusticamente, ma è necessario riuscire a farlo suonare bene anche davanti ad un microfono, sia in studio che live." (Fabrizio Ciccarelli)

11/03/2006

Kalungumachine - Timbri dal Mondo (Peppe Consolmagno)

04/02/2006

Fandango Jazz Festival (N. Vasconcelos - A. Salis - P. Consolmagno)

12/08/2005

Live at Womad 2001 (Ishk Bashad )







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 493 volte
Data pubblicazione: 28/10/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti